Provincia-Emilia

Il tacchino di Parma e Piacenza ora ha la sua anagrafe

Il tacchino di Parma e Piacenza ora ha la sua anagrafe
4

COMUNICATO
Il tacchino di Parma e Piacenza avrà un proprio registro in cui saranno inseriti via via i capi riconosciuti come appartenenti a questa razza garantendo così una tracciabilità che attesta l’origine dei capi.
La buona notizia è arrivata nei giorni scorsi con una delibera della Regione, un atto formale che avvia la registrazione del Tacchino di Parma e Piacenza all’interno dell’albo  per la tutela  delle razze e delle varietà del patrimonio agrario dell’Emilia Romagna.
L’istituzione del Registro, affidato all’Associazione Provinciale Allevatori (Apa) di Parma, comporta diversi vantaggi sia per i consumatori che per gli allevatori. Già oggi ogni animale appartenente alla razza è identificato dalla nascita con un numero, ma da ora in poi ci saranno valutazioni accurate nella scelta dei riproduttori che permetteranno di dare origine a una prole che presenta migliori caratteri standard. Oltre a ciò si apre la possibilità di inserire questa razza tra quelle che potranno beneficiare, all’interno del prossimo Piano di Sviluppo Rurale, di finanziamenti per le aziende che si impegneranno in azioni di tutela e allevamento.
“E’ un riconoscimento che ci dà grande soddisfazione e che apre nuovi percorsi di sviluppo – dice il vicepresidente della Provincia Pier Luigi Ferrari -  Abbiamo lavorato con serietà  in questi anni, insieme a tutti i soggetti coinvolti, perché il tacchino di Parma e Piacenza entrasse a pieno titolo fra le razze autoctone regionali. Con l’istituzione del registro, questo lavoro ha uno sbocco più certo: questa razza autoctona sarà protetta dall’estinzione, l’allevatore potrà investirci e i consumatori avranno garantita la qualità ”.
Introdotta probabilmente nel periodo della dominazione borbonica con importazioni provenienti dalla Spagna, la razza del Tacchino di Parma e Piacenza è riconoscibile in base a caratteristiche morfologiche specifiche, una sorta di identikit che permette di individuare i capi che vi appartengono e che li differenziano da altri tipi di tacchini.
La Provincia di Parma ha intrapreso attività di studio e recupero del tacchino di Parma e Piacenza a partire dal 2003 (progetto europeo Spinner) con l’obiettivo di garantire il mantenimento della razza in purezza e l’aumento della popolazione. Questo compito è stato svolto principalmente dalla facoltà di Veterinaria dell’ Università di Parma, affiancata dall’Azienda agraria sperimentale Stuard e da Alessio Zanon, veterinario a cui va il merito di aver riscoperto la razza, e Giuliano Serafini. L’Associazione Provinciale Allevatori di Parma ha provveduto a formare alcuni tecnici esperti di razza, attraverso un corso anche questo autorizzato dalla Regione e finanziato dalla Provincia.
Oltre a coordinare il lavoro di individuazione dei capi, la scelta dei riproduttori e l’ottenimento di tacchinotti da distribuire agli Agricoltori Custodi, la Provincia da quest’anno ha attivato attraverso la Stuard  il piano di riproduzione del Tacchino di Parma e Piacenza, arrivando a 180 capi, dei quali una consistente parte è già stata distribuita.
Gli allevatori che ne hanno fatto richiesta sono 17 e nuovi rispetto alle richieste dell’anno passato cosa che, questo  fa ipotizzare che quelli dell’anno scorso siano stati in grado di moltiplicare i propri nuclei autonomamente con la cova naturale, le tacchine infatti sono delle bravissime covatrici!

Il Tacchino di Parma e Piacenza*         

Storia: relativamente a questa razza, sembra plausibile che l’introduzione di tali animali nel nostro territorio abbia avuto origine nel periodo della dominazione borbonica con importazioni provenienti dalla Spagna. Una descrizione molto precisa di questi animali è desumibile dalla ricca raccolta iconografica del pittore Gaetano Chierici (1838-1920) e da documenti della Cattedra Ambulante d’Agricoltura di Parma. Sono inoltre presenti esemplari impagliati presso la collezione del Museo di Storia Naturale di Parma. Nel descrivere questa popolazione diversi autori parlano di una taglia alquanto più grossa rispetto ad altri tacchini locali, ad un piumaggio perlopiù grigiastro, privo dei riflessi cangianti e quindi non suscettibile ad essere confuso con un tacchino di colorazione Bronzata.

Zona di allevamento: si trovava assai diffuso nel comprensorio del Ducato di Parma e Piacenza e costituiva un fiorente allevamento che andava ben oltre la diffusione locale. In particolare molto apprezzati erano i tacchini per le festività natalizie, inviati tramite ferrovia alle grandi città come Milano e Bologna. Un altro particolare impiego era quello della produzione di piume (marabù), usate nell’industria della moda.

Consistenza: attualmente la razza è a forte rischio di estinzione, in quanto l’intera popolazione non supera i 100-200 capi, per lo più diffusi nella sola provincia di Parma.

Caratteristiche: testa e giogaia di colore rosso che varia in bianco bluastro. Becco color corno, occhi di colore bruno. Il colore del piumaggio presenta passaggi dal nero al grigio acciaio al nero metallico, assolutamente senza tracce di riflessi bronzei, bande chiare maggiormente presenti avvicinandosi alle copritrici della coda. Anche nelle remiganti primarie, così come in quelle secondarie, sono presenti barre parallele alternativamente bianche e nere di uguale larghezza. Cosce di colore nero intenso con orlo grigio acciaio; tarsi e dita nei soggetti maturi sono color salmone intenso; nei soggetti giovani sono scuri tendenti al salmone. Il piumino è color ardesia molto scuro. Il maschio, dal piumaggio più imponente, raggiunge un peso da adulto di 12,0 Kgm, la femmina da adulta arriva a circa 6,5 Kg. La pelle dei tacchini di Parma e Piacenza è di colore bianco intenso, tanto che una volta macellati e spennati, in passato venivano facilmente distinti dai tacchini di Romagna, dotati spesso di pelle giallastra poco gradita dai consumatori del passato.
Attuale impiego zootecnico: attualmente non esiste un vero e proprio impiego zootecnico essendo prioritario l’aumento numerico per scongiurare l’estinzione della razza. Si auspica il consolidamento dei nuclei riproduttivi presenti sul territorio ed una conseguente ripresa di allevamenti a scopo produttivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fede

    07 Agosto @ 09.53

    Beh dai, il registro delle unioni di fatto no, quello dei piti si. Come siamo avanti!

    Rispondi

  • mario

    06 Agosto @ 18.17

    FANTASTICO! Ora lo spread e la crisi fan meno paura! Buone vacanze a tutti!!!!

    Rispondi

  • davide

    06 Agosto @ 15.37

    Un altro passo verso l'unificazione delle due province.................................

    Rispondi

  • federico

    06 Agosto @ 12.58

    Il pito ducale quindi... ma notizie più interessanti Balestrazzi non ce le hai? capisco che è agosto, ma francamente il pito di Parma e Piacenza, che interesse suscita? Parlare invece di come è messa la copador? oppure delle case nuove costruite e mai vendute e che si continua a costruire ( vedi sona eurosia o zona cavagnari?) Quand'è che ci sprovincializziamo a partire dalla nostra carta stampata?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il "balletto" del ghiaccio di Montreal

doctor web

Montreal, ecco cosa succede se la strada si può solo... pattinare Video

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Guida ai ristoranti 2017

NOSTRE INIZIATIVE

Guida ai ristoranti 2017: ecco le novità

Lealtrenotizie

Incornato da un toro: grave allevatore

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Matricole

Università, aumentano gli iscritti a Parma: +12,7% Video

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

3commenti

ANALISI

Le incognite del Pd parmigiano: referendum e resa dei conti

4commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

27commenti

tribunale

Sparò all'amico in via Europa: condannato a 6 anni

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

LA BACHECA

44 opportunità per trovare un lavoro

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà

Delineato il programma della nuova fiera che si terrà a Parma dal 12 al 13 aprile

tg parma

Festival Verdi: a rischio il finanziamento Video

Fotofestival

Fra metafisica e Storia: un mese di mostre fotografiche a Montecchio

Da venerdì 9 dicembre a domenica 8 gennaio tornano le iniziative del Cinefotoclub

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

2commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

ITALIA/MONDO

torino

Sale sulle scale mobili della metro. Ma col Suv Foto

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

SOCIETA'

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

CURIOSITA'

viaggi

Madrid coi bambini: 8 buone ragioni per partire Foto

tg parma

All'Annunziata 40 presepi in mostra da tutta Italia Video