Provincia-Emilia

Il "giallo" dei 247 prosciutti rubati a Langhirano e ritrovati in un'azienda di Varano

Il "giallo" dei 247 prosciutti rubati a Langhirano e ritrovati in un'azienda di Varano
7

Chiara Cacciani

Spariti da un salumificio di Langhirano e ritrovati - per puro caso - dopo poche ore nel magazzino di una azienda di Varano Melegari. E' stato un furto dalle "gambe corte", quello dei 247 prosciutti rubati nella notte tra martedì e mercoledì al salumificio La Perla di Quinzano. E sono stati particolarmenti sfortunati i ladri, beffati da un controllo di routine compiuto ieri mattina dai carabinieri di Fornovo, dall'Ausl e dall'Ispettorato del lavoro.

La vicenda è decisamente curiosa. La banda ha agito in piena notte, tra un passaggio e l'altro delle guardie giurate che vigilano sul salumificio. Oltre che silenzioso, il blitz è stato piuttosto rapido, nonostante l'entità del bottino. Ed è questo che fa credere che in azione ci fossero parecchie braccia. Di certo i ladri erano ben organizzati ed assolutamente esperti in materia di cosce di suino: hanno scelto le migliori, quelle pronte ad essere messe sul mercato. I "soliti ignoti" sono entrati nel prosciuttificio forzando una delle porte d'accesso e da lì era partita la razzia di prosciutti, caricati  poi su un camion e fatti sparire nella tenebre. Il furto è stato scoperto alle 7 di stamattina, quando i cancelli del prosciuttificio si sono riaperti per dare inizio ad una nuova giornata di lavoro. E subito è arrivata l'amara scoperta. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Langhirano e sono immediatamente partite le indagini.

Indagini che hanno avuto una svolta rapida ed inaspettata a qualche decina di chilometri di distanza, in Val Ceno. Come capita ogni mese, questa mattina i carabinieri di Fornovo, l'Ausl e l'Ispettorato del lavoro hanno condiviso i controlli in alcune aziende della vallata. E hanno fatto tappa a Varano, nella ditta che produce e commercializza prodotti tipici. Controlli di routine, legati alla sicurezza sul lavoro, alle normative igienico-sanitarie, alla regolarità dei contratti.

Poteva finire lì: militari e ispettori avevano già elevato una contravvenzione e stavano per andarsene. Ma poi un medico dell'Ausl ha pensato di approfittarne per un controllo a campione sui prodotti conservati nei magazzini, ed è così che i ladri sono passati, nel giro di poche ore, dal bottino alla beffa. Proprio nei magazzini sono apparsi parecchi prosciutti ammonticchiati e separati dal resto, tali da attirare l'attenzione degli ispettori. Dai codici seriali è stato  scoperto che si trattava dei 247 prosciutti rubati a Quinzano. Ed oltre a quelli, c'erano anche una forma di parmigiano-reggiano, diverse coppe e salami non di appartenenza dell'azienda varanese.

Come siano finiti lì è quello che dovrà chiarire il prosieguo dell'indagine, al quale stanno lavorando i carabinieri di Fornovo, coordinati dal Comando compagnia di Salsomaggiore, guidati dal capitano Roland Peluso, e i colleghi di Langhirano. La Procura sta seguendo passo dopo passo la vicenda. Al momento non è stata formalizzata alcuna accusa. Ma ovviamente risposte "illuminanti" sono attese dal titolare dell'azienda. L'uomo ha riferito ai carabinieri di essere partito per Milano, per ragioni di lavoro,  alle 5 di mattina di mercoledì e di non sapere come siano finiti i prosciutti nei magazzini della ditta. Diverse ipotesi sono aperte: oltre a quella di una responsabilità diretta dell'uomo, anche la possibilità che il complice dei ladri sia qualcuno in possesso delle chiavi dei magazzini. Facilmente i prosciutti erano stati solo temporaneamente "parcheggiati" nella ditta di Varano, pronti per spiccare il volo verso mercati più "fortunati".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Marco

    08 Marzo @ 17.12

    Scusate ma come ci sono finiti i prosciutti in quella ditta lì? I ladri allo stesso modo in cui hanno rubato in una ditta sono entrati di soppiatto in un altra per depositarci 247 prosciutti in attesa di decidere come smerciarli? Suvvia.... E il fatto che erano esperti che hanno scelto i pezzi migliori può stupire qualcuno? Gli zingari o i drogati o i ladruncoli non vanno a rubare prosciutti. Come quando si trovano nei mercatini delle bancarelle che vendono vestiti di marca a prezzi stracciati...

    Rispondi

  • Hannibal Lecter

    08 Marzo @ 14.41

    @redazione: avrete anche ragione, ma a me sembra di vivere in un mondo capovolto. forse quando la gazzetta di inizio 900 metteva nome e cognome per ogni minima trasgressione era esagerato....ma se questo è il progresso.....Dio ci salvi!

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    08 Marzo @ 14.24

    Lo faremo certamente se ci saranno dei rilievi penali nei confronti di qualcuno: altrimenti la sua mail sarebbe una diffamazione, e potremo essere querelati sia lei che noi.

    Rispondi

  • Hannibal Lecter

    08 Marzo @ 13.39

    Cominciamo con dare conto anche della ditta dove sono stati ritrovati! Se ho a che fare con dei ladri o (minimo) dei ricettatori VOGLIO SAPERLO. E non tirate fuori la storia della privacy, dire le cose come stanno è DOVERE di cronaca inoppugnabile!!!!

    Rispondi

  • massimo

    08 Marzo @ 01.04

    se sei italiano le carceri italiane, se non sei italiano...le carceri ce le pagano il tuo paese e i tuoi familiari. AT PASA LA VOIA 'D FER AL COJO

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

LA BACHECA

44 opportunità per trovare un lavoro

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)