-6°

Provincia-Emilia

La Cisl: "Maestre licenziate dopo il terremoto a Colorno"

La Cisl: "Maestre licenziate dopo il terremoto a Colorno"
13

Quattro maestre delle elementari, che avevano un contratto a tempo determinato, sono state licenziate in anticipo a Colorno, dopo che il terremoto ha reso inagibile la scuola. E' quanto denuncia la Cisl Scuola, che attacca questa "decisione unilaterale" e fa appello alle istituzioni scolastiche regionali "affinché la legalità ed il buon senso vengano ripristinati".

Ecco il comunicato della Cisl Scuola:

Un fatto gravissimo è avvenuto a Colorno, dove quattro maestre di scuola primaria (ex elementare) sono state licenziate anticipatamente dall’amministrazione scolastica, dopo che le scosse di terremoto che stanno affliggendo l’Emilia hanno provocato l’inagibilità dell’edificio. Mentre gli altri docenti hanno potuto proseguire le attività di fine anno scolastico, preparatorie anche dei successivi scrutini, ospitati nei locali della scuola secondaria (ex media) del paese i docenti a tempo determinato sono stati allontanati con decisione unilaterale, creando un’assurda disparità di trattamento, come se il terremoto legittimasse azioni del genere. Un episodio sconcertante che stando alle notizie che giungono dal resto delle zone terremotate, per adesso risulta essere l’unico di questo tipo, mai prima d’ora in Italia una pubblica amministrazione aveva licenziato i dipendenti in caso di gravi calamità naturali, a Colorno è successo e per giunta colpendo dei precari. La Cisl Scuola di Parma ha rivolto un appello indirizzato al direttore Ufficio Scolastico Regionale Stefano Versari, al dirigente dell’Ambito Territoriale Scolastico di Parma Laura Gianferrari ed al Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo di Colorno Giovanni Gaulli, affinché la legalità ed il buon senso vengano ripristinati. Scrive la Cisl Scuola: “Auspicando che l'appello rivolto trovi accoglienza consapevole, non si vorrebbe credere che l’interdizione anticipata di contratti di Lavoro già per loro natura precari, possa costituire grave negativo esempio che non troverebbe cittadinanza in un civile contesto, come peraltro non è avvenuto in precedenti tragici analoghi eventi sul territorio nazionale”. 

In merito alla vicenda, la Cisl ha inviato una nota aggiuntiva: "Teniamo a ricordare che sono le uniche dipendenti pubbliche, di cui si abbia notizia, alle quali a causa del sisma è stato interrotto il rapporto di lavoro. Eppure sono decine le scuole interessate in tutta la regione. Inoltre nessuna norma contrattuale prevede la risoluzione anticipata dei rapporti di lavoro a causa delle calamità naturali, per quanto riguarda il caso specifico i contratti di assunzione prevedono una data di scadenza ed inoltre le docenti interessate, erano in servizio su classi delle quali dovevano essere preparati gli atti per poi svolgere gli scrutini, non si tratta di “prestatori d’opera” generici ma di professioniste che svolgono la funzione docente.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • nocciola

    13 Giugno @ 11.35

    Le giustificazioni del dirigente scolastico sono ridicole. Sostenere che nell'ultima settimana di contratto sarebbero state pagate per far nulla è assurdo, visto che gli insegnanti di ruolo sono pagati per tre mesi (tra estate e quant'altro) per fare sostanzialmente un tubo! Eh ma quella settimana lì era troppo eh?

    Rispondi

  • salvatore pizzo

    12 Giugno @ 23.24

    La scuola non è un'azienda non deve raggiungere un fatturato ma organizzarsi per formare futuri cittadini, ma è un servizio minimo essenziale: in termini produttivi come si qualifica il fatto di licenziare un docente prima che si facciano gli scrutini? Me lo dica il signor imprenditore. Mi domando perchè debbano pagare quelle quattro, tutti gli altri dipendenti che causa terremoto non hanno potuto lavorare hanno avuto le giornate sottratte dalla busta paga? Salvatore Pizzo

    Rispondi

  • stefano

    12 Giugno @ 22.58

    Ma la giusta causa chi la decide? I sindacati ? il dipendente? Non è abbastanza giusta come causa un dipendente che diventa inutile? E se il dipendente diventa inutile perchè il datore di lavoro deve per forza continuare a pagarlo anche se non produce? Solo perchè ha fatto la cazzata di assumerlo? Ma non vi rendete conto della situazione assurda? Vi sta bene solo perchè parlate da operai e non da imprenditori altrimenti sapreste che cosa vuol dire pagare una persona che non produce e sommare lo stipendio a tutte le tasse che abbiamo già da pagare...... Produzione= stipendio - inutilità = licenziamento. mi sembra logico. Se poi c'e' qualcuno che se ne vuole fare carico non sono contrario, ma non con i miei soldi.

    Rispondi

  • stefano

    12 Giugno @ 20.29

    Ma la giusta causa chi la decide? I sindacati ? il dipendente? Non è abbastanza giusta come causa un dipendente che diventa inutile? E se il dipendente diventa inutile perchè il datore di lavoro deve per forza continuare a pagarlo anche se non produce? Solo perchè ha fatto la cazzata di assumerlo? Ma non vi rendete conto della situazione assurda? Vi sta bene solo perchè parlate da operai e non da imprenditori altrimenti sapreste che cosa vuol dire pagare una persona che non produce e sommare lo stipendio a tutte le tasse che abbiamo già da pagare...... Produzione= stipendio - inutilità = licenziamento. mi sembra logico. Se poi c'e' qualcuno che se ne vuole fare carico non sono contrario, ma non con i miei soldi.

    Rispondi

  • salvatore pizzo

    12 Giugno @ 17.22

    La scuola ha rescisso unilateralmente il contratto, così è andata.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Il ritratto

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

VIABILITA'

Cascinapiano, i residenti: "Chieste strisce pedonali e più luci: inascoltati"

2commenti

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: un ferito grave

tribunale

Molestò operaia durante la campagna del pomodoro: condannato caporeparto

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

1commento

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

DOPPIO ENRICO VIII

Sorpresa al Regio: Spotti recita "muto", Zanellato canta

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

1commento

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

gazzareporter

Piazzale Borri, quelle dichiarazioni di (zero) amore...

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali Foto

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

1commento

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

maltempo

Tra terremoto e neve: il Centro Italia in ginocchio

mafia del brenta

Sequestrato il "tesoro" di Felice Maniero

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video