Provincia-Emilia

Albazzano: sui monti arrivano le mitiche 500

Albazzano: sui monti arrivano le mitiche 500
Ricevi gratis le news
0

Oggi = sabato 18 agosto
Domani = domenica 19 agosto

ALBAZZANO - Magari l’anno prossimo o  quello successivo, sui tornanti  del Fornello, di Case Manici e poi  sul prato della sagra di Albazzano (nel Tizzanese) sfileranno e romberanno  anche le 500 storiche di Renzo  Arbore, Fabio Volo o del centrocampista della Roma Simone Perrotta, solo alcuni dei volti noti  che hanno dichiarato la loro passione per la Fiat più famosa di  sempre (protagonista domani  del terzo raduno alla Sagra di  Albazzano) acquistandola e poi  iscrivendosi al 500 Club Italia.  Un’auto, o meglio, un mito che  esercita ancora fascino e rispetto  nel nostro Paese e che una chiacchierata con Domenico Romano, 68 anni, commercialista, fondatore e oggi presidente onorario del Club, contribuisce a rendere ancora più forti.
«La nostra  avventura inizia nel 1984. Ai  tempi ero il sindaco di Garlenda,  vicino a Savona, e volevo organizzare un evento che desse lustro al mio paese. Pensammo subito a un raduno, di “Ape” o di  Moto Guzzi “Galletto”. Parlando  però con il parroco e il farmacista  scoprimmo che tutti e tre eravamo proprietari di una 500 e  così cominciammo a organizzare il raduno. La prima volta sfilarono 30 esemplari, adesso siamo nel Guinness per averne por tati nel 2007, sempre a Garlenda,  ben 1.436».
Numeri, cifre, aneddoti, personaggi: l’universo-500  è smisurato e affascinante. Ancora oggi, per esempio, sono ben  480 mila i modelli “storici” circolanti registrati al Pra, il Registro automobilistico e tra i 21 mila soci del 500 Club Italia un  quarto hanno meno di 30 anni, a  conferma dell’amore senza età  per l’Utilitaria con la U maiuscola. D’altronde, si sta parlando  di un fenomeno che, dal 1957  (l’anno di nascita:   costa va 490 mila lire, faceva 22 km con  un litro e toccava gli 85 all’ora) a  oggi, è stato venduto in circa 4  milioni di pezzi.
La storia del Club passa anche  attraverso i raduni all’estero (tra  Svizzera, Belgio, Olanda e Francia, per poi convergere nella “capitale” Garlenda), la nascita della rivista “Quattro Piccole Ruote”  e l’apertura sempre a Garlenda  del museo multimediale dedicato a Dante Giacosa, l’ingegnere-designer romano che disegnò  la 500 (oltre alla “Topolino” e alle  Autobianchi “Primula” e “A112”).  Ma passa, soprattutto, per le in finite storie di passione e dedizione dei “cinquecentisti” tricolori. «C’è Maurizio, di Bologna,  che in garage ha tre modelli spider “Gamin. Un parrucchiere di  Palermo, invece, ha 12 modelli,  tanti quanti un altro iscritto di  Sanremo. E nel Piacentino so che  un ragazzino di 17 anni, benché  non abbia ancora la patente, ha  voluto farsi regalare una 500 storica». Domenico Romano è un  fiume in piena di citazioni, personaggi e storia. Che arrivano fino all’Australia “perché qualche  anno fa una coppia di quel Paese  si fece 31 mila chilometri per arrivare a Garlenda con la 500. Prima la imbarcarono su una nave  fino a Vladivostok, la città più a  Est della Russia e di lì se la fecero  tutta in macchina».
New York,  invece, al presidente onorario fa  venire in mente “il modello che  prestammo a Valentino Rossi  per una sfilata sulla 54ª Strada”,  mentre Montecarlo è il luogo  dell’acquisto-record: «Sì, fu lì che  un banchiere svizzero sborsò 32  mila euro per comprarsi una 500  Abarth originale. Mediamente,  però, i prezzi vanno dai 2 mila in  su».
Già, originale: parola grossa  se invece si comincia a indagare  sui rivestimenti che i proprietari  più estrosi hanno deciso di approntare. «Detto che molti ancora hanno montato il gancio per  la roulotte (sì, la 500 traina la  roulotte…), uno dei più curiosi fu  quello di un tedesco che, per tentare l’attraversata del Sahara, girò il tubo di scappamento verso  l’alto e fece realizzare un serbatoio per l’acqua potabile di fianco  a quello della benzina. All’Elba  vidi un tentativo di 500 anfibia,  ma sono certo che poi quell’auto  non si immerse… Anche in questo caso ce ne sono infiniti: a  Trieste un signore ha scelto un  rivestimento da Hello Kitty.  E a Bisceglie, un dipendente del le Poste, ha interamente ricoperto la sua 500 di francobolli». 
L’ipotetico premio al rivestimen to “cult” se lo merita il signor  Elio, italiano immigrato in Svizzera, che sulla piccola Fiat ha fatto installare il televisore, la cloche da aereo al posto del volante,  il frigobar e gli interni in pelle  bianca.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

PACIFICO

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza in centro

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

59 ANNI

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

DIPENDENZA

Una sera con i Narcotici Anonimi

89 ANNI

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia

Salsomaggiore

«Serhiy Burdenyuk è scomparso: chi l'ha visto?»

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

anteprima gazzetta

Quei ragazzini terribili che imperversano in centro Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

manifestazione

Bimbi e tifosi abbracciano il Felino (contro tutte le mafie) Gallery

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti