Provincia-Emilia

Siccità, il Parmense senz'acqua

Siccità, il Parmense senz'acqua
5

Paolo Panni
Afa e temperature torride continuano a scandire le giornate, anche nel Parmense. Da mesi ormai non piove e la siccità si fa sempre più evidente. Le riserve d’acqua sono ormai ai minimi storici e, per l’agricoltura emiliano romagnola, già colpita dai danni della neve prima e del terremoto poi, si materializzano nuove e pesanti difficoltà.
L’estate 2012 è ormai annoverata fra le più torride degli ultimi decenni e la Regione, dopo un vertice che si è tenuto a Bologna, è pronta a chiedere lo Stato di calamità, unitamente a Veneto e Lombardia.
L’agricoltura, come evidenziano anche i dati delle associazioni di categoria, è in ginocchio, e tante imprese in forte difficoltà. Se a questo si aggiunge che siamo in pieno periodo di crisi economica, è facile intuire la portata di una situazione quanto mai complessa.
I danni, per la sola agricoltura, superano ormai il miliardo (per Triveneto ed Emilia Romagna), e per l’industria di trasformazione si annunciano nuovi rincari delle materie prime, specie per i cereali.
 Da Coldiretti e Confagricoltura fanno sapere di non aver «mai visto una situazione del genere: interi campi deserti e senza raccolto. La siccità – evidenziano - ha distrutto soprattutto le coltivazioni di cereali, ma non se la passano bene nemmeno bietola, pomodoro e soia».
Chiaramente la domanda di un prodotto che scarseggia farà raddoppiare i prezzi all’ingrosso per poi scaricarsi sui prodotti trasformati e quindi ancora sull’utente finale, che ha già ridotto drasticamente i consumi. Minori ricavi sono previsti anche per i produttori di pane, pasta e biscotti. E non se la passano meglio gli allevamenti.
«La siccità, anche al Nord, non è più un evento episodico ma una situazione strutturale che va fronteggiata - afferma l’Organizzazione degli imprenditori agricoli - con una politica di costruzione e di gestione di invasi adeguati per la razionalizzazione delle risorse idriche; servono politiche indirizzate alla ricerca ed all’innovazione per sostenere le aziende nelle scelte colturali e produttive e per individuare nuove varietà di piante a minore esigenza idrica, e finanziamenti per favorire investimenti aziendali per un migliore uso delle acque».
Uno degli emblemi più evidenti di questa grave situazione è dato dal Po. Il maggiore dei corsi d’acqua italiani è ridotto ad un rigagnolo, anche in tutta l’asta Parmense. Nonostante abbia guadagnato qualche manciata di centimetri rispetto ai primissimi giorni d’agosto, il Po continua a mantenersi su livelli molto bassi. Non sono ancora quote record, ma sono tuttavia sufficienti a rendere l’idea della magra.
A Polesine il fiume si trova ad oltre 3 metri e mezzo sotto lo zero idrometrico; è oltre i meno 4 a Casalmaggiore e verso i tre metri e mezzo sotto lo zero idrometrico a Boretto; nella vicina Cremona sfiora i meno 7.
La navigazione commerciale è ormai paralizzata e ci sono problemi anche per quella turistica a causa della presenza elevata di grandi ed antichi tronchi d’albero che affiorano dalle acque del Po.
Da evidenziare infine che molti, in questi giorni di ferie, scelgono il Po ed i suoi grandi spiaggioni (anche questo è un effetto della crisi?) per trascorrere il loro tempo libero. Ci sono pescatori ma anche, semplicemente, chi sceglie questi luoghi per prendersi la tintarella. Non mancano nemmeno i bagnanti. A questo proposito, tuttavia, è importante ricordare a tutti di evitare di tuffarsi fra le acque del fiume, sia per le insidie che lo stesso nasconde sia per l’annoso problema dell’inquinamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gianluca Pasini

    12 Agosto @ 15.02

    Ci vuole la diga di Vetto. Gli ecologisti fondamentalisti del cacchio se ne facciano una ragione.

    Rispondi

  • massimo

    12 Agosto @ 13.20

    ripeto come negli altri articoli , GLI AGRICOLTORI DEVONO CAMBIARE METODO DI IRRIGAZIONE, QUELLO CHE USANO E' PREISTORICO E DISPENDIOSO, SPENDONO DI PIU' DI GASOLIO PER POMPARE L'ACQUA IN SUPERFICIE CHE D'ACQUA CHE COMUNQUE SPRECANO. ( se vedete un "gettone" vicino alla strada la metà dell'acqua finisce sull'asfalto)

    Rispondi

  • Ste

    12 Agosto @ 11.49

    Il mais in buona parte della pianura padana da rese dignitose solo con pesanti irrigazioni e in questi ultimi anni è sempre più coltivato in zone inadatte a causa della domanda dei digestori. Ormai da anni in agosto si ripresenta il problema del basso livello dei pozzi e dell'impossibilità di prelevare acqua dai torrenti, eppure si continua a piantare colture che dipendono dall'irrigazione (vedi anche i pomodori) per poi gridare all'emergenza. È prima di tutto un problema di mancata gestione.

    Rispondi

  • Paolo

    12 Agosto @ 11.10

    Ste, probabilmente si riferiscono al mais.

    Rispondi

  • Ste

    12 Agosto @ 10.09

    Qualcuno mi spiega in che modo la siccità sta danneggiando le coltivazioni di cereali (trebbiate in giugno-luglio), che tra l'altro hanno avuto rese record quest'anno?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Un coro di no per la chiusura del supermercato di via D'Azeglio

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

2commenti

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti