21°

Provincia-Emilia

Terremoto: la tragedia, i danni, la paura. Scosse anche nella notte Sette morti: 6 per crolli nel Ferrarese, una per spavento a Bologna. Tremila sfollati. Aiuti da Parma

Terremoto: la tragedia, i danni, la paura. Scosse anche nella notte Sette morti: 6 per crolli nel Ferrarese, una per spavento a Bologna. Tremila sfollati. Aiuti da Parma
Ricevi gratis le news
557

Nuove scosse, tra Modena e Ferrara: a mezzanotte, poi al'una (magnitudo 3.5). Poi ancora scosse minori

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE (domenica 20 maggio)

Ore 21 - Alessandro Galavotti/Ansa - ore 4.04, la terra trema. Una lunga e intensa scossa di terremoto, della forza di poco inferiore a quella che il 6 aprile 2009 distrusse L’Aquila, fa 'saltarè una bella fetta di nord Italia. Una ventina di secondi a magnitudo 6, che squarciano la notte da Milano a Venezia, da Torino a Trieste, da Bolzano a Bologna. L’epicentro viene registrato proprio in Emilia-Romagna – la Regione che già a gennaio era stata 'strattonatà per ben due volte da altrettanti terremoti – tra le province di Modena e Ferrara. Un fazzoletto di terra in cui si scatena l’inferno, con le case che si piegano come ramoscelli e gli edifici storici che non reggono l’urto.

Il bilancio è drammatico e costringe il presidente del Consiglio, Mario Monti, a rientrare in anticipo dagli Stati Uniti. I morti sono sette, sei dei quali nel Ferrarese e uno in provincia di Bologna, una cinquantina i feriti lievi nel Modenese, tra cui un vigile del fuoco, e circa tremila sfollati che dovranno trascorrere la prossima notte in albergo o nelle tendopoli allestite dalla Protezione civile, sotto un cielo livido di pioggia. Incalcolabili al momento i danni, per i quali martedì il Consiglio dei Ministri dichiarerà lo stato di emergenza, mentre si susseguono le scosse dello sciame sismico. Tra le tante, una di magnitudo 3.3 alle 5.35, un’altra di 2.9
alle 5.44, poi l’altra 'bottà delle 15.18 che fa salire la scala Richter fino a 4.1, provoca nuovi crolli e semina altra paura tra le popolazioni già terrorizzate.

La macchina dei soccorsi si mette subito in moto, suscitando il vivo apprezzamento del Capo dello Stato Giorgio Napolitano, che ha espresso la propria solidarietà alle comunità coinvolte e la sua commossa partecipazione al dolore delle famiglie delle vittime, mentre Papa Benedetto XVI nel Regina Coeli implora «la misericordia di Dio per quanti sono morti e il sollievo nella sofferenza per i feriti».

Quattro delle sette vittime sono operai, caduti sotto le macerie delle loro fabbriche, a Sant'Agostino e Bondeno, nel Ferrarese, mentre stavano per terminare il turno del sabato notte. Vite spezzate sotto le macerie di quelle fabbriche che sono l’anima e il cuore dell’economia emiliano-romagnola. Come la Ceramica Sant'Agostino in cui hanno perso la vita Leonardo Ansaloni, 45 anni, e Nicola Cavicchi, di dieci anni più giovane. Vittima della sorte, quest’ultima: doveva andare al mare, ma poi le nuvole e la pioggia lo hanno convinto a sostituire un collega malato. E poi ancora Gerardo Cesaro, 57
anni, morto alla Tecopress di Dosso, frazione di Sant'Agostino, una fonderia che produce a ciclo continuo, e Tarik Nauch, operaio marocchino di 29 anni morto alla Ursa, azienda di polistirolo espanso a Bondeno, dove progettava di portare la moglie sposata da poco.

Le loro storie si intrecciano a quelle di due anziane della provincia di Ferrara: Nevina Balboni, 103 anni il prossimo giugno, morta nel suo casolare di campagna, tra San Carlo e Sant'Agostino, colpita alla testa dai calcinacci; e Anna Abeti, 86 anni, che si è sentita male dopo la forte scossa di terremoto della scorsa notte ed è deceduta dopo il ricovero all’ospedale a causa di un ictus.

Ed è una donna, ma questa volta di appena 37 anni, la settima vittima: Gabi Ehsemann, questo il suo nome, si era trasferita in Italia a gennaio, per lavorare alla Carpigiani, storica azienda di macchine da gelato di Anzola dell’Emilia. Il suo cuore non ce l’ha fatta a sopportare la grande paura che il terremoto si è portato dietro come un’ombra.

Ora la priorità va alle persone, come sottolinea il Capo della Protezione Civile, prefetto Franco Gabrielli, che accompagnato dal presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani si reca prima in provincia di Ferrara e poi in quella di Modena. «La nostra priorità assoluta è quella di dare assistenza alle persone e di fare in modo che possano passare la notte in condizioni accettabili», sottolinea Gabrielli, mentre è corsa contro il tempo per assicurare un ricovero caldo a tutti e tremila gli sfollati.

Il peggio, del resto, potrebbe non essere ancora alle spalle. «A grandi scosse, poi ne seguono altre – osserva Gabrielli -. Non necessariamente quella della notte scorsa è la più grande. Bisogna essere cauti: sui terremoti non si fanno previsioni e non si approccia il problema con superficialità e impropria rassicurazione». E mentre la colonna mobile della Protezione Civile predispone le prime tende, vanno avanti le verifiche strutturali, per consentire le quali domani nei comuni più colpiti rimarranno chiuse le scuole. Un lavoro lungo e difficile, come quello per la predisposizione delle prime misure d’emergenza, dalla sospensione dei pagamenti delle tasse agli ammortizzatori in deroga. La speranza, in queste ore drammatiche, ha il volto della piccola Vittoria: per due ore è rimasta sotto le macerie della sua cameretta e quando i vigili del fuoco, allertati da un ping pong di telefonate partito da New York, l’hanno salvata non aveva neppure un graffio.

Ore 16 -  La terra ha tremato ancora in Emilia Romagna. Due scosse forti in tre minuti: alle 15,18 (magnitudo 5.1: avvertita anche a Parma) ed una alle 15,21 (4.1). Nuovi crolli nel Ferrarese, un vigile del fuoco ferito. E nuovi problemi per i soccorsi che la protezione civile sta organizzando

La cronaca di stamattina

Ore 11 - Nessuna speranza di ritrovare in vita l’operaio disperso nel crollo del tetto della fonderia Tecopress di Sant'Agostino (Ferrara) causato dal terremoto. Sale così a sei il numero delle vittime provocate dal terremoto in Emilia-Romagna. Una scossa di magnitudo 6, forte quasi quanto quella che il 6 aprile 2009 ha distrutto l’Aquila, con epicentro 36 chilometri a nord di Bologna, tra le province di Modena e Ferrara, dove si registrano anche una cinquantina di feriti, nessuno dei quali in gravi condizioni, e ingenti danni a chiese ed edifici storici.
Quattro vittime sono operai, uccisi dal crollo dei capannoni in cui stavano lavorando in provincia di Ferrara: due alla Sant'Agostino Ceramiche, un’altro alla fonderia Tecopress di Dosso e un’altro ancora in una azienda di polistirolo a Ponte Rodoni di Bondeno. Le altre due vittime sono una ultracentenaria di Sant'Agostino e una tedesca di 37 anni che si trovava a Bologna per lavoro. Ad uccidere entrambe lo spavento per il forte terremoto, che è stato avvertito in tutto il nord Italia.
La scossa è stata registrata dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 4.04, seguita da due repliche di intensità minore: una di 3.3 alle 5.35 e un’altra di 2.9 alle 5.44. L’epicentro nella pianura padana emiliana, una decina di chilometri di profondità dal suolo, 36 chilometri a nord da Bologna – dove la gente è scesa in strada per la paura ma non si registrano particolari problemi.
Circa duecento, fino ad ora, gli interventi richiesti ai centralini del 118 tra Modena e Ferrara. Evacuati i 35 pazienti dell’ospedale di Finale Emilia, tra cui una donna incinta, che è stata trasportata al policlinico modenese, mentre all’ospedale di Mirandola i pazienti sono stati fatti uscire dalle camere e sistemati in apposite strutture fuori dall’ospedale.
A Ferrara, intanto, è arrivato il capo della Protezione civile, prefetto Franco Gabrielli, che partecipa ad un vertice in prefettura con le autorità locali per fare il punto sull'emergenza. Subito dopo si recherà anche nel Modenese.

Ore 12,15 - SETTIMA VITTIMA - Purtroppo la notizia di una nuova vittima nel ferrarese: un anziano trovato sotto le macerie. Il bilancio sale dunque (con la donna morta di spavento nel Bolognese) a 7 morti.

Ore 15- TREMILA SFOLLATI -Sono invece circa tremila, secondo le prime stime della Protezione civile, gli sfollati nei territori dell’Emilia-Romagna colpiti dal territorio. La maggior parte, circa 2.500, si trovano nel modenese, gli altri 500 in provincia di Ferrara.

LA CRONACA DELLA NOTTE

Ore 4,10 - Robusta scossa di terremoto, poco dopo le 4.

La magnitudo sarebbe 5.9, (ma altre fonti indicavano inizialmente 6.3) . Epicentro in Emilia Romagna: a Finale Emilia, dopo una precedente scossa intorno all'una con epicentro a San Felice sul Panaro.

In tilt a lungo il sito INGV

Ore 5,03 - Nuova scossa, apparentemente meno forte e più breve. (magnitudo 2.9, mentre quella dell'una era di poco superiore a 4)

Ore 5,30 - Si segnalano i primi danni nella zona dell'epicentro (in particolare una chiesa a Finale Emilia),.

Ci sono purtroppo 4 vittime nel Ferrarese, dove sono crollati alcuni capannoni. Crollo di un campanile a San Felice sul Panaro. Fra le 4 vittime, un operaio che aveva sostituito all'ultimo momento un collega ed una donna di 103 anni, travolta dal crollo di un edificio nel Ferrarese.

Dalle 8 a Parma  le operazioni di voto, e sarà importante valutare eventuali segnalazioni dalle scuole, molte delle quali ospitano appunto i seggi elettorali.

A Bologna una donna di 37 anni è morta per infarto, a causa del grande spavento per la scossa prolungata delle 4

Ore 8 - Prima verifica con i vigili del fuoco: a Parma, a 4 ore dalla scossa più forte, non ci sono segnalazioni di energenze particolari

Ore 8,20 - La magnitudo della scossa delle 4 è stata fissata a 6.o: quasi come a L'Aquila (6.2)

Ore 9 - Nessun problema particolare neppure ai seggi, dove sono iniziate le votazioni per il sindaco. Tre squadra di vigili del fuoco da Parma a Finale Emilia, dove la situazione è molto più grave (oltre alle vittime ci sono decine di feriti e molte macerie) 

VIGILI DEL FUOCO PARMIGIANI A FINALE EMILIA

Tre squadre di vigili del fuoco sono partite subito dalla caserma di via Chiavari con destinazione Finale Emilia, per aiutare nelle operazioni di soccorso i colleghi emilianoromagnoli.

VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE PRONTI A PARTIRE

Nella sede di via del Taglio la Protezione civile parmigiana sta finendo dic aricare sui camion la sua struttura protetta, una sorta di ospedale da campo. Una ventina di volontari sono in allerta, pronti a partire appena il coordinamento regionale darà l'ok e comunicherà la meta. Al momento la destinazione più probabile è  Modena

RIATTIVATO IL TRAFFICO

 

 

TERREMOTO: CHE COSA FARE

Avete avvertito la scossa ? Ditelo nello spazio commenti

 

Il traffico ferroviario è stato riattivato alle 7.45 su tutte le principali linee ferroviarie presenti nelle aree colpite dal sisma della scorsa notte. Aperte anche le linee ad Alta Velocità Bologna-Milano e Bologna-Firenze. Restano da riattivare solo la tratta Bologna- Rovigo e Bologna-Poggio Rusco dove – spiegano le Fs – «le ricognizioni tecniche previste dai protocolli di sicurezza per verificare l’integrità delle infrastrutture, avviate ovunque nel corso della notte, sono in corso di ultimazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Andrea

    21 Maggio @ 15.13

    qui sono riportati i terremoti di magnitudo superiore o uguale a 2.0 localizzati in Italia dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV degli ultimi 30 giorni. copiare il link, metterlo nella barra indirizzi e premere invio. img252.imageshack.us/img252/2295/ingvcntearthquakelist.pdf

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    21 Maggio @ 12.48

    Sì, tanti commenti non li avevamo mai registrati per nessun articolo

    Rispondi

  • Dr.Feelgood

    21 Maggio @ 12.21

    Un'informazione: scusa Redazione ma questo spazio commenti con 56 pagine rappresenta forse il record storico della GdP online? Non mi era mai capitato infatti di vederne così tanti. Grazie. Ciao a tutti.

    Rispondi

  • zio

    21 Maggio @ 11.51

    speravo che era un brutto sogno ma accendendo la luce e vedendo il lanpadario oscillare paurosamente ho capito che non era un sogno e ancora adesso sono sconvolto di paura

    Rispondi

  • sabrina

    21 Maggio @ 09.20

    io vivo a chiaverano un paesino in provincia di torino e verso 00.30 abbiamo avvertito la scossa di terremoto ......che spavento tremava TUTTO

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza

PGN FESTE

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi

10commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

1commento

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

1commento

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

3commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

5commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

1commento

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

PARLA L'ESPERTO

«Anziana scippata, evento traumatico»

2commenti

Parma Marathon

Raccolta fondi per la famiglia del runner morto

Un'iniziativa per i familiari di Luigi Liuzzi

AIDEPI

Paolo Barilla: "Industria bistrattata per debolezza politica"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

NOSTRE INIZIATIVE

Da oggi le foto di tutti i remigini delle scuole di città e provincia

ITALIA/MONDO

MODENA

Otto anni all'aggressore del primario Tondi

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

Tg Parma

Affare Parma - Desports: la Cina apre gli investimenti esteri Video

PARMA

Tra i premiati Sport Civiltà nomi noti e giovani promesse Video

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

MOTORI

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compattodi Seat in 5 mosse Foto

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»