21°

31°

Provincia-Emilia

La storia - E' morto Licandro Ranieri: il suo pianto fu il simbolo dell'alluvione del 1982

La storia - E' morto Licandro Ranieri: il suo pianto fu il simbolo dell'alluvione del 1982
8

Gabriele Balestrazzi

Erano quasi 30 anni fa: la mattina del 10 novembre 1982.

La provincia di Parma era in ginocchio. La  furia del fiume Taro aveva spazzato via due ponti: quello stradale di Fornovo e quello della ferrovia Milano-Bologna a Pontetaro, sgretolati come due grissini, tagliando praticamente in due l'Italia dal punto di vista dei collegamenti ferroviari. E poi le acque del Taro si erano riversate sulla Bassa, mandando sott'acqua interi paesi.

Il direttore di Tv Parma di allora, Ivo Allodi, dispose dapprima un servizio dall'elicottero: e furono proprio quelle riprese, effettuate da Maurizio Bonazzi, a dare ai parmigiani l'esatta dimensione di quel disastro. Ma poi, all'indomani, cercammo anche di documentare più da vicino quello che era accaduto, e fu scelto uno dei paesi più colpiti: Palasone.

Le scene che ci trovammo davanti furono raggelanti: Palasone era diventato un enorme lago, dal quale emergevano a fatica i cartelli stradali. Niente più strade, l'acqua nelle abitazioni per più di un metro. E tutto avvolto da un immenso e glaciale silenzio.

L'apparato d'emergenza (solo un volonteroso abbozzo di quella che sarebbe diventata la Protezione civile) si era mosso come meglio poteva: i canotti dei vigili del fuoco, i radioamatori, i volontari... E poi la muta laboriosità della gente della Bassa, già all'opera con la reciproca solidarietà: ad esempio per cercare di strappare alla morte le vacche e il resto del bestiame (e ci capitò di vedere galleggiare mucche e maiali).

Salimmo su una barca quasi con senso di colpa, perchè era sì importante documentare: ma in quel momento c'era bisogno di ben altro e più concreto aiuto. Ma fummo accolti sempre con grande gentilezza,e semmai con un po' di stupore (le tv locali non erano certo una presenza assodata come oggi...).

Alla fine, nel suo giro di controllo della situazione, la barca arrivò davanti alla casa di Licandro Ranieri. L'acqua era salita fin quasi al davanzale della finestra, e così di decise che moglie e figlia venissero trasbordate sulla barca, a cercare una sistemazione provvisoria da alcuni parenti, mentre Ranieri sarebbe rimasto a salvare il salvabile, e ad iniziare i primi lavori appena possibile.

Vidi quell'uomo, colpito come tutti i suoi conterranei da quel disastro, mentre si staccava forzatamente dalla sua famiglia. Un addio senza parole, immerso a sua volta nel silenzio di tutto e contemporaneamente "violato" dalla nostra telecamera. E a un tratto lo vidi, come la sera lo avrebbero visto attraverso il video tutti i parmigiani, iniziare a piangere, sempre silenziosamente, mentre la barca si allontanava. E subito una mano ad asciugare quella lacrima, prima di rimettersi al lavoro.

Un esempio di composta tristezza che davvero simboleggiava tutta la gente della Bassa ferita. E che non avremmo mai potuto dimenticare, tanto che a 10 e 20 anni di distanza, negli "inevitabili" speciali rievocativi, ci capitò di tornare da lui, come in occasione della videointervista di Sandro Piovani che vedete nella nostra gallery. Sempre trovando grandissima gentilezza e disponibilità.

Oggi, a quasi 30 anni da quella terribile esperienza, le ultime pagine della Gazzetta ci hanno portato la notizia triste della sua morte. E a noi sembrava giusto ricordare, attraverso lui, tutta la popolazione che visse quelle giornate così difficili, e che, come Licandro Ranieri, con grande dignità e coraggio seppe reagire di fronte ai danni e alla tristezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • geronimo

    17 Marzo @ 09.18

    @ maria - Giusto, ogni paese ha i suoi drammi e i suoi problemi. Quello che fa la differenza è il modo in cui si affrontano. Nonostante lei viva a Parma da diversi anni, non ha ancora capito la differenza vero? Deve offendere il mio commento solo perchè fotografa una realtà? Non è forse vero che in Italia si affrontano le cose in modo diverso? @ Ale - Io non so quale sia quello giusto, io non giudico e non offendo, ho solo detto quello che succede. Ma poichè il mio modo di affrontare dolori e problemi è simile a quello del Sig. Ranieri, sarò libero di sentirmi orgoglioso di assomigliargli? O no? Poi se volete fare finta che non sia vero fate pure, non è un problema mio.

    Rispondi

  • lara

    16 Marzo @ 23.41

    Condivido quanto espresso da Daniele...storia commovente e bella persona davvero Licandro (non lo conoscevo ma ne sono sicura). X Genorimo...secondo me la propria "fierezza di appartenenza" si può anche esprimere senza per questo giudicare gli altri e le proprie usanze...x favore.

    Rispondi

  • Tiziano

    16 Marzo @ 23.09

    Giusto Geronimo: "la dignità del dolore" che solo chi ha provato quei momenti può comprendere! L'acqua che sale, che scavalca o rompe l'argine e nella violenza di un momento porta via gli affetti più cari, senza poter nulla fare. Licandro Ranieri (ma non solo lui), aveva questa straordinaria dote!

    Rispondi

  • maria

    16 Marzo @ 21.54

    @Geronimo.. il suo commento è veramente indecente... sono meridionale e vivo a Parma da diversi anni... ogni Paese ha i suoi drammi e problemi...

    Rispondi

  • geronimo

    16 Marzo @ 17.34

    @ matteo - Sei libero di pensarla come vuoi, ma se non capisci il senso di quello che ho detto, non è un problema mio. Se non vedi quello che succede in giro il miope sei tu, o forse non puoi vedere perchè sei così anche tu, in ogni caso con te è fiato sprecato. Auguri.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Ancora risse davanti alla stazione

Piazza Dalla Chiesa

Ancora risse davanti alla stazione

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

Presentazione

Croce rossa, un secolo e mezzo in un libro

Abitudini

Auricolari, quando il rischio si corre a piedi

Bedonia

Fontane chiuse, scoppia la polemica

DRAMMA DI TORINO

Panico collettivo: parla la psicologa

SERIE B

Mercato: Lucarelli domani annuncia il suo futuro

ballottaggio

Parma al voto per decidere il nuovo sindaco Video: le info

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

Meteo

Ferrara rovente: temperatura percepita 49°. Parma (da podio) non scherza, 41°

La città emiliana è la più calda d'Italia

corniglio

Signatico: si ribalta con la Jeep, grave un ottantenne

calcio

Il Parma si tuffa nel mercato: Faggiano punta Bianco e Piccolo. Cassano spera Video

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

FURTI

Ladri in azione in un'azienda di via Borsari: rubati 400kg di barre d'acciaio

fidenza

Catena di soccorsi e affetto salva un capriolo investito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Accoglienza senza limiti. Un rischio per tutti

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

Salerno

Investe una donna e la uccide: è un attore di "Don Matteo" e "1993"

Stati Uniti

Boss mafioso scarcerato per vecchiaia: ha 100 anni

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

CALCIO

Gli azzurrini battono la Germania e volano in semifinale

paura

Spaventoso incidente per Baldassari in Moto2: il pilota è cosciente Video

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse