11°

29°

Provincia-Emilia

Norcini di oggi: tradizione e sapienza di una volta

Norcini di oggi: tradizione e sapienza di una volta
0

 Stefano Rotta

C'è nebbia. Si gela. E’ l’alba del primo dicembre, in un vecchio cascinale nei dintorni di Soragna, San Prospero Inferiore. Una brocca di porcellana con l’acqua bollente, fumante, viene passata sulla cotenna del verro, appeso a testa in giù fra volte di antichi mattoni. Una lampadina appesa a far luce. 
Lavorano  tre uomini, due sono fratelli, si chiamano Guareschi e hanno i baffoni. Più bassa di così, si muore. Oggi si ammazza il maiale, non è la festa di quando la bestia era tutto, ma c’è aria di trepidazione. Seguiamo, una per una, dal cielo ancora scuro al giorno fatto, le operazioni dei norcini del 2012. 
 Gente con due piedi  in campagna, che ha imparato a macellare da un buon maestro, il vecchio contadino Lino Aguti. E che oggi va avanti a fare il salame come ai tempi di Giovannino, e di chi c’era secoli prima. 
 Tre cose,  dicono loro, sono necessarie: «Un maiale, pulizia, tempo da perdere». L’animale ha un anno e qualche mese. Pesa due quintali e mezzo. Non ha un nome. «Una volta lo si teneva in casa, ci si affezionava e gli si dava un nomignolo, ora non più, anche nelle famiglie più tradizionali», racconta Gabriele Guareschi. Non ha mangiato gli scarti di casa, ma l’ottanta per cento di mais, il dieci di soia, e un dieci finale di crusca per ingrassare meglio. Un colpo di pistola al cervello per stordirlo. Sembra crudele, anzi lo è, ma è la morte migliore.
  Nulla in confronto  a quando si pungeva il cuore con uno stiletto, agonia per dissanguamento lunghissima con indicibili urla, percepibili di cascina in cascina. Tutto il sangue, a casa Guareschi, non finisce intorno al luogo della macellazione, ma viene conservato dentro la cassa toracica. 
«A meno che non si voglia fare il sanguinaccio, che piace solo a pochi, così è meglio. O meglio: così hanno insegnato a me», precisa Gabriele. Il sanguinaccio è una tradizione molto antica, di quando c’era fame, fame vera. 
«Si mangia con la cipolla scalogna, fatta soffriggere. Le si butta sopra il sangue, viene una sorta di frittata». Il porco viene diviso in due mezzene, per il lungo ovviamente. Cominciano le operazioni di smontaggio. 
 Per prima  si toglie la vescica, che servirà per insaccare la spalla e il culatello. In seguito si esporta il pacco intestinale, che viene riordinato, pulito e tagliato. Lì dentro, dove correvano gli escrementi della bestia in vita, si insacca il salame. Quella che si chiama comunemente pelle, è materiale intestinale. Girato al contrario, però, in modo che la parte a contatto con le feci risulti all’esterno del salame. Il cervello viene dato al cane. Ma alcuni ci fanno una frittata. Qui, si fanno spalle, salami e culatelli. Troppo umido per il prosciutto. E poi la carne, oltre alla pancetta, la lonza, le coste, le braciole, e via. I ritagli, anche di filetto, finiscono nel salame. 
 Una quarantina  di chili su un quintale. «I nostri animali vengono macellati all’età giusta, non come le industrie che li ammazzano quasi subito, sembra un paradosso, ma la carne è più tenera», commenta Enrico Guareschi. Che aggiunge: «L’industria ha copiato i prodotti e le pratiche della vita contadina, però velocizzando i processi e portando a una produzione standard nel tempo e nelle stagioni. Il salame viene salato molto più del nostro, e talvolta ci si aggiunge qualcosa che non è carne». 
 La cosa da non leggere , se siete impressionabili, viene ora. Si portano i pezzi di carne nelle vecchie stanze di pianterreno, si tirano fuori le lame, si comincia ad affilare. E fin qui niente di strano. Ma c’è una tradizione, singolare, a casa Guareschi, che va raccontata. L’occhio della bestia, il bulbo, viene lanciato sul soffitto. Se non s’attacca, l’anno che segue non s’ammazza il maiale. Se s’attacca, come succede sempre, tutte le operazioni di sfilettatura e insacco, saranno vegliate dalla bestia che mano mano si trasforma in bistecche e salume. Pian piano tutto prende forma. Gli scarti di lavorazione degli altri salumi, pezzetti di carne buona, vengono tritati e insaccati nelle budella. Quindi legati con sapienza con un cordino, e appesi, per l’asciugatura.
  La scelta del luogo,  sulla decina di gradi, va scelto con cura. Dal secchio, si assaggia il salame crudo. Noi ci abbiamo provato. E’ squisito. Poi però il fotografo è stato malissimo. La rezdora, intanto, prepara il sostanzioso pranzo, dove l’ospitalità e la generosità regnano sovrane. Con loro, i fuoco del camino, e fiumi di vino senza etichetta. Il migliore, per il salame senza etichetta. Quello dell’anno prima. Può capitare che, spargendosi la voce, dal paese vengano amici, o semplici conoscenti alla lontana, per mangiare i ciccioli dal pentolone.  
 
L'inchiesta completa e le foto oggi in due pagine sulla Gazzetta di Parma in edicola
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Furti all'Esselunga

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

3commenti

Anteprima Gazzetta

Inchiesta Pasimafi: spariti due computer, giallo all'ospedale Video

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

2commenti

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

8commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

7commenti

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

5commenti

gazzareporter

Boccone avvelenato? Allarme in Cittadella Le foto

L'INIZIATIVA

Parma città creativa dell'Unesco: nasce la Fondazione

L'organismo è aperto. Per ora ne fanno parte Comune, Fiere, Upi, Cciaa e Università

tardini

Al via la prevendita per Parma-Lucchese

sondaggio

Dall'anno prossimo torna la Serie C (addio Lega Pro): siete d'accordo?

4commenti

Elezioni 2017

Cattabiani denuncia un attacco hacker al suo sito e parla di atti intimidatori

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

1commento

WEEKEND

Cantine aperte, moto, maschere: 5 eventi da non perdere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

TAORMINA

G7, bozza finale: sì alla difesa dei confini Video

torino

Con la fionda riforniva di droga il figlio in carcere: condannata

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima