-5°

Provincia-Emilia

Fornovo - Il consiglio si spacca sulla partecipata En.For

0

 Frizioni tra maggioranza e opposizione nell’ultima seduta del consiglio comunale.

 Come accaduto in altre occasioni, a tenere banco tra i diversi punti all’ordine del giorno, la discussione sulla società En.For interamente partecipata del Comune, contestata fin dagli esordi dai tre gruppi di minoranza. Al centro del dibattito il bilancio della società, per il quale è stato deliberata una variazione di bilancio per consentire il ripianamento del capitale sociale, cifra pari a 8.000 euro.
 Al documento economico era legata anche la relazione dell’assessore Francesco Rossi che ha fatto un’analisi del percorso che la società si è trovata a dover percorrere, difendendo comunque il progetto politico, rivolto a promuovere e diffondere sul territorio l’utilizzo di energia rinnovabile e a tutelare dell’ambiente. 
«Premettendo che mi assumo la responsabilità di aver avvallato le decisioni dei consulenti tecnici - ha detto Rossi - è evidente che si sono registrati notevoli ritardi nell’operatività di En.For, sia per le variazioni normative nell’ambito delle rinnovabili, sia per scelte sbagliate dal punto di vista della pianificazione, ad esempio l’acquisizione dei pannelli fotovoltaici prima di avere le autorizzazioni. Oggi, nonostante il ritardo stiamo procedendo alla collocazione dei pannelli: ci auguriamo di poter mantenere in essere la società, lavoriamo con questo obiettivo».  
Per Alessio Magnani del gruppo Il Ponte, la relazione dell’assessore non è stata sufficiente. «Abbiamo presentato un mozione di sfiducia verso Rossi, che è stata respinta. Crediamo che non sia corretto il suo atto d’accusa sulle mancanze tecniche: l’unico responsabile è l’amministratore della società, l’assessore stesso, che dovrebbe fare un passo indietro e dimettersi». Dello stesso parere anche Giovanni Vergiati e Giuseppe Restiani.
 «E’ inutile dare la colpa a terzi: la società non andava fatta, avevamo avvisato in questa sede che l’operazione poteva generare una perdita. Non ha funzionato perché l’amministratore ha gestito male ciò che gli era stato affidato. Dopo la relazione Rossi avrebbe dovuto dimettersi. Si continua a brancolare nel buio, non potete risolvere il problema attuale dicendo che tra 25 anni la società avrà un utile di 180.000 euro». 
Anche per Ivan Paletti «La società è nata zoppa: ora il Comune deve mettere soldi pubblici per sanare un debito fuori bilancio: una cosa grave. Se la società viene chiusa deve pagare chi ha sbagliato».
 In sede di consiglio la maggioranza ha anche dato comunicazione dell’impegno dell’amministrazione di Fornovo, in collaborazione con quelle di Varano Melegari e Solignano, Comitato Rubbiano per la vita e ditta Laterlite per la ricostituzione dell’Osservatorio ambientale relativo all’azienda di Rubbiano, dopo il periodo di inattività dovuto alla rinuncia dei tecnici individuati. Do.C.   
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Ecoincentivi per auto metano o gplmetanogp

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

5commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

24commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

10commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

1commento

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

4commenti

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

TV PARMA

Primarie del centrosinistra: i candidati scenderanno a tre? Video

1commento

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

18commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

WASHINGTON

Trump ha giurato: è il nuovo presidente

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta