16°

Provincia-Emilia

Citerna, i cento anni di nonno Gino

Citerna, i cento anni di nonno Gino
0

 Donatella Canali

Legge tutti i giorni la Gazzetta. A casa sua il caffè lo prepara nella sua moka, e lo serve pure agli ospiti «perché secondo me è più buono che con le cialde». E' da sempre una persona positiva,  dinamica, curiosa perchè si interessa di tutto quello che avviene nel mondo e soprattutto nella sua Citerna, la frazione di Fornovo Taro.
Oggi, Gino Quinti da Citerna, classe 1912, compie cento splendidi anni, di quelli rari, pieni di ricordi, di storie di ieri e di oggi da raccontare ai figli, ai nipoti e soprattutto  all'unica pronipote Federica, ovviamente affezionatissima al suo nonno.
Cento anni pieni di allegria, quelli di Gino Quinti. Un compleanno che merita una festa in grande: quella che oggi pomeriggio Gino ha voluto organizzare nella baita degli Alpini a Riccò, suoi amici come i tanti invitati: formeranno oggi  una lunga lista di persone legate a Gino da quel sentimento particolare che si chiama amicizia. Ne ha invitati tanti: non finiva più di compilare la lista. 
I compleanni li ha sempre festeggiati come si deve, Gino, con figli e nipoti: tra le sue tante foto ci sono quelle che scandiscono l’avvicinamento al secolo, con le candeline che crescono di volta in volta. 
Ha a cuore queste immagini come quelle ben più vecchie che lo riportano agli anni della guerra e a quelli trascorsi nella prigionia. Quinti è stato infatti un militare: durante la seconda guerra mondiale è diventato sergente maggiore d’artiglieria. 
Dopo il periodo della leva era stato richiamato nel ’33 ed assegnato ad un autocentro militare perché all’epoca era uno dei pochi a possedere la patente di guida. 
L’anno dopo venne inviato al corpo di artiglieria pesante di Piacenza. Nel ’42 venne scelto dai suoi superiori per partecipare a un corso di addestramento su un nuovo pezzo d’artiglieria che doveva essere usato a Catania per fermare l'imminente sbarco delle truppe alleate. Gino divenne molto bravo ed esperto nell'uso di questo pezzo d'artiglieria: ma ovviamente non bastò per fermare l'invasione dell'isola. 
L’arrivo in Sicilia delle truppe angloamericane significò per gli artiglieri italiani - e dunque anche per Gino - l’inizio di una lunga prigionia e di un'altrettanto interminabile serie di spostamenti tra i paesi mediterranei e asiatici, da Tripoli ad Alessandria d’Egitto, dal Cairo a Tel Aviv, dalla Palestina all'India. 
Solo la bomba atomica sganciata su Hiroshima e Nagasaky mise la parola fine alla presenza inglese nella regione. Così i soldati italiani poterono ritornare in patria. E la raggiunsero  dopo un altro lungo pellegrinaggio. 
«Gli inglesi ci hanno sempre trattato bene - ricorda Gino - eravamo prigionieri, ma rispettati. Dopo l’armistizio dell'8 settembre ‘43 eravamo considerati cooperatori». 
Per un lungo periodo «sono stato nominato addetto ai rifornimenti di cucina. In seguito mi è stata assegnata la responsabilità, sempre sotto il controllo delle truppe inglesi, di un gruppo di lavoratori che svolgevano diverse mansioni». 
In tutti questi anni trascorsi lontano da casa Gino Quinti ha potuto vedere tanti luoghi lontani da casa sua: posti che non ha mai più rivisitato anche se a volte lo avrebbe voluto. 
La fine della guerra è stata l’inizio di una nuova vita, sempre a Citerna a curare la terra, a far crescere la famiglia e a praticare i suoi hobby preferiti: la caccia e  il ballo liscio, peraltro abbandonati da un po’ di tempo. Non da tanto, per la verità.
L’orto invece non lo ha ancora abbandonato: a cento anni, mangiare i pomodori che coltiva lui stesso e bere il caffè della moka che lui stesso si prepara è un lusso che Gino Quinti può ancora permettersi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Piazzale Dalla Chiesa assediato dal degrado

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

5commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

Corniglio

Lupo morto avvelenato

2commenti

Comune

Taglio alla Cosap del 10%

1commento

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno fino al 31 marzo

Calcio

Parma, che bel poker

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

23commenti

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Gazzareporter

Campana del vetro con... piumino invernale Foto

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno: "Un segno del destino" 

Valeria Vicini si è laureata in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il figlio Leonardo Ranieri in Scienze dell’architettura

1commento

SORBOLO

Verde pubblico, gestione a costo zero

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Parma

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

1commento

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

frosinone

Difende la fidanzata, massacrato di botte: muore 20enne 

3commenti

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

1commento

SOCIETA'

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

INTERVISTA

Fresu: «Il mio festival jazz a km 0»

SPORT

MOTOGP

vince Vinales dopo una "battaglia" con Dovizioso. Rossi terzo

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017