22°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - Giuseppe Bernini

Gente di provincia - Giuseppe Bernini
0

 Stefano Rotta

«Lei, di guardia ai muli».  E’ un ordine, l’alpino Giuseppe Bernini, 28enne, lo accetta. Ma di pessimo grado. Dopo tutti quei sacrifici, quelle sofferenze e quei martiri sul fronte greco-albanese, è l’ennesima beffa. Ufficiali e altri soldati sulla nave Galilea, per tornare in patria, lui, povero montanaro, con le bestie. E’ il 27 marzo 1942. Il Galilea, fiore all’occhiello della Marina militare italiana, parte dal porto del Pireo, il mitologico sbarco di Atene, in convoglio con le navi Crispi e Viminale.
«Nelle vicinanze di Patrasso – informa Cristiano d’Adamo, sul sito della Regia Marina – si aggiunsero i piroscafi Piemonte, Ardenza e Italia. Il convoglio lasciò Patrasso alle 13 del 28 marzo scortato dalla nave ausiliaria Città di Napoli, al comando del capitano di fregata (stessi gradi di De Falco, ndr) Ciani, il cacciatorpediniere Sebenico e le torpediniere San Martino, Castelfidardo, Mosto e Bassini. La Regia Aeronautica si occupò della ricognizione aerea difendendo il convoglio con caccia fino all’imbrunire». La storia racconta come finì il Galilea: silurato.
A Reno di Tizzano c’è ancora un vecchio di 97 anni, con gli occhi accesi e la carnagione olivastra, a dir com’è scampato: per destino. Bernini, penna nera in testa nel salotto di casa, è nato il 4 aprile 1914. Già sopravvissuto alla malaria in Albania, e a una scheggia di mortaio in Grecia, si vede una nave affondare davanti agli occhi. 
«Siamo andati in soccorso, ma c’è stato poco da fare», ricorda il vegliardo. In guerra, quest’uomo, perse (oltre a tanti mesi della giovinezza) il «fratello» Bruno Attolini, di soli 19 anni. Pensava, in quel giorno di primavera: «Chissà se ci torno, a casa». Questo anche perché vedeva il Galilea procedere più spedito in mare, e la loro imbarcazione, più modesta e carica di animali, annaspare. Basta poco per assistere alla tragedia: «Ho visto gente che si ammazzava per non annegare». 
Il Galilea era una nave passeggeri della Adriatica Società Anonima di Navigazione con uffici a Venezia e Trieste. Costruita dai cantieri San Rocco di Trieste nel 1918 con il nome Pilsa, fu venduta alla compagnia triestina nel 1935 e ribattezzata Galilea. I documenti del Lloyd di Londra descrivono la nave come una «passeggeri» con due eliche e motori a turbina, 8040 tonnellate di stazza lorda, lunghezza 443 piedi e 8 pollici, larghezza di 53 piedi e 2 pollici, pescaggio di 25 piedi e 11 pollici. La velocità nominale era di 13,5 nodi con una portata di 47 passeggeri in prima classe e 148 in seconda. In guerra, naviga però come «nave ospedale». Trasporta, prima del naufragio, una parte del battaglione Gemona e della divisione Julia (alpini). Tanti di questi, torchiati nel canale di Corinto, sarebbero stati poi spediti in Russia. Capitò anche a Giuseppe Bernini, cui, per il gelo, caddero tutti i denti. Nessun paragone va fatto con l’inimmaginabile fine della Costa Concordia. Siamo in guerra e non in pace, in mari difficili e non in zone balneari, il capitano è attento, non certo in vena di bravate. Anche i morti, spropositatamente maggiori: dei 1.275 uomini imbarcati sul Galilea, solo 284 furono salvati. Sono le 18 e 30, il convoglio doppia Capo Ducati, piove e s’addensa la foschia marina. «Alle 19 – informa sempre d’Adamo – le navi lasciarono la formazione in linea di fila e si divisero in due righe con la Viminale di testa a dritta e il Galilea a sinistra, circa 600 metri l’una dall’altra. Malgrado il convoglio fosse nella più completa oscurità, divenne preda del sommergibile inglese HMS Proteus comandato dal Lt.Cmd. Phillip Steward Francis. Questa unità aveva lasciato Alessandria il 12 marzo per una missione di perlustrazione nel golfo di Taranto. Infine, senza aver avuto risultati di rilievo, l’unità fu trasferita nello stretto d’Otranto dove affondò il Galilea. Dopo questo successo, il Proteus continuò la perlustrazione affondando, il 30 dello stesso mese, il Bosforo (3.648 t.). Il sottomarino rientrò ad Alessandria il 4 aprile».
Per caso o per destino, il giorno del 28esimo compleanno di Giuseppe Bernini. Il Galilea venne colpito alle 23.45, sulla sinistra. Squarcio di sei metri per sei. Sbanda subito di 15 gradi. L’agonia dura fino al 29 marzo, più lunga quella dei tanti italiani, madri soprattutto, senza neppure una salma da piangere. Alpini, in famiglia, sono anche il marito della figlia Delia, Walter Capitani, e il nipote Pascal, del 1977. Tornato a casa, comincia il duro lavoro nei campi. «Non ci ha mai raccontato nulla, di queste cose», dicono in casa. Garzone a 7 anni, cresciuto con la nonna per gravi lutti in famiglia, «mangiavo le cipolle per non morire di fame», dice della sua infanzia, primo dopoguerra italiano. «Miseria nera. Ho lavorato e basta». La pensione arriva nel 1976. In vita c’è ancora una sorella, Giuseppina, è del 1919, vive a Lugano. Nel tempo perso, fino a poco fa, «Settimana Enigmistica» e qualche sonetto ironico, scritto in foglietti nascosti nei cassetti. Tutto in dialetto. «Addirittura – racconta la figlia – per qualche mese, una trentina di anni fa, ha lavorato per progettare un modellino di ponte sullo Stretto di Messina». Lui, che se l’era un po’ dimenticato, adesso sorride, come per dire: non l’ho fatto io, ma non lo farà nessuno. Carattere schivo. Molto schivo. Quasi sempre ha rinunciato alle adunate. Lavora il legno. Si è costruito un tornio, il letto e l’armadio. Gli anni di matrimonio, sono sessantanove.  

 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Atterraggio

olanda

Che atterraggio! Il cargo rimbalza sulla pista Video

Ligabue, necessario ricordare. Su Fb e Twitter, video della canzone 'I Campi in Aprile'

Liberazione

25 Aprile: Ligabue dal tour fa gli auguri cantando "I Campi in Aprile" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Corteo in centro: Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti: "Avanzano le paure ma dall'antifascismo sono nati gli anticorpi della civiltà"

25 Aprile

Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti ricorda il partigiano Annibale Foto Video 

Il sindaco: "Avanzano le paure ma dall'antifascismo vengono gli anticorpi"

1commento

parma in crisi

Ko (anche) con il Sudtirol: squadra in ritiro a Collecchio

Autostrade

Autocisa: 3 chilometri di coda. Traffico intenso in A1 fra Campegine e Fidenza

EVENTI

Concerti, bancarelle e street food: l'agenda del 25 aprile

pilotta

Planet Funk e Fast Animals and Slow Kids Chi c'era

foto dei lettori

Un turista si è perso, finendo in Pilotta Gallery

Monticelli

Tragica caduta in bici: muore 65enne

GIALLO

Trovato un cadavere in Po: si pensa che sia Bebe Brown, scomparsa a Pasqua a Boretto

La testimonianza: "Sua sorella l'aveva chiamata qui per darle un futuro migliore..."

Aveva 81 anni

Se n'è andato Franco Ferretti, re del packaging

Bassa

Castle Street Food: una giornata ricca di eventi a Fontanellato Foto

Salso

Bruciata l'auto di un salsese

BRESCELLO

Trasporta cavalli senza patente né permessi: maxi-multa per 25enne

tV parma

'Il cuoco perfetto": stasera iniziano le sfide dirette Video

Calcio

Figuraccia Parma, ko con il Sudtirol: pioggia di fischi Foto D'Aversa: "Così la B è difficile" Video

Davanti al Tardini, il ds Faggiano incontra i tifosi La foto -   Il commento di Pacciani: "Partita sconcertante" Video - Il Pordenone raggiunge il Parma. La squadra esce senza "salutare" la curva, poi torna indietro

11commenti

LA BACHECA

20 annunci per chi cerca lavoro

Denunciato

Falsi certificati per avere la patente

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

EDITORIALE

Eliseo: sarà una sfida tra due outsider

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

LIVORNO

Sale sul tetto di un treno: 18enne muore folgorato

Ferrovie

Una persona investita da un treno: circolazione bloccata per due ore e mezza sulla Piacenza-Bologna

SOCIETA'

3 mesi fa l'aggressione

Il primo selfie di Gessica Notaro (la miss sfregiata con l’acido dall’ex)

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

SPORT

calcio e veleni

Lite Spalletti-Panucci sulla sostituzione di Dzeko Video

parma in crisi

Marco Ferrari: "Tutti abbiamo voglia di svegliarci da un incubo" Video

2commenti

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"