-1°

Provincia-Emilia

Torrile - "I vicini ci hanno aggrediti in cortile: sono caduta con mia figlia in braccio"

Torrile - "I vicini ci hanno aggrediti in cortile: sono caduta con mia figlia in braccio"
3

 Chiara De Carli

E' stata una mezz'ora di paura quella vissuta da una giovane coppia residente a Torrile. Una coppia come tante, che aveva deciso di fare una passeggiata ma che, al ritorno a casa, avrebbe trovato ad attenderla una brutta sorpresa. Nel cortile del caseggiato in cui vivono un diverbio con i vicini di casa è degenerato e l’uomo si sarebbe ritrovato con una frattura al naso, diverse contusioni e una prognosi di 30 giorni. «Rientrando a casa, abbiamo trovato i due ragazzi nel cortile e la madre alla finestra – racconta la donna   -. Appena entrati dal cancello hanno cominciato ad aggredirci verbalmente e poi hanno letteralmente assalito mio marito prendendolo a pugni e calci in testa mentre io non sapevo cosa fare perchè avevo la mia bambina di 10 mesi in braccio e pensavo a proteggerla. Poi è scesa anche la madre che si è rivolta verso di me facendomi cadere». 
Un’aggressione durata pochi minuti ma che avrebbe potuto avere gravi conseguenze visto che la bambina ha battuto la testa in terra riportando un piccolo trauma. «Fortunatamente il piumino che indossava ha attutito la caduta ma ho preso un grande spavento. Appena mio marito è riuscito a divincolarsi siamo scappati in casa e abbiamo chiamato i carabinieri» ha aggiunto la donna. I due ragazzi sono arrivati nella palazzina solo tre anni fa e già da subito sarebbero iniziati i dissapori con una delle famiglie che vive nello stabile. «Anche l’altra vicina ha problemi con loro e li ha denunciati più volte – ha continuato la giovane -.  Abbiamo anche tentato di vendere il nostro appartamento un anno fa ma, visto il contesto, nessuno lo vuole. Abbiamo sempre subito senza ribellarci ma adesso siamo dovuti scappare da lì perchè ho paura che succeda qualcosa a me o alla bambina visto che siamo stati anche minacciati di morte. Trovo assurdo che una madre colpisca un’altra madre che ha in braccio la sua bambina e che nessuno faccia niente. Per fortuna che la bambina non si è fatta niente ma è giusto che dobbiamo aspettare il morto prima che qualcuno intervenga? Adesso loro sono là sul loro divano tranquilli mentre noi abbiamo dovuto rinunciare alla nostra casa e alla nostra serenità. Vi sembra giusto?». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • dd_77

    30 Gennaio @ 10.20

    purtroppo i manicomi non esistono più.. la superficialità e il bullismo lo si combatte con altri mezzi non certo con la violenza.

    Rispondi

  • giuliano

    28 Gennaio @ 08.20

    anchio sono stato aggredito dai miei vicini ma i carabinieri non hanno fatto nulla, quindi siamo senza leggi,bisogna pensare come mio padre cane non mangia cane.

    Rispondi

  • Chiara

    27 Gennaio @ 18.17

    Mi chiedo: ma sti qui hanno già delle denunce dai vari vicini e nessuno ha mai fatto nulla? Qualunque sia il motivo dei diverbi, il fatto che due ragazzi attendano in cortile che una coppia di sposi tornino dalla passeggiata con la loro bambina per menarli mi sembra roba dell'altro mondo... con tanto di madre che assiste alla finestra per poi intervenire ella stessa a dar man forte picchiando una donna con il braccio una bimba... Pazzesco.... Con una madre così non mi sento neppure di dare contro ai ragazzi... da una madre violenta si impara solo violenza...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Intervista

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

Graiani, il vigile del fuoco volante

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

6 febbraio

Superbowl: sfida dell'anno tra Patriots e Falcons

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria