14°

Provincia-Emilia

Quattro Castella, torna il corteo matildico. L'aquila del parmense Cavozza volerà sul Bianello

Quattro Castella, torna il corteo matildico. L'aquila del parmense Cavozza volerà sul Bianello
0

Fervono i preparativi a Quattro Castella (Reggio Emilia) per il grande giorno del 47esimo Corteo Matildico. Quasi mille fra comparse e volontari, 4 contrade, 3 gruppi storici, 3 gruppi di combattenti, 7 taverne medievali: sono solo alcuni dei numeri che caratterizzano l'edizione 2012 dell'importante rievocazione matildica. 
Sabato 26 e domenica 27 maggio Quattro Castella si prepara quindi a vivere un week end con le atmosfere tipiche del Medioevo. A interpretare quest’anno il ruolo di Matilde ed Enrico V ci saranno due musicisti reggiani: la cantante lirica Elena Rossi (“Sono la prima reggiana a interpretare Matilde, un motivo in più di onore e responsabilità per una manifestazione che ho seguito in passato da spettatrice e che mi affascina perché davvero ripropone per un giorno un’atmosfera storica in tutto il paese di Quattro Castella”) e il fondatore e tastierista dei Nomadi Beppe Carletti (“Quando cantava Un giorno io crescerò non avrei mai pensato di crescere al punto di diventare Imperatore! Battute a parte, sono emozionato per il ruolo che mi hanno attribuito. Ho accettato subito senza esitazioni e sono onorato di avere al mio fianco una regina della bellezza e della bravura di Elena Rossi”).
Per il secondo anno, inoltre, il Corteo Matildico di Quattro Castella sposa la causa del Gr.A.De: tutto il ricavato della manifestazione sarà devoluto, come nel 2011, alla costruzione del nuovo Polo Onco-Ematologico di Reggio Emilia.

LA MANIFESTAZIONE
Organizzata dal Comune di Quattro Castella, con il patrocinio della Provincia di Reggio Emilia, la manifestazione castellese può vantare anche l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica. L’evento rievoca ogni ultimo fine settimana di maggio, il celebre episodio avvenuto al Castello di Bianello tra il 6 e il 10 maggio dell'anno 1111 quando Enrico V, figlio di quell'Enrico IV che trent'anni prima ottenne da Papa Gregorio VII, per intercessione di Matilde, il famoso perdono di Canossa, incoronò la Gran Contessa viceregina vicaria d'Italia.

LA DOMENICA DEL CORTEO
Tante come ogni anno le novità previste. D’altronde il segreto del Corteo matildico, oltre al suo carattere di manifestazione realmente popolare che coinvolge e coagula attorno a sé un’intera comunità, è proprio quello di una costante e fedele aderenza al rigore storico degli eventi rappresentati pur nel rinnovo delle iniziative e degli eventi proposti. Quest’anno il Corteo si vestirà letteralmente di nuovo con la nuova gigantesca Scenografia del Campo matildico che farà da degna cornice a quello che da sempre è il momento “clou” della manifestazione: l’Incoronazione di Matilde a Vicaria imperiale. Ma le novità non finiscono qui. Nuovo sarà infatti il Copione del Corteo con nuovi personaggi e colpi di scena annunciati dagli organizzatori che saranno svelati soltanto al momento della rappresentazione di domenica. Saranno naturalmente riproposti i seguitissimi Giochi medievali della Lotta del Ponte con la sfida tra le quattro contrade castellesi e la Quintana dell’Anello. Quest’anno poi farà la sua prima apparizione al corteo anche un’Aquila reale che si cimenterà in uno spettacolare volo di 300 metri ad ali spiegate dalla sommità della torre del Bianello fino al campo matildico per rendere omaggio alla Vicaria imperiale.

UNA NOTTE DI FUOCHI E SUGGESTIONI
Ma la giornata di domenica 27 maggio sarà preceduta dalla Serata Matildica di sabato 26 maggio. Una serata che vedrà alternarsi momenti teatrali ed esibizioni di musici e sbandieratori con la seconda edizione della Corsa dei Putti e del Corteo storico dei fanciulli che renderà protagonisti i bambini di tutte le scuole dell’infanzia di Quattro Castella. Poco prima di mezzanotte, poi, il castello di Bianello si illuminerà a giorno con lo spettacolo di Fuochi pirotecnici, altra novità di questa edizione del corteo.

UN TUFFO NEL MEDIOEVO
Per due giorni a Quattro Castella torneranno le atmosfere di 900 anni fa, con l’allestimento di un vero e proprio Villaggio Medievale in piazza Garibaldi e nel piazzale della Chiesa di Sant'Antonino. Proprio la chiesa parrocchiale ospita varie mostre ed esposizioni, mentre il Castello di Bianello sarà aperto con visite guidate e animazioni per bambini. Sui Prati del borgo di Bianello ci sarà l’Accampamento d’armi, mentre al Pavaglione ci saranno le esibizioni di Tiro con arco storico. All’interno del centro del paese ci sarà un Mercato medievale con artigianato artistico e agroalimentare, mentre sono ben 7 le Taverne che serviranno senza soluzione di continuità piatte e bevande per gli spettatori. Molto suggestive si prospettano anche la messa in costume con canti gregoriani della domenica mattina e la Cerimonia di giuramento dei lottatori del Ponte in programma il sabato sera.

UN'AQUILA DI PARMA VOLERA' SUL CORTEO MATILDICO. Un volo da seguire in silenzio e con il fiato sospeso: al corteo di Quattro Castella fra i protagonisti di quest’anno ci sarà anche Tiki, un esemplare di aquila reale canadese che si esibirà in lungo volo planare dal castello di Bianello al campo matildico. Un volo di oltre un chilometro in linea d’aria, reso possibile da Marco Cavozza, falconiere parmense.
Tre anni, 2 metri di apertura alare, 6 chilogrammi di peso: Tiki scenderà dalla torre del Bianello, il punto più alto del borgo castellese, direttamente sul campo, per rendere omaggio a Matilde prima dell’inizio dei giochi che precederanno l’incoronazione.
“Si tratta di una novità assoluta - spiega il regista del Corteo, Emidio Fantuzzi -. Non si è mai vista un’aquila reale in uno spettacolo di falconiera. Quest’anno al Corteo ci regaleremo questa primizia. Abbiamo già fatto le prove generali di volo dalla torre del castello e posso assicurare che lo spettacolo dell’esibizione è garantito”.
Il parmense Marco Cavozza, nativo di Bardi ma da anni residente a Traversetolo, porta i suoi rapaci in giro per palii e rievocazioni medievali. Più volte campione internazionale di falconeria, Cavozza ha portato i suoi animali anche sui set cinematografici (una sua aquila è protagonista della scena finale del film di Giuliano Montaldo “I Demoni di San Pietroburgo”) e televisivi con la partecipazione a numerosi programmi Rai e Mediaset e l’interpretazione di diversi ruoli in spot pubblicitari. Ma i falchi e le aquile di Cavozza svolgono anche un’importante funzione sociale di “Bird control” negli stabilimenti, nei centri storici, nei musei, e ovunque ci sia necessità di allontanare i piccioni e cornacchie in modo naturale ed ecologico. Come il 6 gennaio del 2010 quando grazie al suo intervento fu possibile giocare la partita di calcio Parma-Juventus in uno stadio Tardini fino a poco prima inagibile causa presenza di cornacchie sugli spalti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Musica alla Latteria dal Beccio

pgn

Musica alla Latteria dal Beccio Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Parma espugna 1-0 a Salò

lega pro

Basta un gol: il Parma espugna Salò (1-0) e risponde al Venezia Gallery Video: il gol

Le formazioni (Guarda): non c'è Giorgino - Il Venezia ha schiacciato la Samb 3-1 e il Padova raggiunge il Parma (Risultati e classifica)

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

8commenti

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

7commenti

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

1commento

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

IL CASO

Sorbolo, contro furti e degrado il controllo si fa correndo

Nasce il progetto «Arrestiamoli»: lo sperimentano il sindaco e due runner

Sos animali

Cinque cuccioli cercano casa

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

8commenti

ITALIA/MONDO

ROVIGO

Errore in un documento: niente funerale, la defunta risulta viva

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

WEEKEND

L'INDISCRETO

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

1commento

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

SPORT

Coppa del mondo

Sci: Peter Fill vince il SuperG. Argento per gli azzurri nel Team sprint

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia