-4°

Provincia-Emilia

Panciroli, il sisma "chiude" la libreria

Panciroli, il sisma "chiude" la libreria
1

 Armando Orlando

A memoria d'uomo, la libreria Panciroli di Colorno è rimasta chiusa per più di un giorno in tre circostanze di numero. La prima fu 21 anni fa in occasione di un viaggio in Bulgaria della famiglia. Nel 2005 per una villeggiatura in Sicilia. L'ultima fu quattro anni fa quando i Panciroli andarono per una settimana a Lampedusa.  Dopo il terremoto che, nei giorni scorsi, ha colpito il Parmense, Alberto Panciroli, 81 anni portati con gagliarda prestanza nonostante alcuni malanni non di stagione, si è trovato ad essere uno degli «sfollati» della nostra provincia. «Per fortuna - spiega accennando un sorriso - la casa non c'entra nulla. Però questa situazione mi fa star male lo stesso».
Punto d'incontro La libreria Panciroli, punto d'incontro di appassionati che arrivano anche da altre province, si trova al piano terra della Reggia farnesiana di Colorno. E dal giorno del sisma, che ha causato tra l'altro la caduta di alcune delle statue che decorano il complesso, è rimasta chiusa. Come tutta la Reggia del resto. E chissà quando potrà essere riaperta. «Ho la speranza di poter tornare al lavoro tra una settimana o dieci giorni - racconta il libraio -, ma non vedo l'ora. Mi rendo conto che la mia situazione non è drammatica, comunque di sicuro non è allegra».
Per due giorni, quelli successivi al terremoto di 5,4 gradi della scala Richter, Alberto Panciroli ha trasferito il suo ufficio nel bar «Dei Lancieri», che si trova sotto i portici del palazzo comunale. Con il risultato di buscarsi l'influenza. «Quando i titolari hanno saputo che non potevo più andare in libreria, mi hanno offerto ospitalità. Sono stati cortesissimi. Mi ero sistemato ad un tavolino accanto all'ingresso - dice - per controllare l'arrivo degli spedizionieri e cercare di mantenere contatti con le persone che vengono solitamente in libreria. Si vede che l'andirivieni di clienti mi ha esposto a correnti d'aria micidiali. Ho dovuto rinunciare al mio ufficio di fortuna per la poltrona di casa. Dovevo curarmi». 
Prima che la seconda scossa di terremoto facesse sì che i tecnici della Provincia (proprietaria del monumento) decidessero di chiudere il portone della Reggia fino a nuovo ordine, Panciroli era impegnato nella compilazione dei resi e nell'inventario di fine d'anno. I responsabili della sicurezza gli hanno consentito di entrare nella libreria soltanto una volta, per recuperare le riba da depositare in banca, chiudere il riscaldamento («Non si sa mai che arrivino guai peggiori con un'altra scossa» dice) e serrare il portone del suo negozio. 
La storia della libreria è affascinante. Alberto Panciroli aveva un negozio di barberia e, a tempo perso, vendeva libri. Poi la passione per la carta stampata ha avuto la meglio e, da più di un trentennio, la barberia ha lasciato il posto alla nuova attività. C'è da dire che il successo non è mancato.
Adesso la sua attività è ferma e fermi sono gli appuntamenti e le iniziative che il libraio aveva in cantiere per le prossime settimane. Da anni, una parte sostanziosa delle attività culturali di Colorno passa per le antiche stanze della libreria, dove Panciroli stava da mattina a sera come un abate nel monastero a organizzare, progettare, lavorare. «Avevo in programma alcuni incontri con autori che a Colorno sono oramai di casa - racconta -. Gherardo Colombo, Piercamillo Davigo, Valerio Varesi e il procuratore Gian Carlo Caselli sarebbero stati nostri ospiti nei prossimi mesi. I lettori e la cittadinanza, come oramai d'abitudine, avrebbero potuto incontrarli nella sala delle Capriate che si trova all'ultimo piano della Reggia. Ma adesso bisognerà aspettare che siano compiute le verifiche e i controlli da parte dei tecnici delle Provincia. I controlli riguarderanno il piano nobile, i sottotetti e le torri della reggia. Sembra, poi, che alcuni dei camini abbiano ricevuto dei danni dalla scossa e bisognerà verificarne l'entità. Il custode mi tiene costantemente informato».
Speranza E proprio sul custode della Reggia Panciroli spende sincere parole di apprezzamento. «Magari non a tutti piace il suo carattere - scherza - ma Rodolfo Grisenti è un uomo eccezionale. Di notte, quando teme che il torrente Parma possa andare in piena, si alza dal letto, prende la macchina e si fa la strada da Coenzo a Colorno qualunque tempo faccia. Se c'è pericolo, apre le chiuse, altrimenti tira un sospiro di sollievo e torna a casa». La speranza, adesso, è una sola: tornare a riaprire i battenti della sua libreria. «Mi sento - dice - come quei giovani che faticano a trovare lavoro e muoiono dalla voglia di dare il loro contributo. Ma questo periodo passerà, per me e per loro». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • antonello

    09 Febbraio @ 09.23

    Grandissimo Alberto, tèn dùr!!!!L'unico"libraio" che ha la libreria che odora di vera cultura ,cordialità e autenticità.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Falsi vigili svuotano una cassaforte

A Marore

Falsi vigili svuotano una cassaforte

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

L'odissea di un giardiniere

«Con il mio Euro2 non posso lavorare»

EMERGENZA

Parma si mobilita

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

IL FATTO DEL GIORNO

Massese pericolosa, Brambilla: "Il rimpallo di responsabilità è inaccettabile" Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

Il racconto

«Quando Roosevelt si insedio al Campidoglio»

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Rigopiano (Pescara)

Hotel sommerso da una slavina: due vittime accertate, decine di dispersi Foto

2commenti

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta