15°

Provincia-Emilia

"Vivo con un mostro in casa e con la paura di essere uccisa"

"Vivo con un mostro in casa e con la paura di essere uccisa"
47

Chiara Cacciani
Un giorno mio marito ha distrutto la casa e ha distrutto anche me.  Sono andata al pronto soccorso che vomitavo sangue. Se mi  avessero dato più di 20 giorni di prognosi, per lui sarebbe scattato d'ufficio  il provvedimento di allontanamento dalla famiglia. Ma me ne hanno dati solo cinque...». E così Marta (il nome è di fantasia)  continua ad aspettare che un giudice sancisca la fine dell'incubo. «Ma quanto devo aspettare? Che mi ammazzi, come ha promesso di fronte a mia madre?»,  chiede con rabbia.
Marta ha 40 anni, due figli in età scolare e un lavoro al quale è disperatamente aggrappata per riuscire a mantenere la famiglia e ripagare i debiti contratti a sua insaputa dal marito. Pensa agli affetti lasciati nella sua città d'origine e alla sua vita di prima, prima di arrivare nella Bassa parmense, e commenta amara: «Volevo che i miei figli avessero un padre, e invece  ho dato loro un mostro».
Il marito di Marta è nato in un paese africano. «E' musulmano ma non praticante - dice lei - . Musulmano quando gli fa comodo: noi donne non dobbiamo parlare. Le prendi perchè hai risposto: se non  avessi risposto non le avresti prese. Anche sotto l'aspetto economico è così: secondo mio marito avrei dovuto consegnargli la busta paga senza poi chiedere dove andavano a finire i soldi. E poi quel razzismo al contrario:“Sei bianca”. E dunque? Lo ero anche quando ci siamo conosciuti». Dieci anni fa - racconta - quello che ha incontrato era un uomo diverso: «Mi avevano colpito la sua mentalità aperta, europea, il carattere dolce e gentile. Sono rimasta incinta: quello che a lui serviva per convincermi a sposarlo e a fargli ottenere i documenti per restare in Italia. Ma io ero innamorata. E non ho capito...». Da quel momento sono iniziate le sparizioni, anche per dei mesi, i ritorni e le promesse di essere cambiato,  i debiti, gli affari «strani». E la violenza: anche fisica e anche di fronte ai bambini, ma soprattutto psicologica.  
E' stata Marta a contattare  con una email la Gazzetta di Parma, chiedendo di far sapere che ci sono tante   donne  come lei vittime di violenza domestica  che non riescono a trovare nelle leggi e nei servizi sul territorio un appiglio per salvarsi. «E' per questo che tante  non riescono a dire basta. E' per questo che tante finiscono ammazzate». Lei - dopo tre anni di depressione  e di sensi di colpa («mi dicevo sempre: me lo sarò meritata»)  - «basta» lo ha detto ad aprile, quando ha sentito il suo bimbo che diceva all'avvocato le stesse cose: «Papà mi ha picchiato, ma era colpa mia». E appena è scattato qualcosa dentro di lei, è scattata anche la querela per maltrattamenti fisici e psicologici e per mancato mantenimento della famiglia.  
Basta, sì, ma la paura di essere ammazzata  resta: quell'uomo che  da anni le rovina la vita è ancora lì, e non vuole lasciarla andare. «Per cattiveria, non per amore. E io devo rimanere: non abbiamo un altro posto dove andare, devo tenermi stretto il lavoro. E soprattutto devo tenere sotto controllo mio marito: il mio timore più grosso è  che fugga nel suo Paese con i bambini. Lo ha già minacciato... E ad ogni telefonata internazionale che lo sento fare sprofondo nel panico: penso sempre che stia organizzando qualcosa di brutto».
Sta seguendo i consigli dell'avvocato e dei carabinieri, Marta: «I miei figli sono ora lontano, dai nonni,  io dormo   chiusa a chiave, col cellulare sotto il cuscino, e sto via da casa più che posso. Ma posso andare avanti così? E i miei figlia a settembre dove li iscrivo?».
Ora che ha trovato il coraggio di parlare è un fiume i piena, Marta. «Ho avuto un matrimonio sbagliato: può capitare a tutti. E purtroppo non ho denunciato tutto prima. Ma quando l'ho fatto sono stata  sotto interrogatorio tre ore e mezzo, quasi quasi l'accusata ero io. E poi è difficile parlare di cose   trovandosi di fronte un uomo...». In attesa del provvedimento di allontanamento del marito, ha provato di tutto. «Sono stata anche al Centro Antiviolenza:  era disponibile una sistemazione protetta  per me  e i miei figli, ma il Comune dove risiedo ha detto che non ha i soldi per il contributo economico necessario. E così non se ne è fatto niente...». Marta non lo vuole nemmeno un aiuto economico: «Lavoro,  un affitto me lo posso permettere, ma dovendo pagare anche i debiti di mio marito non ho i soldi per i mesi di cauzione. Inoltre,  con il mio contratto a tempo determinato nessuno ti affitta niente. Io avrei solo bisogno che il Comune si facesse garante per me. Ma per il momento non succede niente. Il punto è questo lo dica: manca una legge che ci tuteli. E' per questo - ripete - che poi finiamo ammazzate».
Nel frattempo tenta di proteggere se non se stessa almeno i suoi bambini. «Certe loro frasi mi fanno stare malissimo. L'ultima volta che sono stata picchiata davanti ai bimbi, poi mio figlio mi ha detto    : "Mamma, io volevo aiutarti ma avevo paura..."». No, gli ha detto Marta: «Tu non devi aiutarmi. Mai. Tu devi scappare». 
 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • michele

    07 Agosto @ 16.16

    katia pur non condividendo appieno quello che fai ti ammiro x il tuo impegno...solo una cosa vorrei chiederti: non pensi che al giorno d'oggi avrebbero bisogno d'aiuto anche e soprattutto gli italiani?perchè io devo lavorare 50 anni x poter fare un mutuo x un appartamento e a certa gente (magari anche irregolare) deve essere tutto dovuto???non sarebbe meglio tutelare in primis gli ammalati e chi non ha soidi x curarsi?poi gli altri ben volentieri se rimane qualcosa..pero' prima verificando a fondo chi sono, lavoro, permesso e se pagano le tasse

    Rispondi

  • katiatorri

    07 Agosto @ 11.43

    @sgunden:per quel che riguarda la violenza sulle donne le statistiche dicono che fa perfettamente parte del vivere locale,non rendersene conto significa non affrontare il problema

    Rispondi

  • michele

    07 Agosto @ 08.04

    la realtà è che purtroppo buona parte (non tutti x fortuna) di chi viene in italia non vuole adattarsi al modo di vivere locale ma mantiene le sue abitudini e non si vuole integrare.

    Rispondi

  • katiatorri

    06 Agosto @ 16.41

    @alè:mi spieghi qual'è la sua realtà e poi dibatteremo

    Rispondi

  • michele

    06 Agosto @ 16.31

    katia...ma tu vivi nella realtà o nel mondo del mulino bianco?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

parodia con Parma/Karma canzone vincitrice sanremo

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

Aereo intercettato sui cieli della Germania

germania

Il pilota non risponde: volo di linea scortato da jet da guerra

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

CORTE DEI CONTI

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

Sicurezza

Blitz nelle cattedrali del degrado

FISCO

Condomini, è guerra contro le scadenze impossibili

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

A TEATRO

«Mar del Plata», il rugby contro la dittatura

Fidenza

Concari, quando la medicina è una missione

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis?

CCV

Ventuno progetti per Parma

calcio

Cerri, che gioia il gol in A

Collecchio

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco. Video: l'arresto dei ladri

Il servizio del Tg Parma: la testimonianza di un giovane - Video

CULTURA

Tahar Ben Jelloun a Parma: "Più educazione per sconfiggere l'Isis"

Palazzo del Governatore gremito

anteprima GAZZETTA

Pomeriggio di paura a Collecchio Video

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

LEGA PRO

Parma- Samb 4-2: il film del match Video

Via Mazzini

Le baby gang fanno paura: negozianti sotto assedio

11commenti

Parma

Trasporti, gara a BusItalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

4commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

SINISTRA

Dal Pci a Sel, la storia delle scissioni Video

Cremona

Napalm artigianale per incendiare la discoteca "rivale": denunciati due giovani

1commento

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

IL CINEFILO

Ecco due film "Molto belli" Video

SPORT

Vietnam

Rigore inesistente: la squadra resta immobile per protesta

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

nuovo kit

Mercedes Classe A Next, un passo più avanti