10°

Provincia-Emilia

Citerna, i cento anni di nonno Gino

Citerna, i cento anni di nonno Gino
0

 Donatella Canali

Legge tutti i giorni la Gazzetta. A casa sua il caffè lo prepara nella sua moka, e lo serve pure agli ospiti «perché secondo me è più buono che con le cialde». E' da sempre una persona positiva,  dinamica, curiosa perchè si interessa di tutto quello che avviene nel mondo e soprattutto nella sua Citerna, la frazione di Fornovo Taro.
Oggi, Gino Quinti da Citerna, classe 1912, compie cento splendidi anni, di quelli rari, pieni di ricordi, di storie di ieri e di oggi da raccontare ai figli, ai nipoti e soprattutto  all'unica pronipote Federica, ovviamente affezionatissima al suo nonno.
Cento anni pieni di allegria, quelli di Gino Quinti. Un compleanno che merita una festa in grande: quella che oggi pomeriggio Gino ha voluto organizzare nella baita degli Alpini a Riccò, suoi amici come i tanti invitati: formeranno oggi  una lunga lista di persone legate a Gino da quel sentimento particolare che si chiama amicizia. Ne ha invitati tanti: non finiva più di compilare la lista. 
I compleanni li ha sempre festeggiati come si deve, Gino, con figli e nipoti: tra le sue tante foto ci sono quelle che scandiscono l’avvicinamento al secolo, con le candeline che crescono di volta in volta. 
Ha a cuore queste immagini come quelle ben più vecchie che lo riportano agli anni della guerra e a quelli trascorsi nella prigionia. Quinti è stato infatti un militare: durante la seconda guerra mondiale è diventato sergente maggiore d’artiglieria. 
Dopo il periodo della leva era stato richiamato nel ’33 ed assegnato ad un autocentro militare perché all’epoca era uno dei pochi a possedere la patente di guida. 
L’anno dopo venne inviato al corpo di artiglieria pesante di Piacenza. Nel ’42 venne scelto dai suoi superiori per partecipare a un corso di addestramento su un nuovo pezzo d’artiglieria che doveva essere usato a Catania per fermare l'imminente sbarco delle truppe alleate. Gino divenne molto bravo ed esperto nell'uso di questo pezzo d'artiglieria: ma ovviamente non bastò per fermare l'invasione dell'isola. 
L’arrivo in Sicilia delle truppe angloamericane significò per gli artiglieri italiani - e dunque anche per Gino - l’inizio di una lunga prigionia e di un'altrettanto interminabile serie di spostamenti tra i paesi mediterranei e asiatici, da Tripoli ad Alessandria d’Egitto, dal Cairo a Tel Aviv, dalla Palestina all'India. 
Solo la bomba atomica sganciata su Hiroshima e Nagasaky mise la parola fine alla presenza inglese nella regione. Così i soldati italiani poterono ritornare in patria. E la raggiunsero  dopo un altro lungo pellegrinaggio. 
«Gli inglesi ci hanno sempre trattato bene - ricorda Gino - eravamo prigionieri, ma rispettati. Dopo l’armistizio dell'8 settembre ‘43 eravamo considerati cooperatori». 
Per un lungo periodo «sono stato nominato addetto ai rifornimenti di cucina. In seguito mi è stata assegnata la responsabilità, sempre sotto il controllo delle truppe inglesi, di un gruppo di lavoratori che svolgevano diverse mansioni». 
In tutti questi anni trascorsi lontano da casa Gino Quinti ha potuto vedere tanti luoghi lontani da casa sua: posti che non ha mai più rivisitato anche se a volte lo avrebbe voluto. 
La fine della guerra è stata l’inizio di una nuova vita, sempre a Citerna a curare la terra, a far crescere la famiglia e a praticare i suoi hobby preferiti: la caccia e  il ballo liscio, peraltro abbandonati da un po’ di tempo. Non da tanto, per la verità.
L’orto invece non lo ha ancora abbandonato: a cento anni, mangiare i pomodori che coltiva lui stesso e bere il caffè della moka che lui stesso si prepara è un lusso che Gino Quinti può ancora permettersi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

gossip

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Auto si ribalta  e sbatte contro altre vetture: donna incastrata, 5 feriti

viale mentana

Auto si ribalta e sbatte contro altre vetture: donna incastrata, 5 feriti Foto Video

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

4commenti

FelegarA

Auto distrutta dai vandali nella notte

I teppisti sapevano come agire, hanno usato una candela da automobile: rompe il vetro facilmente e fa poco rumore

anteprima gazzetta

Ranieri esonerato: "Pro e contro", tra sport e costume

maltempo

Allerta meteo Protezione civile: forti temporali in Emilia Romagna

Allerta arancione per il rischio idrogeologico

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

11commenti

tg parma

Parma, rinnovi per Baraye e Nocciolini. Scaglia in attacco a Salò?

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

POLizia

Campagna antitruffe “Non siete soli #chiamatecisempre” I consigli

1commento

scuola

Contro le bufale dei social, educare a informarsi bene

Incontro all'Ipsia Primo Levi con gli studenti di sei medie superiori di Parma e provincia

musica

Ottima prova zero: Parma dà il la a Elio e le Storie tese Video

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

4commenti

Finto tecnico

Truffa del termosifone: un'altra anziana raggirata

1commento

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

1commento

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

IL CASO

Troppo sport fa male al desiderio

1commento

svezia

Sesso in pausa pranzo: proposta choc in un comune artico

WEEKEND

L'INDISCRETO

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Calciomercato

Ranieri: "Il mio sogno è morto"

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia