-4°

Provincia-Emilia

Dalla Moldavia per diventare borghigiani doc

2

di Edoardo Malvenuti
«Ho lasciato la Moldavia quando avevo vent’anni. E un figlio di tre». Xenia Moraru oggi di anni ne ha 29, da otto vive a Fidenza.  Suo figlio Iulian l’ha raggiunta nel 2010 ed ora dividono l’appartamento con l’anziano che questa ragazza di Canemir assiste da qualche anno, vicino al Parco delle Rimembranze.
Xenia è una dei 6960 moldavi  - stando agli ultimi dati disponibili  - residenti in provincia di Parma. Sono la comunità straniera più numerosa, cresciuta esponenzialmente negli ultimi cinque anni. Oltre ai residenti nel capoluogo, sono tanti quelli che vivono a Fidenza.

Le donne sono molto più numerose degli uomini poiché per loro è più facile trovare lavoro. Spesso assistono gli anziani nelle attività domestiche: fanno le badanti. Dopo un certo periodo di instancabile assistenza molte diventano «parte della famiglia», racconta Xenia.
 Il rapporto di fiducia professionale s’annoda in modo inestricabile al legame umano tra l’anziano e la signora che lo assiste: «L’uomo che aiutavo a Salsomaggiore lo chiamavo nonno, era normale dopo un po’ di tempo». Xenia racconta la sua storia con quella amalgama di partecipazione e compostezza che contraddistingue queste donne dalla tempra forte. «Grazie a questa famiglia di Fidenza per cui lavoro sono riuscita ad ottenere il ricongiungimento familiare per mio figlio», spiega dal tavolo di un bar del centro. «Ora frequenta la scuola media Zani e parla l’italiano benissimo».
 Il volto le si apre in larghi sorrisi quando parla di suo figlio: «Per anni ho sentito la sua voce in una cornetta e l’ho visto attraverso uno schermo di un computer». Ora vivono assieme, e non hanno intenzione di andare via. «Fidenza è diventata la nostra città. È qui che vogliamo vivere». In più sembra che il ragazzino undicenne sia diventato piuttosto bravo con le carte da briscola. Succede che la sera lui e la madre improvvisino partite con l’anziano che lei assiste.
 Altra storia è quella di Serghei «Sergio» Cornea. Quaranta anni, anche lui originario della Moldavia, durante la settimana è camionista, mentre la domenica veste i paramenti scari per celebrare la messa ortodossa nella chiesa di San Faustino.
 «La nostra è una comunità allargata: non solo moldavi, ma anche rumeni, ucraini ed una signora della Bielorussia», racconta Sergio dopo la funzione.
 Padre della comunità dal 2007, porta i capelli lunghi su un viso allungato, per celebrare veste di viola. La messa è in tre lingue: moldavo, russo e italiano. Così tutti possono seguire la litania accompagnata dalla voce salmodiante e delicata di Anna Maria, la figlia di Sergio, che scandisce i tempi della celebrazione con il suo canto.
«Le persone sempre presenti sono una ventina, ma durante le feste arriviamo anche a sessanta»,  spiega indicando con la mano un tavolo imbandito di cibi e bottiglie lungo la navata. «Quei piatti sono offerte, sacrifici per i nostri morti». Quella mensa apparecchiata dà al rapporto con l’aldilà un sapore casalingo. Questa chiesa, consacrata al culto ortodosso nel 2004, è un punto di riferimento per la comunità di Fidenza, specie per il rapporto speciale tra Sergio ed i fedeli. Alla fine della funzione in diversi scambiano due parole con lui, gli chiedono consiglio o aiuto. Certo, già durante la messa c’è un rito tutto particolare per scacciare le ansie e i turbamenti interiori. Un capannello di uomini e donne, rigorosamente velate, si inginocchiano di fronte all’iconostasi. Sergio copre loro il capo con i paramenti sacri di cui si sveste mano a mano, pronuncia una benedizione e li bagna con l’acqua santa. «Serve a quietare le ansie, i timori». Si congeda così Sergio, con una vigorosa stretta di mano: «Fidati che funziona».

 Anche Marina è moldava, e vive a Fidenza. Ha ventidue anni, le unghie smaltate di verde acqua e un paio d’occhiali di corno. Originaria di Carpineni, villaggio a una cinquantina di chilometri dalla capitale Chisinau, vive in paese da tre anni e mezzo. Oggi lavora come cameriera in un bar del centro ma pensa a Milano.  
«Studiare economia dei beni culturali e dello spettacolo alla Statale sarebbe fantastico», spiega Marina pensando al test d’ammissione di settembre. Nelle sue corde c’è l’arte: dipingere, fare foto, e quel corso le permetterebbe di coniugare questo ad un altro suo interesse: l’economia.
«Anche io sono arrivata qui grazie al ricongiungimento familiare, mio fratello viveva in provincia di Parma», racconta. L’inizio non è stato facile, sempre quelle carte che scadono e non permettono certezze a lungo termine. Ma ciò che colpisce è la determinazione di queste persone, decise a ricominciare una vita lontano dalla loro terra. Spesso donne sole, con persone a casa da mantenere. «La Moldavia è tristezza, un Paese che non ha più nulla da offrire», dice Marina scuotendo la testa. Oggi, anche per lei, il futuro è qui. Fidenza, provincia di Parma o Italia, dove il rovinio di un Paese senza futuro è lasciato alle spalle.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • mirko

    12 Aprile @ 11.03

    ''....dove il rovinio di un Paese senza futuro è lasciato alle spalle.'' ne siamo sicuri??

    Rispondi

  • Maganuco

    11 Aprile @ 21.49

    che fortuna sfacciata che abbiamo....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

3commenti

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: gli indiani superano i romeni Video

I dati del primo semestre 2016: inviati 24,5 milioni nel mondo dal Parmense

2commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

tg parma

A Parma dai figli, arrestato latitante siciliano che deve scontare 15 anni

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: grave un camionista

IL FATTO DEL GIORNO

La morte di Filippo: oltre al dolore, la rabbia per i mancati interventi per la sicurezza Video

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INGV

Le onde sismiche della scossa 5.5 nel Centro Italia Video

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

SOCIETA'

futuro

L'auto volante diventa realtà, prototipo entro il 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta