11°

28°

Provincia-Emilia

Rete Ambiente Parma: no alle biomasse di Neviano

1

Comunicato stampa 

Siamo molto dispiaciuti della volontà dell'amministrazione comunale di Neviano di costruire una centrale a biomasse proprio a ridosso della scuola locale.

E' in atto in tutto il nostro territorio un vero e proprio assalto alle risorse naturali, con centrali a biomassa che spuntano come funghi, non perché economiche ed eco-friendly, ma perché lautamente sostenute da finanziamenti pubblici, che drenano fiumi di denaro sottraendolo alle fonti veramente rinnovabili e all'efficienza energetica, binomio inscindibile per raggiungere la sostenibilità.

Una sostenibilità indispensabile, se vogliamo consegnare alle future generazioni un pianeta desiderabile e vivente e ricco di risorse, e non moribondo come lo stiamo riducendo ora.

Dobbiamo andare oltre la scorza esterna come invita il Piccolo Principe.

Non è sufficiente il prefisso “bio” per trasformare automaticamente qualcosa in buono e utile per l'ambiente e gli esseri viventi che lo abitano. Sono decenni che cerchiamo di promuovere progetti dannosi con parole buone. L'eternit è solo uno degli esempi. Eternit, eterno... per poi scoprire che eterni sono solo i danni e le sofferenze create.

Troppe sono le lezioni apprese in ritardo da pericoli conosciuti in anticipo.

E' assurdo pensare che la normale manutenzione agricola e forestale, senza intaccare il patrimonio boschivo, sia sufficiente alla richiesta delle biomasse necessarie al funzionamento di tutte queste centrali termiche che stanno affiorando nel parmense ( Monchio, Palanzano, Borgotaro...).

I problemi legati al trattamento, recupero, utilizzo e smaltimento delle ceneri che gli impianti a biomasse inevitabilmente producono, è quasi sempre ignorato dai proponenti di questi impianti.

A questo proposito è da sottolineare la tossicità delle ceneri prodotte.

Le ceneri volanti derivanti dalla combustione di legname, ricche di metalli quali cadmio, cromo, rame, piombo e mercurio, devono essere smaltite in discariche per rifiuti tossici, con gravi conseguenze ambientali e con elevati costi di smaltimento.

Nonostante i sistemi di abbattimento degli inquinanti atmosferici utilizzati dalle centrali a biomasse, la combustione produce comunque inquinamento, ossidi di azoto, ossido di carbonio, polveri sottili e ultrasottili, micro inquinanti, aumentando le emissioni di gas serra che non possono essere trattenuti da nessun filtro.

Gli usi energetici delle biomasse sono meno ecologici di quanto si creda e si voglia far credere. Negli inventari europei delle immissioni di diossine e idrocarburi policiclici aromatici, il primato assoluto (stime al 2005) spetta alla combustione di biomasse. A questo si aggiunga che i progetti di questo tipo di centrali in genere non prevedono alcun monitoraggio delle emissioni di diossine.

Tutto questo è inaccettabile nel 2012, tanto più se inserito a fianco di una scuola.

Mercoledì scorso a Calestano, nella sala Avis stracolma di gente, il noto meteorologo Giuliacci ha usato parole che non ammettono repliche: “E' in atto un cambiamento climatico globale, inquinare meno è oggi un dovere morale”.

Auspichiamo una presa di posizione chiara e decisa da parte dell'amministrazione al fine di mettere in atto tutti gli strumenti possibili per ostacolare questa ulteriore minaccia ambientale e sanitaria.

Possiamo dominare la natura solamente obbedendole. Essa procede senza combustioni. Le tecnologie oggi consentono di ricavare energia termica senza trasformare la materia in inquinamento, particolato ultrafine e gas serra.

L'organico deve ritornare alla terra come compost, fertilizzando i nostri suoli che ormai stanno andando incontro a desertificazione. Questo è il più importante uso delle biomasse: la produzione di compost per l'agricoltura, cioè materiale organico opportunamente fatto maturare e mescolato alla terra per garantire il ripristino degli elementi nutritivi dei campi.

Al sindaco di Neviano Garbasi chiediamo un incontro pubblico in cui amministratori, cittadini e associazioni locali possano dibattere con intelligenza sulla convenienza o meno di questa centrale a biomasse a fianco della scuola.

E' un'opera che interessa tutta la comunità e tutti i cittadini devono avere la possibilità di comprendere se si tratta di un progetto veramente utile per l' economia, l' ambiente e la salute del territorio.

Rete Ambiente Parma è un coordinamento di comitati impegnati sul territorio parmense nella difesa di ambiente e salute, beni comuni sempre più feriti e insidiati da speculazioni economiche che di buono per la collettività hanno ben poco.

Noi siamo dalla parte dell'ambiente.

E voi, amministratori, da che parte state?

 


Francesco Barbieri

Rete Ambiente Parma

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • fabio

    30 Aprile @ 00.40

    Vorrei avere consigli e aiuto in una battaglia su stoccaggio di biomasse che sto sostenendo in quel di Poviglio. Come posso contattarvi? Fabio Dosi volarie@tin.it

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Parodia Fedez/Ferragni: J-Ax chiede la mano a Nek

ARENA DI VERONA

Parodia di Fedez-Ferragni: J-Ax chiede la mano a Nek 

diamante

Inghilterra

Compra anello in mercatino per 10 sterline, ne vale 350mila

Felino: gli Sfigher al Be Bop

PGN FESTE

Felino: gli Sfigher al Be Bop Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Barbara e le altre: nove 60enni alla riscossa -  Barbara D'Urso

L'INDISCRETO

Barbara e le altre: nove 60enni alla riscossa - Barbara D'Urso

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Gravissimo incidente a Ostia Parmense: auto contro bus

BORGOTARO

Auto contro pullman ad Ostia Parmense: muore una 79enne

Il pullman trasportava un gruppo diretto a Gardaland

Oltretorrente

Si infila nel letto della ex ma trova la madre: arrestato 32enne Video

Nella fuga, l'uomo ha rubato un cellulare ma ha perso il suo: rintracciato e fermato dai carabinieri

2commenti

mercoledì

Parma-Piacenza: "Per i biglietti non venite all'ultimo" I consigli - Video

2commenti

PARMA

Anziana in bici investita da un'auto tra via Buffolara e via Savani

1commento

anteprima gazzetta

Un'altra maxirissa a S.Leonardo : "Si faccia qualcosa" Video

CALCIO

Tifosi parmigiani aggrediti a cinghiate a Piacenza

Due tifosi sono rimasti feriti, illesi gli amici

1commento

lega pro

Piovani: "Parma, ecco cosa fare mercoledì contro il Piacenza" Video

Ieri lo 0-0 dell'andata (guarda gli highlights): "Dal Parma ci si apetta di più"  

2commenti

Uditiva Festival

Risate con Giampaolo Cantoni, Marco Della Noce, Chicco Paglionico Video - Video 2

gazzareporter

"Parcheggi creativi": via Montebello da record. Eccone un altro

PLAY-OFF

Fischi e insulti a Piacenza, Lucarelli: "Non ho nulla da rimproverarmi" Video

4commenti

tg parma

Ponte Verdi, Provincia: "Ok fondi da Bologna, aperto dal 1' luglio" Video

NEVIANO

Torna Paolo Garulli e sfida i matematici di tutto il mondo

PARMA

Fritelli: "Nessun rapporto tra la Provincia e Guido Fanelli"

Il presidente risponde a un'interrogazione sul caso Nanopain

26 maggio

Richard Peto professore ad honorem università di Parma

Storie di vita

Roberto Grassi, da architetto a sacerdote

evento

Migliore Malvasia 2017 (Cosèta d'or) alla cantina Oinoe

A Oinoe anche la Cosèta d'or (la migliore malvasia per i visitatori)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La forza di saper dire "scusate, ho sbagliato"

di Michele Brambilla

4commenti

EDITORIALE

Il pasticciaccio di Tuttofood

di Aldo Tagliaferro

2commenti

ITALIA/MONDO

Forte dei Marmi

Una rete antibivacco sotto il pontile

REGGIO EMILIA

Dorme su bus e resta chiuso in deposito: liberato dai carabinieri

SOCIETA'

avvistamenti

Centro ufologico nazionale: "Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino" Foto

televisione

Torna Twin Peaks e fa più paura di prima

SPORT

Cesena

Anche la Viellehner non ce l'ha fatta: era ricoverata al "Bufalini" con Hayden

playoff

Piacenza - Parma 0 - 0 Gli highlights del match

1commento

MOTORI

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare

NISSAN

Micra, arriva il 3 cilindri "mille" benzina. E il listino si abbassa