Provincia-Emilia

Castione, insorgono in trecento contro la "Corte del Recupero"

Castione, insorgono in trecento contro la "Corte del Recupero"
Ricevi gratis le news
0

Annarita Cacciamani

Dopo il lungo dibattito sulla revoca o meno dei finanziamenti regionali (chiarita di recente) la Corte del Recupero è di nuovo sotto i riflettori della cronaca. I cittadini di Castione Marchesi tornano a chiedere chiarimenti e a ribadire il loro «no» sul progetto della Corte del recupero, che dovrebbe sorgere nell’area ex Tav della frazione. E lo fanno con nuova petizione sottoscritta da ben 303 persone e indirizzata non solo al sindaco di Fidenza Mario Cantini, ma anche al presidente della Regione Vasco Errani, al responsabile del servizio Valutazione impatto e promozione sostenibilità ambientale della Regione Alessandro Maria Di Stefano, al prefetto Luigi Viana e al presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli.  Si tratta della seconda petizione presentata dai cittadini di Castione per chiedere ulteriori approfondimenti sulla Corte del recupero: la precedente raccolta firme era stata sottoscritta da 195 cittadini.
Cosa chiedono I firmatari chiedono, in particolare, che «vengano adeguatamente considerate le problematiche di allagamento del terreno percorso dal rio Caneto proprio dove dovrebbe sorgere l’impianto e dove è stato necessario l’intervento della Protezione civile per almeno tre distinti episodi». I castionesi chiedono anche che «una loro delegazione possa partecipare alle convocazioni della conferenza de servizi per rappresentare i propri diritti e interessi». Le ragioni del «no» al progetto Con la nuova petizione gli abitanti di Castione esprimono ancora una volta la loro «contrarietà» al progetto. «Le nostre preoccupazioni, tenuto conto del fatto che l’impianto sarà collocato alle porte di Castione, sono avvalorate ancora di più dalle ben 45 richieste di integrazioni e approfondimenti che il servizio Valutazione impatto e promozione sostenibilità ambientale della regione Emilia Romagna ha trasmesso al Comune di Fidenza» si legge nel documento. Nessuna risposta Secondo i promotori della petizione, la nuova raccolta firme si è resa necessaria perché «l’amministrazione comunale di Fidenza non ha per ora ritenuto di dare risposta alle nostre preoccupazioni, evidenziate anche nel corso di assemblee pubbliche, relative all’impatto ambientale e ai possibili effetti negativi sull’ambiente e sulla buona vivibilità del paese che l’insediamento potrebbe causare». La Corte del recupero è stata più volte oggetto di discussione in Consiglio comunale e, proprio in questa sede, il sindaco si è era impegnato a informare i cittadini «una volta acquisiti i pareri della Regione sulla valutazione di impatto ambientale». Nel frattempo, la Regione con una delibera di giunta del 10 aprile ha ufficialmente revocato il finanziamento di 520 mila euro per l’impianto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat