Provincia-Emilia

Cambia il volto di Medesano. Il Consiglio ha approvato il Poc

Cambia il volto di Medesano. Il Consiglio ha approvato il Poc
Ricevi gratis le news
0

 Durante l’ultima e articolata riunione del Consiglio comunale è stato adottato il nuovo Piano Operativo Comunale, che ha definito i prossimi sviluppi dell’urbanistica medesanese.

 Le variazioni principali dal POC precedente riguardano l’inserimento di aree già presenti sul PSC. Le annessioni, richieste dai proprietari, sono avvenute in cambio di partecipazioni alla realizzazione di opere pubbliche grazie alla quale i privati, ottenendo la trasposizione nel piano operativo hanno dunque ricevuto l’immediata edificabilità dell’area. La contrattazione tra privati e Comune è regolamentata e resa possibile dall’articolo 18 della legge regionale 20 del 2000. Attraverso le partecipazioni dei privati che usufruiranno dell’inclusione nel POC il comune realizzerà opere pubbliche come l’ampliamento delle scuole elementari di Felegara, la realizzazione di un nuovo centro polivalente per gli anziani di Medesano e la ristrutturazione degli impianti sportivi di Medesano. Le variazioni più importanti al piano urbanistico riguarderanno il capoluogo e le frazioni di Ramiola e Felegara. Tra i cambiamenti principali, oltre all’aumento delle aree edificabili, si può evidenziare la demolizione di un capannone fatiscente a Ramiola e il recupero dell’aerea della ex fornace di Felegara, zona che da anni giace in rovina e che sarà convertita da area artigianale ad area di riqualificazione urbana. Tra le variazioni anche l’inserimento di alcune aree individuate a scopo industriale, operazione commentata dall’assessore Stefano Paglia che ha spiegato: «Per noi è naturale inserire aree industriali nel POC senza passare attraverso accordi preliminari perché l’immediata operatività in questi terreni è determinante per favorire l’arrivo di nuove realtà industriali». Perplessità sono state espresse dal capogruppo di Medesano Democratica Alessandro Barbieri che riguardo al nuovo piano ha detto: «Siamo dubbiosi sulla necessità di immettere nuove abitazioni in una realtà come la nostra che, in questo periodo di crisi, vede ancora molti appartamenti sfitti o invenduti. Siamo soddisfatti dalla qualità della vita garantita dal tipo di progetti presentati, ma la nostra visione sullo sviluppo del paese è differente nelle linee di principio». L’intervento di Antonio Maini, rappresentante di Medesano Domani, altro gruppo d’opposizione, si è concentrato sull’attuazione dell’articolo 18: «Non valuterò il POC perché tre giorni non mi sono stati sufficienti per poter valutare un progetto di queste dimensioni – ha spiegato Maini – i miei dubbi riguardano la sistematica applicazione della trattativa prevista dall’articolo 18 sulle iniziative edilizie grazie a cui l’amministrazione realizza diverse opere pubbliche. L’applicazione di questo articolo, in diversi casi, più che ad un azione di normale contrattazione, somiglia ad una forte pressione. Questo dubbio è accentuato dalla grande importanza delle cifre donate e dall’insolita filantropia dei donatori. Cifre che, di fatto, diventano una tassa che va a gravare sul mercato delle case e quindi sugli acquirenti finali». Una parziale risposta agli interventi delle minoranze è arrivata dal capogruppo di maggioranza Roberto Corradi che ha dichiarato: «l’articolo 18 è uno strumento che dimostra la buona volontà e l’impegno nella realizzazione da parte dei privati. Trattandosi di aree di notevoli dimensioni è naturale che questi interventi necessiteranno di tempi lunghi per il completamento definitivo». Il chiarimento sulle scelte e le modalità adottate dal Comune per la pianificazione del POC è arrivato dall’intervento del sindaco Roberto Bianchi che ha spiegato: «Il prezzo di vendita degli immobili dipende dalle leggi di mercato e non dall’articolo 18. L’applicazione di questo articolo non può essere vista come un imposizione, è un onere su cui gli imprenditori hanno comunque fatto i loro calcoli e la definizione di questi contratti porta dunque vantaggi sia per loro sia per il Comune che utilizza le somme per realizzare opere e servizi utili alla comunità. Personalmente credo che si debba sempre pensare allo sviluppo e non ci si possa far condizionare dal momento di crisi che attraversiamo. L’apertura dei cantieri porterà lavoro. Quello realizzato in questo periodo è un progetto concordato e non imposto ai privati che avrebbero comunque potuto rifiutare. Il nostro intento è di realizzare uno sviluppo preciso con aree organizzate per scopi e settori, evitando una crescita casuale e caotica. Aumentare i servizi significa aumentare la qualità della vita, realizzare un paese attivo e non un paese dormitorio». L’adozione del POC è dunque stata approvata a maggioranza con il voto contrario dei consiglieri di Medesano Democratica, mentre Antonio Maini, di Medesano Domani, ha preferito non esprimere il proprio giudizio assentandosi dalla sala.G. Lab. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Un'onda che sembra arrivare dal film Point break

Portogallo

Onde gigantesche come nel film Point break

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

1commento

59 ANNI

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili

89 ANNI

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

Salsomaggiore

«Serhiy Burdenyuk è scomparso: chi l'ha visto?»

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

DIPENDENZA

Una sera con i Narcotici Anonimi

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

tennis

Seppi saluta Melbourne, Nadal e Cilic ai quarti

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova