-1°

14°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - Alberto Barbieri

Gente di provincia - Alberto Barbieri
1

ZIBELLO

Stefano Rotta
Sono nato sulla schiena dei pesci». Vecchio padano né lombardo né emiliano. Uomo isolano, nato nei canneti di Torricella del Pizzo, venuto al mondo con trecentosessanta gradi di acqua intorno, per andare in paese ci vuole la barca. Come in Africa, sì: dando di remo per conoscere gli altri bambini, a scuola. 
Alberto Barbieri  è del 1922, allora non era stato ancora incanalato, scavato e raddrizzato il fiume. Lanche, isole, una piena portava terra ai contadini lombardi, facendoli ricchi, loro e più ancora i loro padroni; quattro o cinque raccolti dopo lo stesso Po, burlone, portava terra di là, in Emilia, ai gabbati della volta prima. Che con sorpresa, dopo l’acqua in casa, avevano un campo in più.
  Lo incontriamo con il frinire fortissimo delle cicale alle casotte di Pieveottoville. Ombra, nei boschi del principe Meli Lupi di Soragna, e costruzioni approntante con amore e perizia artigianale, dove giovani e vecchi si trovano a far baracca, di domenica, e tirar le sei di sera gli altri giorni. Guarda il fiume, lui. Canottiera bianca, abbronzato, fisico ancora greco, seppure gli anni siano novanta. Guarda il fiume e dice, «ci sono nato in mezzo». 
 E’ cresciuto  solitario sull’isola. «Il fiume lo sento come qualcosa che non si dimentica». Quando le parole pesano, non c’è bisogno di far tanta filosofia. «I miei genitori erano affittuari. Sull’isola c’erano buoi cavalli e mansöi. E lanche piene di pesci. Con le canne, le carregie per fare le sedie. Si tagliavano, si facevano essiccare. Ogni tanto veniva fuori il Po e toccava andare al piano di sopra. La piena del ’51 la ricordo bene. Con l’acqua alta si prendevano molte lepri, perché rimanevano come ingabbiate».
  A scuola,  a Torricella del Pizzo, sulla sponda cremonese del fiume di fronte a Torricella di Sissa, il piccolo Alberto ci andava con una barca di legno nera di pece. Due remi centrali. A sette anni, da solo. Si vede che è una quercia, ancora adesso, con l’antichità e la vita negli occhi. Una vita a pesca di tinche e pesci gatto, anche nel Taro, allora un mezzo paradiso, verso la confluenza col grande fiume. «Sono nato in casa». Con il canto delle cince come prima ninna nanna. 
 Da grande  Alberto diverrà un guardiacaccia. «A dodici anni facevo il bracconiere», sorride adesso, e in coro sorridono tutti gli amici, è la vecchia storia, nasci incendiario e muori pompiere. C’è che allora si bracconava per fame. Lui ha due figli e due nipoti. Racconta con tratti veloci, poche parole ma fascinosissime la sua vita. Alla fine, come una parentesi, tratta del periodo della guerra.  «Sono stato prigioniero in Inghilterra. Sempre lavorando in campagna, in Scozia, a Birmingham e in Cornovaglia. Mi avevano preso a El Mechili il 3 maggio 1943. Ho avuto fortuna a portare a casa la pelle, in mezzo alle bombe. Eravamo armati malissimo, con un mortaio da 45 nel deserto. Tirando a mano si faceva meglio. Erano avanti cent’anni, gli altri. Sono rientrato il 30 novembre 1946». 
Dal verso dell’upupa alle stragi ambientali. Il secondo Novecento al fiume. «Veniva giù di tutto, anche carogne». Ma lui lo ama, quel fiume. In posa per la foto, dice, «sarà perché mi è rimasto come una cosa indimenticabile».  
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • rossi

    10 Settembre @ 17.21

    sei un grande tato

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

in mattinata

Scippa l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

2commenti

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

Scabbia

L'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

1commento

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

1commento

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

3commenti

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

10commenti

ITALIA/MONDO

brescello

Ristoratore respinge due rapinatori armati di scacciacani

ROVIGO

Errore in un documento: niente funerale, la defunta risulta viva

SOCIETA'

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

il libro

Vita, morte e miracoli: i Pearl Jam "scritti" da due fan

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia