11°

26°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - Dante Montagna

Gente di provincia - Dante Montagna
1

Stefano Rotta

Tutto cominciò con una cartolina della Repubblica di Salò. Il dodici dicembre 1943, a Pizzo. La storia va a cercare le persone fino in fondo alle valli, fino in fondo alla pianura, che s’interrompe di lì a poco, con il fiume. «Non mi presentai e rimasi nascosto fino al mese di luglio del 1944». Un pomeriggio, la storia bussò per la seconda volta. Con un fucile, stavolta. Dante Montagna, classe 1925, diciassette anni, disertore. Lo dice lui stesso, senza timore. «Ero nascosto dalla famiglia Orzi, gente contadina, alla Fossa di Roccabianca. Andavo a pescare nel Taro, di giorno, per non farmi vedere». Viene fermato in bicicletta, sta rincasando da Sen Secondo. «Si chiamava Pietralunga. Mi chiese i documenti, “papìr, papìr”, voleva sapere perché non mi trovavo a militare, mi condusse al comando dei Repubblichini, i quali (scrive in una nota su carta intestata del municipio, ndr) mi portarono al carcere dei Repubblichini, nell’abitazione del signor Mariano Varalli. Dopo una settimana arrivammo nella Cittadella di Parma con un camioncino del signor Renzo Golini, a bordo, di controllo, una guardia repubblichina di cognome Guasti». Prossime tappe: carcere di San Francesco, poi campo di smistamento di Carpi a Modena. La terza, per molti ultima: Germania.  Montagna fu portato, agli ordini della fabbrica Bayer, a sgombrare le macerie dei bombardamenti. Seguirono lunghi mesi di fatiche, dolore, abnegazione e attesa, nei campi di lavoro oltre le Alpi. Storie – si dice sempre – tristemente note. Un giovanissimo agricoltore della Bassa, a Leverkusen, sradicato. «In treno come animali, solo qualche pausa per i bisogni. Controllati a occhi. Se qualcuno provava a scappare, si beccava una fucilata». Dalla disgrazia, la grazia. Germina in prigionia una meravigliosa storia di amicizia. Fra Dante, e Mario Dodi, di un anno più vecchio, padre dell’attuale sindaco di San Secondo. Quando arrivano gli Americani per la liberazione, i due non tornano subito a casa. Continuano a operare in fabbrica, ma senza le vessazioni di prima. Anzi, riescono persino a prendersi qualche simpatica rivincita. Come portarsi a casa un rasoio appena prodotto. Oggetto di pregio industriale, che rimane, gelosamente, a Pizzo, nelle mani di Dante, fino al 14 gennaio scorso. Oggi l’uomo, sentendosi non lontanissimo dal grande passo, decide di regalarlo   al comune di San Secondo. «Non avendo eredi diretti, mi piacerebbe che questo ricordo divenga patrimonio condiviso, e non vada perso», spiega Montagna.  Il primo cittadino organizza una mattinata di cerimonia. Tutto questo due settimane fa. Il 27 gennaio, invece, nel giorno della Memoria, Dante Montagna è stato insignito della Medaglia d’Onore. Un’altra cerimonia: la prima nella nebbia intima di un sabato mattina a San Secondo, la seconda nel mite inverno romano. Con il presidente Giorgio Napolitano, al Quirinale, anche il sindaco Antono Dodi, lui pure figlio di un costretto ai campi di lavoro, Mario Dodi. Ci sono ancora le lettere scritte dalle campagne padane verso la Germania, firmate dal nonno, Icilio Dodi.  «Mi fecero fare una fotografia a fianco di una lavagnetta – ricorda Montagna dei primi tempi delle sua prigionia – con indicato un numero. In seguito dovemmo fare un esame per dimostrare le nostre abilità pratiche». Arrivarono gli americani a bombardare la Bayer, ma le cose finirono molto dopo. Il 16 aprile del 1945, dopo mesi di camminamenti sotto la pioggia sul fiume Reno, viene liberato dagli Americani. Torna a Parma il 28 maggio 1948, dopo altri anni di lavoro in Germania. Piomba nella terra di Giovannino Guareschi (che ha conosciuto): prima si occupa della coltivazione del fondo paterno (Aurelio Montagna, classe 1887), in seguito autista di camion e operatore del Consorzio di Bonifica. Ritrova anche quella bella bicicletta Umberto Dei, ormai sgommata, su cui venne estirpato dal Mondo Piccolo. «L’aveva tenuta, nel frattempo, un fascista di San Secondo chiamato Alberto Maccaferri. Ricordo bene quando mio padre mi aveva portato a comprarla, 830 lire a Pizzo, dal signor Rino Bovis. Allora le spese si annotavano su un quaderno, anche per questo mi è rimasta impressa».
Dopo la guerra si schierò dalla parte dello «Scudo crociato», andando a Parma, con la sua Topolino, a far campagna elettorale. Come usava allora: girando in automobile, con la faccia di De Gasperi affissa. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Luisa

    04 Aprile @ 15.03

    Zio, sei un grande! Quando ti metti in testa una cosa, ci arrivi fino in fondo. Un grande riconoscimento dopo tante avventure.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

2commenti

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

La denuncia

Asili e materne, graduatorie col «trucco»

2commenti

Intervista al dG

Fabi: «Così rilancerò il Maggiore»

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

2commenti

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

Sport Paralimpici

Giulia, pesce combattente

Lega Pro

Parma, e adesso la Lucchese

1commento

MEDESANO

Pellegrini 2.0: una app sulla via Francigena

Busseto

Addio a Scrivani: ha insegnato a guidare a  generazioni

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

4commenti

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

12commenti

lega pro

Paolo Grossi: "Lucchese, sorteggio benigno" Video

Il Parma verso la Lucchese, guidata in panchina l'ex laziale Lopez, che ha sostituito Galderisi

2commenti

VERSO IL VOTO

Legalità, Alfieri lancia la sfida del certificato 335

E' il documento nel quale sono trascritti gli eventuali carichi pendenti

3commenti

TRAVERSETOLO

I ragazzini fanno i vandali, il sindaco: "Pagheranno le famiglie"

1commento

VIA COSTITUENTE

Colpiscono il gestore del supermercato con una catena: due donne arrestate per rapina

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

ISLANDA

Turista italiano 20enne muore in un incidente in bici

LONDRA

Voto Gb: dopo Manchester Labour rimonta ancora, -5% da Tory

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

Moto

Rossi, notte serena all'ospedale

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

1commento

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima