12°

Provincia-Emilia

Terremoto - Colorno, la Reggia ferita si "spoglia": via statue e decori

Terremoto - Colorno, la Reggia ferita si "spoglia": via statue e decori
3

Comunicato stampa

Da lunedì la Reggia di Colorno avrà un nuovo volto. Dovranno essere infatti rimosse le statue e gli elementi di decoro che da più di 3 secoli ornano il monumentale palazzo ducale, abitato dai Farnese, dai Borbone e da Maria Luigia d'Austria. E’ questa la decisione presa al termine del lungo sopralluogo che oggi i tecnici della Provincia, con il presidente Vincenzo Bernazzoli e gli assessori Giuseppe Romanini e Andrea Fellini, hanno svolto insieme ai Vigili del Fuoco di Parma i cui ingegneri ancora in queste ore stanno visionando con l’autoscala i cornicioni esterni della Reggia. Le lesioni riportate dopo le due scosse di terremoto di mercoledì 25 e di ieri, venerdì 27 gennaio, non pregiudicano la stabilità del palazzo ma è tutta la struttura decorativa a preoccupare. Sono nove gli elementi che hanno ceduto alla violenza del sisma: due statue della facciata, l’ultima a cadere giace a terra sul lato della piazza transennata. Ce n’è un’altra sul lato del giardino anch’essa a pezzi al suolo ma se si guarda in alto si può vedere una statua  “gemella” pericolosamente in bilico.  Ad esse si aggiungono pinnacoli e vasi decapitati lungo il perimetro e le due fiaccole della facciata della cappella ducale di San Liborio. Altri decori sono lesionati alla base, come se avessero subito un taglio netto, ma restano attaccati grazie alle strutture metalliche che li imbrigliano ai cornicioni.
Anche le torri hanno subito contraccolpi: quella di destra, sul lato della piazza è al momento inagibile e in attesa di un esame più approfondito, quella che guarda il giardino ha una statua che incombe sul tetto dell’ala in cui si trova Alma, la scuola internazionale di cucina, la lanterna dell’altra torre sul lato del fiume è visibilmente lesionata. Durante il sopralluogo questa mattina si sono percorsi i lunghi corridoi interni del piano nobile e le altre stanze visionando crepe e fenditure, fin su, nei sottotetti e sulle torri dove è possibile vedere da vicino le rotture e i pezzi pericolanti.

“Lunedì la Reggia sarà chiusa e inizieranno le operazioni, che saranno concordate con la Soprintendenza, di rimozione degli elementi pericolanti e a rischio – spiega l’assessore provinciale alla Cultura Giuseppe Romanini – effettueremo anche un sopralluogo con i tecnici specializzati per la statica. La priorità e aprire al più presto i locali di Alma”.
“ Ci attiveremo sul fronte delle risorse perché i lavori di ripristino e messa in sicurezza che si prospettano sono impegnativi e consistenti – ha sottolineato il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli - Anche se una stima dei danni è prematura è del tutto evidente come nel caso del Palazzo Ducale che gli enti locali oggi non sono in condizioni di assumersi la responsabilità degli interventi necessari. Per questo ci confronteremo con la Regione e l’Agenzia di Protezione civile regionale e il Dipartimento nazionale”.
Intanto in tutto il Parmense e nel capoluogo continuano verifiche e sopralluoghi fra cui a Sissa, dove nel pomeriggio Bernazzoli e Fellini hanno incontrato il sindaco. Nel centro della Bassa a preoccupare è la Rocca dei Terzi che ospita il Municipio, questione che sarà oggetto di un incontro specifico dei tecnici provinciali e comunali in agenda per lunedì mattina. Ci sono situazioni segnalate anche alla Rocca di Fontanellato e a palazzo Giordani una delle sedi della Provincia a Parma. Intanto hanno dato esito positivo le verifiche condotte fra ieri e oggi dalla Provincia sulle scuole superiori di Parma e Provincia che lunedì potranno riaprire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ezio

    29 Gennaio @ 14.53

    SPERO CHE NON FACCIANO LA FINE DELLA STATUA DI SAN GIOVANNI......CHE FINE HA FATTO??????? NON E' MAI PIU' TORNATO...... SPERIAMO CHE NON CI FACCIANO SPARIRE ANCHE QUELLE DEL PALAZZO...........

    Rispondi

  • azzolini

    29 Gennaio @ 10.48

    Più una scossa è profonda e più vengono attutiti gli effetti in superficie. Se una scossa nasce a 60 km di profondità, ed ha la stessa magnitudo ( per esempio 5 ) di una scossa che nasce a 20 km di profondità, dobbiamo ritenere che l'energia rilasciata dalla prima sia molto maggiore o è sempre la stessa energia in ballo? In base alle statistiche la scossa di ven. 27 genn. mi sembra un po' strana perchè pur avendo la stessa magnitudo di altre tipiche della zona ( 20 km ) è notevolmente più profonda (60 km ) . Quindi ciò significa che è un fenomeno di maggiore portata, anomalo? qualche esperto sa rispondere?

    Rispondi

  • jack

    29 Gennaio @ 09.36

    oltre alle statue e ai decori non sarebbe possibile rimuovere dalla piazza anche un po di loschi personaggi in carne ed ossa che vi stazionano in pianta stabile?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

«Leone di Lernia, non mollare»

E' grave

«Leone di Lernia, non mollare»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Carnevale della Pappa

LA PEPPA

Ricette in video: Nodini dell'amore per carnevale Video

di Paola Guatelli

Lealtrenotizie

Via Venezia, pensionata scippata

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

Finto tecnico

Ancora un'anziana truffata

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

Vandalismi

Si sveglia e trova l'auto devastata

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Associazioni

Arci Golese, la casa comune di Baganzola

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

5commenti

Estorsione

Chiede soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Il fatto del giorno

L'ultima verità sulla legionella

2commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

4commenti

Giustizia

Tar in via di estinzione? I ricorsi calano del 20% all'anno Video

Intervista: Sergio Conti, presidente del Tar di Parma, fa il punto nel giorno dell'apertura dell'anno giudiziario

3commenti

Marche

Due parmigiane fra le macerie per salvare le opere d'arte: "Situazione inimmaginabile"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Discoteca offre 100 euro alle donne senza slip, è polemica

tv

Rai: anche per gli artisti arriva il tetto degli stipendi

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

Europa League

Harakiri Fiorentina: il Borussia vince 4-2 e passa il turno

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

SALONE

A Ginevra 126 novità La guida