12°

Provincia-Emilia

Fidenza, i genitori allarmati: "Alle materne non tutti i problemi sono risolti"

Fidenza, i genitori allarmati: "Alle materne non tutti i problemi sono risolti"
Ricevi gratis le news
0

Dopo l'approvazione della variante di bilancio che consente al Comune di avviare in via straordinaria e temporanea una nuova sezione di scuola materna che potrà accogliere 28 bambini (con orario ridotto dalle 8 alle 13) e di istituire un servizio di completamento orario dalle 13 alle 16 per le sezioni ad orario ridotto, parla un nutrito gruppo di genitori fidentini che hanno bimbi alle materne.  
«Noi genitori vogliamo cercare  di  mettere a conoscenza la cittadinanza della situazione che ad oggi ci troviamo ad affrontare con i nostri bambini  - hanno scritto in una lettera  alla «Gazzetta» -. Si è parlato a lungo in questi mesi soprattutto sui giornali degli esuberi della scuola dell’infanzia (76 bambini «Gazzetta di Parma» di venerdì 13 aprile 2012) e tramite  una raccolta di firme noi genitori ci siamo mobilitati e abbiamo sollecitato una rapida soluzione al problema. Il Provveditorato di Parma ha concesso un insegnante in più rispetto all’organico pre-esistente. L’amministrazione comunale ha provveduto da parte sua a dare dei completamenti di servizio per la nuova sezione statale (come quinta sezione presso la scuola Lodesana) e ha inoltre predisposto una ristrutturazione alla scuola De Amicis dove già sono presenti altre due sezioni di scuola dell’infanzia creandone una terza. Il servizio pomeridiano sarebbe comunque a pagamento come contributo al Comune per il servizio erogato, pari a 55 euro mensili».
Nel  ringraziare  lo sforzo dell’amministrazione comunale i genitori  vogliamo  fare presente diverse problematiche «che comunque in una situazione di disagio come questa si vanno a delineare».
 «Gli orari messi a disposizione dei bambini assegnati alle sezioni aggiuntive  - spiegano  - sono penalizzanti in quanto è stato tolto un servizio molto importante cioè la compresenza delle insegnanti. Infatti le maestre del mattino avrebbero a disposizione 30 minuti (a cavallo con il servizio mensa) per poter fare al massimo un passaggio di consegne con la maestra del servizio pomeridiano. Ciò significa che il rapporto numerico tra insegnante e bambini resterebbe sempre di 1 a 29 e non 1 a 14 come invece avviene, dalle 10.30 alle 12 nelle sezioni statali che hanno la compresenza delle insegnanti. Ridurre a 30 minuti la compresenza delle insegnanti va ad influire sulla progettualità didattica, sulla gestione delle dinamiche insegnanti-bambini influendo negativamente sulla qualità del servizio offerto ad ogni singolo bambino ed in generale compromette la possibilità alle insegnanti di effettuare, così come si conviene dal punto di vista pedagogico, osservazioni mirate sulle crescita del bambino».
«La “soluzione” che il Comune propone  - aggiungono - sembra ponderata solo dal punto di vista economico e di collocazione negli spazi di questi bambini, senza aver minimamente considerato la parte pedagogica ed educativa che la scuola materna ricopre. Teniamo a sottolineare che la scuola dell’infanzia non è un servizio di parcheggio o baby-sitting ma è la base del percorso scolastico e formativo dei bambini, al quale deve essere attribuita un’importanza fondamentale. Non possiamo non prendere in considerazione i disagi che gli anni successivi si verrebbero a creare all’interno di tutte le sezioni già esistenti. Il contributo di 55 euro richiesto alle famiglie per avere la possibilità del prolungamento d’orario non è un sacrificio da poco considerati i tempi di crisi e le nuove imposte alle quali siamo assoggettati, tanto più, che non giustifica neanche un servizio di qualità ma bensì uno più scadente rispetto alle sezioni statali (presso la scuola Lodesana i disagi cadrebbero anche nelle sezioni ordinarie). Abbiamo bisogno che la pubblica amministrazione ci dimostri la volontà di collaborare con noi, valutando l’istituzione di un fondo con il quale si aiutano le famiglie di questi bambini al pagamento della “retta” evitando così che si delineino situazioni di diritto di equità di accesso ai servizi».
Chiedendo trasparenza («Un aspetto a volte trascurato») i genitori chiedono di istituire un tavolo di confronto permanente che coinvolga  assessore, responsabile della Pubblica istruzione, dirigente scolastico, rappresentanti degli insegnanti e rappresentanti dei genitori «per prevenire e risolvere i numerosi problemi che si sono presentati e che si presenteranno».

 «I bambini sono di tutti e sono il futuro di tutti  - concludono i genitori - pertanto dobbiamo essere noi adulti a prenderci cura di loro e della loro educazione scolastica e civica. Alla luce di tutto ciò chiediamo quali siano le prospettive didattiche e di formazione di queste sezioni per quest’anno e soprattutto quali sono le prospettive per il futuro per dei nostri figli, e dei bambini che arriveranno».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica, sorrisi e divertimento al Primo Piano

FESTE

Serata di festa al Primo Piano: ecco chi c'era Foto

X-Factor - Lite Fedez-Agnelli

televisione

Lite mai vista a X-Factor: Fedez insulta Agnelli e se ne va

Foto sexy della Leotta in rete: coinvolto un minorenne

Procura

Foto sexy della Leotta in rete: coinvolto un minorenne

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Ascanio Celestini al Parco e Otello a Noceto

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Pontetaro, protestano i parrocchiani: campane spente all'alba

IL CASO

Pontetaro, protestano i parrocchiani: campane spente all'alba

DROGA E UBRIACHI

Parco Ducale, la rabbia dei parmigiani

6commenti

Weekend

Il sabato in provincia? Tutti gli eventi in agenda

CALCIO

Il Parma a Carpi vuole rimanere in testa alla classifica Diretta dalle 15

Fidenza

Ladro di biciclette colto sul fatto

APPENNINO

Schia, lo skilift Prato Grosso riaperto a breve

Fidenza

Defabiani, il tenore che aveva esordito con il liscio

Imprese

Gea Niro Soavi «Factory of the year»

Palanzano

E' morto Ugolotti: durante la guerra venne graziato da un tedesco

Sorbolo

Domenica ponte sull'Enza chiuso, i percorsi alternativi

GAZZAREPORTER

Impressioni di novembre: Parma nella nebbia Fotogallery

Foto del lettore Ruggero Maggi - Scarica l'app Gazzareporter per inviarci foto e video

METEO

Nel weekend arrivano piogge in Emilia e neve in Appennino

Allerta gialla per l'Emilia occidentale

via Bixio

Imbrattato il linguistico del Marconi Gallery

5commenti

PARMA

Lei non lo ama, lui la minaccia e dà coltellate al portone per entrare

Serata di follia in via Pedretti: denunciato un 31enne

GAZZAFUN

Quiz, lo sapete come si affrontano le piste ciclabili?

1commento

CARABINIERI

Furto con esplosione a Piacenza: i banditi fuggono verso Parma 

Presa d’assalto cassa continua uffici, autori fuggiti con denaro

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'autonomia regionale e quel ponte chiuso

di Stefano Pileri

AUTOSTRADA

A1: caselli chiusi per lavori a Parma e Fidenza

ITALIA/MONDO

CRIMINALITA'

Ecco come i ladri entrano nei nostri appartamenti Video

TORINO

Incinta a 11 anni dopo lo stupro: arrestato vicino di casa

SPORT

Moto

Biaggi non torna indietro: "La mia carriera è finita"

SERIE B

Empoli-Frosinone 3-3 rocambolesco. Il Parma sempre primo

SOCIETA'

IL DISCO

Seconds Out, la leggenda dei Genesis dal vivo

striscia

Brumotti aggredito dai pusher anche a Padova

5commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A 2018, svelati gli interni

motori

Confronto tra KTM 390 Duke, Honda CB 500 F e BMW G 310 R