-5°

Provincia-Emilia

Siccità, il Parmense senz'acqua

Siccità, il Parmense senz'acqua
5

Paolo Panni
Afa e temperature torride continuano a scandire le giornate, anche nel Parmense. Da mesi ormai non piove e la siccità si fa sempre più evidente. Le riserve d’acqua sono ormai ai minimi storici e, per l’agricoltura emiliano romagnola, già colpita dai danni della neve prima e del terremoto poi, si materializzano nuove e pesanti difficoltà.
L’estate 2012 è ormai annoverata fra le più torride degli ultimi decenni e la Regione, dopo un vertice che si è tenuto a Bologna, è pronta a chiedere lo Stato di calamità, unitamente a Veneto e Lombardia.
L’agricoltura, come evidenziano anche i dati delle associazioni di categoria, è in ginocchio, e tante imprese in forte difficoltà. Se a questo si aggiunge che siamo in pieno periodo di crisi economica, è facile intuire la portata di una situazione quanto mai complessa.
I danni, per la sola agricoltura, superano ormai il miliardo (per Triveneto ed Emilia Romagna), e per l’industria di trasformazione si annunciano nuovi rincari delle materie prime, specie per i cereali.
 Da Coldiretti e Confagricoltura fanno sapere di non aver «mai visto una situazione del genere: interi campi deserti e senza raccolto. La siccità – evidenziano - ha distrutto soprattutto le coltivazioni di cereali, ma non se la passano bene nemmeno bietola, pomodoro e soia».
Chiaramente la domanda di un prodotto che scarseggia farà raddoppiare i prezzi all’ingrosso per poi scaricarsi sui prodotti trasformati e quindi ancora sull’utente finale, che ha già ridotto drasticamente i consumi. Minori ricavi sono previsti anche per i produttori di pane, pasta e biscotti. E non se la passano meglio gli allevamenti.
«La siccità, anche al Nord, non è più un evento episodico ma una situazione strutturale che va fronteggiata - afferma l’Organizzazione degli imprenditori agricoli - con una politica di costruzione e di gestione di invasi adeguati per la razionalizzazione delle risorse idriche; servono politiche indirizzate alla ricerca ed all’innovazione per sostenere le aziende nelle scelte colturali e produttive e per individuare nuove varietà di piante a minore esigenza idrica, e finanziamenti per favorire investimenti aziendali per un migliore uso delle acque».
Uno degli emblemi più evidenti di questa grave situazione è dato dal Po. Il maggiore dei corsi d’acqua italiani è ridotto ad un rigagnolo, anche in tutta l’asta Parmense. Nonostante abbia guadagnato qualche manciata di centimetri rispetto ai primissimi giorni d’agosto, il Po continua a mantenersi su livelli molto bassi. Non sono ancora quote record, ma sono tuttavia sufficienti a rendere l’idea della magra.
A Polesine il fiume si trova ad oltre 3 metri e mezzo sotto lo zero idrometrico; è oltre i meno 4 a Casalmaggiore e verso i tre metri e mezzo sotto lo zero idrometrico a Boretto; nella vicina Cremona sfiora i meno 7.
La navigazione commerciale è ormai paralizzata e ci sono problemi anche per quella turistica a causa della presenza elevata di grandi ed antichi tronchi d’albero che affiorano dalle acque del Po.
Da evidenziare infine che molti, in questi giorni di ferie, scelgono il Po ed i suoi grandi spiaggioni (anche questo è un effetto della crisi?) per trascorrere il loro tempo libero. Ci sono pescatori ma anche, semplicemente, chi sceglie questi luoghi per prendersi la tintarella. Non mancano nemmeno i bagnanti. A questo proposito, tuttavia, è importante ricordare a tutti di evitare di tuffarsi fra le acque del fiume, sia per le insidie che lo stesso nasconde sia per l’annoso problema dell’inquinamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gianluca Pasini

    12 Agosto @ 15.02

    Ci vuole la diga di Vetto. Gli ecologisti fondamentalisti del cacchio se ne facciano una ragione.

    Rispondi

  • massimo

    12 Agosto @ 13.20

    ripeto come negli altri articoli , GLI AGRICOLTORI DEVONO CAMBIARE METODO DI IRRIGAZIONE, QUELLO CHE USANO E' PREISTORICO E DISPENDIOSO, SPENDONO DI PIU' DI GASOLIO PER POMPARE L'ACQUA IN SUPERFICIE CHE D'ACQUA CHE COMUNQUE SPRECANO. ( se vedete un "gettone" vicino alla strada la metà dell'acqua finisce sull'asfalto)

    Rispondi

  • Ste

    12 Agosto @ 11.49

    Il mais in buona parte della pianura padana da rese dignitose solo con pesanti irrigazioni e in questi ultimi anni è sempre più coltivato in zone inadatte a causa della domanda dei digestori. Ormai da anni in agosto si ripresenta il problema del basso livello dei pozzi e dell'impossibilità di prelevare acqua dai torrenti, eppure si continua a piantare colture che dipendono dall'irrigazione (vedi anche i pomodori) per poi gridare all'emergenza. È prima di tutto un problema di mancata gestione.

    Rispondi

  • Paolo

    12 Agosto @ 11.10

    Ste, probabilmente si riferiscono al mais.

    Rispondi

  • Ste

    12 Agosto @ 10.09

    Qualcuno mi spiega in che modo la siccità sta danneggiando le coltivazioni di cereali (trebbiate in giugno-luglio), che tra l'altro hanno avuto rese record quest'anno?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Regio

L'umanità raccontata da Brunori Sas Foto

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery