17°

32°

Provincia-Emilia

Fidenza, i genitori allarmati: "Alle materne non tutti i problemi sono risolti"

Fidenza, i genitori allarmati: "Alle materne non tutti i problemi sono risolti"
0

Dopo l'approvazione della variante di bilancio che consente al Comune di avviare in via straordinaria e temporanea una nuova sezione di scuola materna che potrà accogliere 28 bambini (con orario ridotto dalle 8 alle 13) e di istituire un servizio di completamento orario dalle 13 alle 16 per le sezioni ad orario ridotto, parla un nutrito gruppo di genitori fidentini che hanno bimbi alle materne.  
«Noi genitori vogliamo cercare  di  mettere a conoscenza la cittadinanza della situazione che ad oggi ci troviamo ad affrontare con i nostri bambini  - hanno scritto in una lettera  alla «Gazzetta» -. Si è parlato a lungo in questi mesi soprattutto sui giornali degli esuberi della scuola dell’infanzia (76 bambini «Gazzetta di Parma» di venerdì 13 aprile 2012) e tramite  una raccolta di firme noi genitori ci siamo mobilitati e abbiamo sollecitato una rapida soluzione al problema. Il Provveditorato di Parma ha concesso un insegnante in più rispetto all’organico pre-esistente. L’amministrazione comunale ha provveduto da parte sua a dare dei completamenti di servizio per la nuova sezione statale (come quinta sezione presso la scuola Lodesana) e ha inoltre predisposto una ristrutturazione alla scuola De Amicis dove già sono presenti altre due sezioni di scuola dell’infanzia creandone una terza. Il servizio pomeridiano sarebbe comunque a pagamento come contributo al Comune per il servizio erogato, pari a 55 euro mensili».
Nel  ringraziare  lo sforzo dell’amministrazione comunale i genitori  vogliamo  fare presente diverse problematiche «che comunque in una situazione di disagio come questa si vanno a delineare».
 «Gli orari messi a disposizione dei bambini assegnati alle sezioni aggiuntive  - spiegano  - sono penalizzanti in quanto è stato tolto un servizio molto importante cioè la compresenza delle insegnanti. Infatti le maestre del mattino avrebbero a disposizione 30 minuti (a cavallo con il servizio mensa) per poter fare al massimo un passaggio di consegne con la maestra del servizio pomeridiano. Ciò significa che il rapporto numerico tra insegnante e bambini resterebbe sempre di 1 a 29 e non 1 a 14 come invece avviene, dalle 10.30 alle 12 nelle sezioni statali che hanno la compresenza delle insegnanti. Ridurre a 30 minuti la compresenza delle insegnanti va ad influire sulla progettualità didattica, sulla gestione delle dinamiche insegnanti-bambini influendo negativamente sulla qualità del servizio offerto ad ogni singolo bambino ed in generale compromette la possibilità alle insegnanti di effettuare, così come si conviene dal punto di vista pedagogico, osservazioni mirate sulle crescita del bambino».
«La “soluzione” che il Comune propone  - aggiungono - sembra ponderata solo dal punto di vista economico e di collocazione negli spazi di questi bambini, senza aver minimamente considerato la parte pedagogica ed educativa che la scuola materna ricopre. Teniamo a sottolineare che la scuola dell’infanzia non è un servizio di parcheggio o baby-sitting ma è la base del percorso scolastico e formativo dei bambini, al quale deve essere attribuita un’importanza fondamentale. Non possiamo non prendere in considerazione i disagi che gli anni successivi si verrebbero a creare all’interno di tutte le sezioni già esistenti. Il contributo di 55 euro richiesto alle famiglie per avere la possibilità del prolungamento d’orario non è un sacrificio da poco considerati i tempi di crisi e le nuove imposte alle quali siamo assoggettati, tanto più, che non giustifica neanche un servizio di qualità ma bensì uno più scadente rispetto alle sezioni statali (presso la scuola Lodesana i disagi cadrebbero anche nelle sezioni ordinarie). Abbiamo bisogno che la pubblica amministrazione ci dimostri la volontà di collaborare con noi, valutando l’istituzione di un fondo con il quale si aiutano le famiglie di questi bambini al pagamento della “retta” evitando così che si delineino situazioni di diritto di equità di accesso ai servizi».
Chiedendo trasparenza («Un aspetto a volte trascurato») i genitori chiedono di istituire un tavolo di confronto permanente che coinvolga  assessore, responsabile della Pubblica istruzione, dirigente scolastico, rappresentanti degli insegnanti e rappresentanti dei genitori «per prevenire e risolvere i numerosi problemi che si sono presentati e che si presenteranno».

 «I bambini sono di tutti e sono il futuro di tutti  - concludono i genitori - pertanto dobbiamo essere noi adulti a prenderci cura di loro e della loro educazione scolastica e civica. Alla luce di tutto ciò chiediamo quali siano le prospettive didattiche e di formazione di queste sezioni per quest’anno e soprattutto quali sono le prospettive per il futuro per dei nostri figli, e dei bambini che arriveranno».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Da' del viado a Belen, Nina Moric a giudizio per diffamazione

Gossip

Da' del "viado" a Belen, Nina Moric a giudizio per diffamazione

“Fame Reunion 2017”: il cast di “Saranno Famosi” sceglie ancora Salsomaggiore Terme

spettacoli

La reunion del cast di “Saranno Famosi” di nuovo a Salso. Grazie al crowdfunding

Glamour e sensualità per il red carpet di Twin Peaks

Cannes

Glamour e sensualità per il red carpet di Twin Peaks - Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nove telegiornaliste che bucano il piccolo schermo - Laura Chimenti

L'INDISCRETO

Nove telegiornaliste che bucano il piccolo schermo

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Truffa ai danni di un'anziana

truffa

"Deve pagare la tassa rifiuti: lo dice la Ue": e si porta via 900 euro

1commento

traffico

Parma-Lucchese: ecco le modifiche alla viabilità

Il Comune: "Utilizzate il più possibile la tangenziale". Divieto di vendita e consumo alcolici

SORBOLO

Scoperti i ragazzi che «giocano» a buttarsi sotto auto e treno

incidente

Schianto tra tre auto e una moto in A1: grave motociclista

SALA BAGANZA

Investito sulle strisce: gravissimo

3commenti

Gazzareporter

"Strada Stallini: la pianta si mangia il marciapiede"

"Rischio per i pedoni", dice Alessandro, che invia alcune foto

VIA ALEOTTI

69enne travolto da un pirata

università

Lo sfogo di Gallese: "Ecco l'ultimo paradosso del Miur: escludere i migliori"

BASEBALL

Davide, il fuoriclasse che non dimenticheremo mai

DOPO IL PALACITI

Nuova razzia in palestra. I ladri ripuliscono la Magik

VIA TOSCANA

Bertolucci, rubata una bici al giorno. E le telecamere?

2commenti

MUSICA

Il dj Luca Giudici: «Sarò al fianco di Clementino»

tg parma

Rugby, le Zebre "respingono" l'ultimatum del presidente Fir Gavazzi Video

VIA BUDELLUNGO

Prima l'incidente, poi la lite e la "fuga" con il trattore: condannato agricoltore

1commento

Parma

Una lettrice: "Stazione, un uomo nudo nel piazzale ma nessuno interviene"

37commenti

PARMA

Ruba una borsetta nella chiesa dell'Annunziata: inseguita e bloccata 56enne parmigiana Video

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

La nostra vita blindata nell'epoca della paura

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

TORINO

Neonato abbandonato in strada, muore in ospedale

modena

Sniffano la "droga del diavolo" a una festa, due 30enni in coma

2commenti

SOCIETA'

polizia

Ritrovata una bicicletta rubata: di chi è?

panama

E' morto Noriega, ex dittatore-presidente

1commento

SPORT

play-off

Lucchese (mercoledì): oltre 6mila biglietti venduti

1commento

calciomercato

Voci dalla Liguria: "Faggiano in pole per il dg dello Spezia"

MOTORI

Volkswagen

Golf, è l'ora della variante a metano

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione