22°

Provincia-Emilia

Il "giallo" dei 247 prosciutti rubati a Langhirano e ritrovati in un'azienda di Varano

Il "giallo" dei 247 prosciutti rubati a Langhirano e ritrovati in un'azienda di Varano
7

Chiara Cacciani

Spariti da un salumificio di Langhirano e ritrovati - per puro caso - dopo poche ore nel magazzino di una azienda di Varano Melegari. E' stato un furto dalle "gambe corte", quello dei 247 prosciutti rubati nella notte tra martedì e mercoledì al salumificio La Perla di Quinzano. E sono stati particolarmenti sfortunati i ladri, beffati da un controllo di routine compiuto ieri mattina dai carabinieri di Fornovo, dall'Ausl e dall'Ispettorato del lavoro.

La vicenda è decisamente curiosa. La banda ha agito in piena notte, tra un passaggio e l'altro delle guardie giurate che vigilano sul salumificio. Oltre che silenzioso, il blitz è stato piuttosto rapido, nonostante l'entità del bottino. Ed è questo che fa credere che in azione ci fossero parecchie braccia. Di certo i ladri erano ben organizzati ed assolutamente esperti in materia di cosce di suino: hanno scelto le migliori, quelle pronte ad essere messe sul mercato. I "soliti ignoti" sono entrati nel prosciuttificio forzando una delle porte d'accesso e da lì era partita la razzia di prosciutti, caricati  poi su un camion e fatti sparire nella tenebre. Il furto è stato scoperto alle 7 di stamattina, quando i cancelli del prosciuttificio si sono riaperti per dare inizio ad una nuova giornata di lavoro. E subito è arrivata l'amara scoperta. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Langhirano e sono immediatamente partite le indagini.

Indagini che hanno avuto una svolta rapida ed inaspettata a qualche decina di chilometri di distanza, in Val Ceno. Come capita ogni mese, questa mattina i carabinieri di Fornovo, l'Ausl e l'Ispettorato del lavoro hanno condiviso i controlli in alcune aziende della vallata. E hanno fatto tappa a Varano, nella ditta che produce e commercializza prodotti tipici. Controlli di routine, legati alla sicurezza sul lavoro, alle normative igienico-sanitarie, alla regolarità dei contratti.

Poteva finire lì: militari e ispettori avevano già elevato una contravvenzione e stavano per andarsene. Ma poi un medico dell'Ausl ha pensato di approfittarne per un controllo a campione sui prodotti conservati nei magazzini, ed è così che i ladri sono passati, nel giro di poche ore, dal bottino alla beffa. Proprio nei magazzini sono apparsi parecchi prosciutti ammonticchiati e separati dal resto, tali da attirare l'attenzione degli ispettori. Dai codici seriali è stato  scoperto che si trattava dei 247 prosciutti rubati a Quinzano. Ed oltre a quelli, c'erano anche una forma di parmigiano-reggiano, diverse coppe e salami non di appartenenza dell'azienda varanese.

Come siano finiti lì è quello che dovrà chiarire il prosieguo dell'indagine, al quale stanno lavorando i carabinieri di Fornovo, coordinati dal Comando compagnia di Salsomaggiore, guidati dal capitano Roland Peluso, e i colleghi di Langhirano. La Procura sta seguendo passo dopo passo la vicenda. Al momento non è stata formalizzata alcuna accusa. Ma ovviamente risposte "illuminanti" sono attese dal titolare dell'azienda. L'uomo ha riferito ai carabinieri di essere partito per Milano, per ragioni di lavoro,  alle 5 di mattina di mercoledì e di non sapere come siano finiti i prosciutti nei magazzini della ditta. Diverse ipotesi sono aperte: oltre a quella di una responsabilità diretta dell'uomo, anche la possibilità che il complice dei ladri sia qualcuno in possesso delle chiavi dei magazzini. Facilmente i prosciutti erano stati solo temporaneamente "parcheggiati" nella ditta di Varano, pronti per spiccare il volo verso mercati più "fortunati".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Marco

    08 Marzo @ 17.12

    Scusate ma come ci sono finiti i prosciutti in quella ditta lì? I ladri allo stesso modo in cui hanno rubato in una ditta sono entrati di soppiatto in un altra per depositarci 247 prosciutti in attesa di decidere come smerciarli? Suvvia.... E il fatto che erano esperti che hanno scelto i pezzi migliori può stupire qualcuno? Gli zingari o i drogati o i ladruncoli non vanno a rubare prosciutti. Come quando si trovano nei mercatini delle bancarelle che vendono vestiti di marca a prezzi stracciati...

    Rispondi

  • Hannibal Lecter

    08 Marzo @ 14.41

    @redazione: avrete anche ragione, ma a me sembra di vivere in un mondo capovolto. forse quando la gazzetta di inizio 900 metteva nome e cognome per ogni minima trasgressione era esagerato....ma se questo è il progresso.....Dio ci salvi!

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    08 Marzo @ 14.24

    Lo faremo certamente se ci saranno dei rilievi penali nei confronti di qualcuno: altrimenti la sua mail sarebbe una diffamazione, e potremo essere querelati sia lei che noi.

    Rispondi

  • Hannibal Lecter

    08 Marzo @ 13.39

    Cominciamo con dare conto anche della ditta dove sono stati ritrovati! Se ho a che fare con dei ladri o (minimo) dei ricettatori VOGLIO SAPERLO. E non tirate fuori la storia della privacy, dire le cose come stanno è DOVERE di cronaca inoppugnabile!!!!

    Rispondi

  • massimo

    08 Marzo @ 01.04

    se sei italiano le carceri italiane, se non sei italiano...le carceri ce le pagano il tuo paese e i tuoi familiari. AT PASA LA VOIA 'D FER AL COJO

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il pane: domani uno speciale di otto pagine

OGGI

Il pane: uno speciale di otto pagine

Lealtrenotizie

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

5commenti

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

PARMA CALCIO

Faggiano e la B: «Ci proviamo»

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

7commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

salumi da re

Norcini e salumieri a raduno a Polesine. Sfida al "panino teen-ager"

assemblea

Zebre rugby: Pagliarini si dimette, la Falavigna presidente

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Brexit, ci siamo. E non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

saranno famosi

Langhirano: Ettore, 7 anni e la sua super batteria Video

1commento

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon