-5°

Provincia-Emilia

La Provincia: «Trentasei scuole rischiano di chiudere»

La Provincia: «Trentasei scuole rischiano di chiudere»
9

di Chiara Cacciani


Hanno preso il decreto Gelmini e hanno provato ad applicarlo - articolo dopo articolo - alle scuole del Parmense. Il risultato? «Allarmante», dice l'assessore provinciale alle politiche scolastiche Gabriele Ferrari. Secondo le proiezioni della Provincia sarebbero 36 i plessi a rischio chiusura: ventitré scuole elementari e tredici medie.
I «lucchetti» scatterebbero soprattutto in Appennino. Se passasse il parametro del minimo di 50 alunni per plesso,  l'istituto comprensivo di Corniglio - che raccoglie gli studenti  del comune e delle sedi di Monchio, Palanzano e Tizzano -, sarebbe  spazzato via. Quelli di Bedonia, Borgotaro e Fornovo ben più che dimezzati. E se  poteva essere «prevedibile» l'addio alla scuola più piccola del Parmense, quella elementare  di Anzola di Bedonia, 9 iscritti, a rischiare di chiudere definitivamente i battenti sono anche due plessi della Bassa: l'elementare di Roncole e le medie di Mezzani.
«In pratica nelle due Comunità montane  si salverebbero solo Langhirano, Lesignano, Neviano, Fornovo, Bedonia, Borgotaro. E Calestano e Bardi manterrebbero solo la scuola elementare - annuncia, preoccupato, Ferrari -Per non parlare dei tagli a docenti e personale Ata: noi abbiamo calcolato, ad esempio, che da noi saranno previsti 354 docenti di ruolo  e 161 precari in meno. Si parla di razionalizzazione, ma noi questa operazione l'avevamo già fatta tre anni fa, con il riordino degli istituti comprensivi». «Si rischia davvero di azzerare la montagna -continua Ferrari -, che già troppo soffre per lo spopolamento. Un esempio? I danni dell'alluvione del 2000 si sarebbero in parte evitati se non fosse venuta a mancare la presenza dell'uomo  e il suo intervento per la cura del territorio». L'amarezza deriva soprattutto «da una riforma imposta e non condivisa. Certo, una riforma della scuola era necessaria, ma era necessario affrontarla attraverso una commissione bipartisan: solo così si poteva affrontare un tempo così importante».
  Molto preoccupati i presidenti delle due Comunità montane parmensi. «Se saltano le scuole salta tutto il tessuto sociale della montagna - commenta quello della Ovest, Carlo Berni -.  Se hai un bambino che ogni giorno deve fare 40 chilometri per andare a scuola cosa fai? Ti trasferisci. E senza famiglie qui non c'è futuro». Ma Berni pensa anche «ai costi del trasporto scolastico, e a quei plessi che dovranno ospitare tutti gli alunni, e che evidentemente non avranno spazi adeguati Questo, per noi della montagna, è davverso un attacco senza precedenti e faremo sentire la nostra voce». «Sarebbe un disastro - si allinea il presidente della Comunità est Stefano Bovis-E' chiaro che nei plessi di montagna i numeri sono bassi, ma le giovani generazioni sono il valore aggiunto del territorio. Sa qual è il problema? E' che purtroppo le leggi le fanno le città, senza pensare alle zone deboli del territorio».

Che cosa fare? Dite la vostra utilizzando lo spazio commenti di fianco a questo articolo

Intanto per la provincia arriva anche una buona notizia: arriva la banda larga anche in Valtaro e Valceno. Guarda il video del Tg Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Lucia Ughetti

    20 Ottobre @ 14.13

    Stiamo toccando i minimi storici, quando lo Stato taglia sulla scuola e sulla ricerca, non c'e' futuro. La montagna ha bisogno di vivere se togliamo le scuole, quel posco che resta morirra'.

    Rispondi

  • Mandi

    17 Ottobre @ 19.14

    Ora Francesca sono d'accordissimo con te, la scuola italiana è agli ultimi posti: le maestre non hanno nemmeno i gessi per scrivere sulla lavagna a forza di tagliare x diminuire gli sprechi.una volta esistevano corsi di aggiornamento,ora se li pagano gli stessi insegnanti e sta alla loro buona coscienza. una decina di anni fa la scuola dell'obbligo italiana era fra le prime. io non sono schierato politicamente, destra,sinistra o centro per me pari son: parlan bene quando sono all'opposizione, poi quando governano dove finiscono le belle parole? A cuarare i loro bei orticelli, mandando a rotoli il nostro paese. E' ora di finirla. Basta, non facciamoci più prendere x il naso.

    Rispondi

  • Manfredo Pedroni

    17 Ottobre @ 18.20

    sono panzane della sinistra per creare allarmismo, sono disponibile a qualsiasi confronto con il Decreto alla mano. Pedroni Consigliere Provinciale

    Rispondi

  • francesca

    17 Ottobre @ 17.27

    a Mandi: la scuola ai migliori livelli?guarda che siamo agli ultimi posti in Europa,del resto si fa senza statistiche, basta vedere il livello di preparazione degli studenti equello di certi insegnanti .Quanto ai tagli o meglio alla razionalizzazione della spesa,tutti sono d'accordo,purchè taglino agli altri.Davvero un Belpaese il nostro!

    Rispondi

  • Mandi

    17 Ottobre @ 15.39

    Non sono affatto d'accordo con "eiopago".La scuola è la risorsa primaria di un paese all'avanguardia.Non si può continuare a ragionare solo e unicamente in termini di tagli in settori fondamentali x il bene e la crescita di una società civile. Ci sono sprechi? E' vero,ma invece di continuare a tagliare,impoverire e declassare servizi che ci avevano portato al livello dei migliori paesi del mondo,adoperiamoci per riorganizzarli e farli funzionare al meglio.Le risorse x andare a pezzare le malefatte e le truffe dei soliti noti xò ci sono e vengono fatte pagare a chi??????Bisogna iniziare ad aprire gli occhi, tutti quanti e a cominciare a pretendere affinchè le cose comincino a girare per il verso giusto.

    Rispondi

    • francesca

      17 Ottobre @ 17.18

      sì,una scuola effiiente,non la scuola come parcheggio e stipendificio!

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

I crociati ritrovano la vittoria grazie a Evacuo: Parma-Santarcangelo 1-0

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

30commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

6commenti

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

4commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

Rugby

Zebre-London Wasps 13-22: ribaltato il vantaggio del primo tempo Foto

A Moletolo sono arrivati 300 tifosi inglesi

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

Parma Calcio

D'Aversa: "Non è mia volontà mandare via Felice..."

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria