16°

Provincia-Emilia

21 uffici postali a rischio: tavolo in Provincia

21 uffici postali a rischio: tavolo in Provincia
9

Cristian Calestani

A pagarne le conseguenze sarebbe soprattutto la montagna. Ma la chiusura degli uffici postali «antieconomici» lascerebbe il segno anche nella Pedemontana e in un paio di casi pure nella Bassa. Lo scenario è del tutto ancora ipotetico. Si tratta solo di un impegno preso da Poste Italiane con Agcom – l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni - e non di un piano di chiusure vero e proprio, ma leggendo tra le righe si capisce subito che ben 21 piccoli uffici postali del Parmense rischiano seriamente lo stop dell’attività nel prossimo futuro.

(...) Nel Parmense – dove molti degli uffici a rischio già osservano orari di apertura ridotti – a subire maggiormente le conseguenze del piano delle Poste sarebbe il comune di Neviano degli Arduini che perderebbe in un colpo solo ben tre uffici postali.

E oggi la Provincia ha istiuito un tavolo di lavoro il cui obiettivo è garantire un futuro a questi uffici, "per non depauperare ulteriormente il nostro territorio, soprattutto quello di montagna".

ECCO IL COMUNICATO DELLA PROVINCIA

Parma, 13 luglio 2012 -  Dei tagli previsti dal piano di riorganizzazione aziendale di Poste Italiane si è discusso questa mattina in Provincia, sede in cui il vicepresidente Pier Luigi Ferrari ha convocato un incontro per discutere la situazione e concertare le prossime mosse. Presenti i parlamentari Carmen Motta, Albertina Soliani e Mauro Libè, il Consigliere regionale Gabriele Ferrari,  diversi sindaci dei comuni interessati e Silvia Avanzini (Slc Cgil) , Daniela Campanini (Uil poste) e Angelo Fiorillo (Slp Cisl).
Il Piano tocca cinque Regioni, tra cui l’Emilia Romagna, e solo nel Parmense sarebbero a rischio chiusura 21 uffici postali, la razionalizzazione di altri 6 e il licenziamento di 53 portalettere facenti capo a 50 recapiti da sopprimere. In particolare i territori interessati sono  prevalentemente  montani, dunque qualora il piano fosse attivato ci sarebbe una pesante ricaduta anche sulla qualità della vita dei cittadini, in gran parte anziani.
La riunione è stata sollecitata anche dalle parlamentari Carmen Motta e Albertina Soliani, che hanno già  presentato alla Camera e al Senato due interrogazioni al Ministro dello Sviluppo Passera e analoga iniziativa è stata assunta anche dal consigliere regionale Gabriele Ferrari che ha inoltre chiesto l’attivazione di un tavolo per coordinare le iniziative su scala regionale.
Diversi i giudizi negativi espressi sul Piano nel corso dell’incontro, soprattutto dai sindaci preoccupati delle conseguenze sulla qualità della vita complessiva delle collettività e dei servizi forniti ai cittadini. Anche i rappresentanti del sindacato confederale hanno sottolineato la gravità di quanto annunciato, una penalizzazione  che segue un lungo percorso di tagli e ristrutturazioni che da tempo interessano le Poste.
“Occorre agire in modo corale a cominciare dalle istituzioni – ha detto il Vice Presidente Ferrari sintetizzando l’esito dell’incontro -  dal livello nazionale e  ringrazio i parlamentari presenti per la loro tempestiva attivazione, a quello regionale, coinvolgendo anche Anci e Upi, oltre ai singoli Comuni, insieme con i rappresentanti dei lavoratori. Proseguiremo il lavoro di ricognizione con il tavolo istituzionale provinciale sugli uffici postali e recapiti a rischio, con l’obiettivo di garantire un futuro a questi uffici, per non depauperare ulteriormente il nostro territorio, soprattutto quello di montagna. Inoltre mi farò promotore presso la vicepresidenza della Regione perché anche lì si attivi una sede di confronto finalizzata a modificare il piano di Poste Italiane”.
 
 

.Gli uffici a rischio
Questi i ventuno uffici postali situati nella nostra provincia che rischiano la chiusura.
Cereseto (Compiano)
Costamezzana (Noceto)
Cozzano (Langhirano)
Gravago (Bardi)
Marzolara (Calestano)
Mediano (Neviano degli Arduini)
Molino dell’Anzola (Bedonia)
Montechiarugolo
Mozzano (Neviano)
Ostia (Borgotaro)
Pastorello (Langhirano)
Pieveottoville (Zibello)
Ponteceno (Bedonia)
Ranzano (Palanzano)
Ravarano (Calestano)
Riccò (Fornovo Taro)
Scurano (Neviano)
Strela (Compiano)
Varano Marchesi (Medesano)
Vianino (Varano Melegari)
Viarolo (Parma)


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fabio

    16 Luglio @ 06.46

    "Il problema, piú del disagio, sta nella perdita di posti di lavoro." Non necessariamente, visto che il personale di questi uffici perifierici in genere ruota su diversi uffici nei diversi giorni d'apertura. Questo personale quindi rimarrebbe a presenziare piu' a lungo gli uffici rimanenti. Alemno si spera. E' il momento di presentare contro-proposte costruttive a Poste Italiane.

    Rispondi

  • Giacomo

    14 Luglio @ 08.39

    Dall'elenco si capisce che qualche ufficio di troppo esiste. Il problema, piú del disagio, sta nella perdita di posti di lavoro.

    Rispondi

  • Fabio

    13 Luglio @ 09.31

    Temerario: "Perchè non organizzare un camper attrezzato ad ufficio postale, un po\'come quelli che ci portano il pesce fritto fresco in varie zone della città, che una-due volte la settimana porti l\'ufficio postale a Ranzano, Pastorello etc?" Gli uffici postali mobili esistono gia\', e vengono usati in caso di calamita\' naturali o per sostituire uffici fissi mentre vengono spostati/ristrutturatti.\r\nComunque la sua mi sembra una buona idea, una proposta costruttiva da presentare a Poste Italiane

    Rispondi

  • marilena

    12 Luglio @ 19.01

    sono residente nel comune di neviano degli arduini,piùprecisamente frazione sella di lcodrignano.un paradiso!!! qui esistono le farfalle!!!non molleròmai la mia oasi di pace e tranquillità,me la sono conquistata a soli 50anni ma non importa!!sicuramente in qualcosa ho sbagliato sbagliato..eleggere un sindaco che queste cose manco se sogna !!!mi dispiace denigrare un posto cosi bello ,la mia posta andrò a ritirarla ovunque!!!!!na!!!!

    Rispondi

  • "I'm not a questurino"

    12 Luglio @ 14.56

    Come dice il Sig. Fabio, probabilmente il problema maggiore è quello dato dal fatto che nella maggior parte di quei piccoli centri l\'età media è molto alta. Certo, con una buona organizzazione, tipo dare al postino una sorta di \"doppio mandato\" ovvero con l\'ausilio di adeguati supporti informatici dargli la possibilità di incassare oltre che consegnare posta il disagio diminuirebbe.\r\nComprendo poco Marzolara, che mi sembra un centro con densità media ed equidistante da Felino e Calestano,

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

L'attore posta video dopo l'infarto: "Pericolo passato"

salvato

Lopez, il video dopo l'infarto: "La paura? Tutto passato"

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Salso: rogo in un garage, distrutte 4 auto; non si esclude natura dolosa

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Comune

Parma, sconto sull'Imu per chi affitta a canone concordato

1commento

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

5commenti

sicurezza

Via della Salute a Parma: sorvegliano i residenti

piazzale della pace

Fermato mentre scappa con una boutique (falsa) nello zaino: espulso dall'Italia

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

13commenti

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

10commenti

crisi

Copador: sciopero di due ore in vista dell'assemblea soci Video

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

5commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

14commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

storie di ex

Turchia: legami con Gulen, il Galatasaray caccia Hakan Sukur

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

27commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

EDITORIALE

Europa, la dura realtà dopo le celebrazioni

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Economia

Stretta sui "compro oro". Ecco cosa cambia Video

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

SOCIETA'

western

Addio ad Alessandroni, il "fischio" più famoso del cinema Video

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017