Provincia-Emilia

Fidenza, i genitori allarmati: "Alle materne non tutti i problemi sono risolti"

Fidenza, i genitori allarmati: "Alle materne non tutti i problemi sono risolti"
Ricevi gratis le news
0

Dopo l'approvazione della variante di bilancio che consente al Comune di avviare in via straordinaria e temporanea una nuova sezione di scuola materna che potrà accogliere 28 bambini (con orario ridotto dalle 8 alle 13) e di istituire un servizio di completamento orario dalle 13 alle 16 per le sezioni ad orario ridotto, parla un nutrito gruppo di genitori fidentini che hanno bimbi alle materne.  
«Noi genitori vogliamo cercare  di  mettere a conoscenza la cittadinanza della situazione che ad oggi ci troviamo ad affrontare con i nostri bambini  - hanno scritto in una lettera  alla «Gazzetta» -. Si è parlato a lungo in questi mesi soprattutto sui giornali degli esuberi della scuola dell’infanzia (76 bambini «Gazzetta di Parma» di venerdì 13 aprile 2012) e tramite  una raccolta di firme noi genitori ci siamo mobilitati e abbiamo sollecitato una rapida soluzione al problema. Il Provveditorato di Parma ha concesso un insegnante in più rispetto all’organico pre-esistente. L’amministrazione comunale ha provveduto da parte sua a dare dei completamenti di servizio per la nuova sezione statale (come quinta sezione presso la scuola Lodesana) e ha inoltre predisposto una ristrutturazione alla scuola De Amicis dove già sono presenti altre due sezioni di scuola dell’infanzia creandone una terza. Il servizio pomeridiano sarebbe comunque a pagamento come contributo al Comune per il servizio erogato, pari a 55 euro mensili».
Nel  ringraziare  lo sforzo dell’amministrazione comunale i genitori  vogliamo  fare presente diverse problematiche «che comunque in una situazione di disagio come questa si vanno a delineare».
 «Gli orari messi a disposizione dei bambini assegnati alle sezioni aggiuntive  - spiegano  - sono penalizzanti in quanto è stato tolto un servizio molto importante cioè la compresenza delle insegnanti. Infatti le maestre del mattino avrebbero a disposizione 30 minuti (a cavallo con il servizio mensa) per poter fare al massimo un passaggio di consegne con la maestra del servizio pomeridiano. Ciò significa che il rapporto numerico tra insegnante e bambini resterebbe sempre di 1 a 29 e non 1 a 14 come invece avviene, dalle 10.30 alle 12 nelle sezioni statali che hanno la compresenza delle insegnanti. Ridurre a 30 minuti la compresenza delle insegnanti va ad influire sulla progettualità didattica, sulla gestione delle dinamiche insegnanti-bambini influendo negativamente sulla qualità del servizio offerto ad ogni singolo bambino ed in generale compromette la possibilità alle insegnanti di effettuare, così come si conviene dal punto di vista pedagogico, osservazioni mirate sulle crescita del bambino».
«La “soluzione” che il Comune propone  - aggiungono - sembra ponderata solo dal punto di vista economico e di collocazione negli spazi di questi bambini, senza aver minimamente considerato la parte pedagogica ed educativa che la scuola materna ricopre. Teniamo a sottolineare che la scuola dell’infanzia non è un servizio di parcheggio o baby-sitting ma è la base del percorso scolastico e formativo dei bambini, al quale deve essere attribuita un’importanza fondamentale. Non possiamo non prendere in considerazione i disagi che gli anni successivi si verrebbero a creare all’interno di tutte le sezioni già esistenti. Il contributo di 55 euro richiesto alle famiglie per avere la possibilità del prolungamento d’orario non è un sacrificio da poco considerati i tempi di crisi e le nuove imposte alle quali siamo assoggettati, tanto più, che non giustifica neanche un servizio di qualità ma bensì uno più scadente rispetto alle sezioni statali (presso la scuola Lodesana i disagi cadrebbero anche nelle sezioni ordinarie). Abbiamo bisogno che la pubblica amministrazione ci dimostri la volontà di collaborare con noi, valutando l’istituzione di un fondo con il quale si aiutano le famiglie di questi bambini al pagamento della “retta” evitando così che si delineino situazioni di diritto di equità di accesso ai servizi».
Chiedendo trasparenza («Un aspetto a volte trascurato») i genitori chiedono di istituire un tavolo di confronto permanente che coinvolga  assessore, responsabile della Pubblica istruzione, dirigente scolastico, rappresentanti degli insegnanti e rappresentanti dei genitori «per prevenire e risolvere i numerosi problemi che si sono presentati e che si presenteranno».

 «I bambini sono di tutti e sono il futuro di tutti  - concludono i genitori - pertanto dobbiamo essere noi adulti a prenderci cura di loro e della loro educazione scolastica e civica. Alla luce di tutto ciò chiediamo quali siano le prospettive didattiche e di formazione di queste sezioni per quest’anno e soprattutto quali sono le prospettive per il futuro per dei nostri figli, e dei bambini che arriveranno».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Emma Chambers

Emma Chambers

Gran Bretagna

Morta Emma Chambers, sorella di Hugh Grant in "Notting Hill"

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

social

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

INSTAGRAM

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La neve potrebbe tornare anche in città con il ciclone artico Burian

METEO

La neve potrebbe tornare anche in città con il ciclone artico Buran Video

Enel e energia ellettrica: una task force per fronteggiare i disagi (leggi)

5commenti

APPENNINO

Il sindaco Lucchi: "Gelo e neve in arrivo, lunedì scuole chiuse a Berceto e Ghiare"

Serie B: 27a giornata

Empoli in testa all'ultimo istante. Cade il Frosinone. Solo il Bari ne approfitta. La Cremonese non scappa

APPENNINO

Frana sulla strada fra Varsi e Ponte Lamberti: operai al lavoro Video

VIABILITA'

Buche in A1: problemi anche nel tratto parmense dell'autostrada

PARMA

Scontro fra due auto in via Sidoli: due feriti Foto

Incidente all'incrocio con via XXIV Maggio

weekend

Neve "pigliatutto". E poi teatro, fumetti e ballo: l'agenda del sabato

GAZZAREPORTER

Caprioli vicino a ponte Caprazucca Foto

Foto di Federica Romanazzi

ALLARME MAFIE

'Ndrangheta, le infiltrazioni mettono ko le aziende sane

9commenti

RICERCA

Cuore, da Parma parte la rivoluzione farmacologica

SERIE B

Il Parma lotta e strappa un punto

2commenti

Via Mameli

Tenta di rubare una bici: "placcato" dal barista

VIA PICASSO

Furto al bar: la banda strappa il cambiamonete dal muro 

E' intervenuta la polizia. Il bottino resta da quantificare

ATLETICA

Fidenza rinnova il centro sportivo Ballotta: ecco come sarà Video

Recidivo

Ai domiciliari, continuava a spacciare cocaina

3commenti

Intervista

Thomas: «Sono un anti-social, mi esprimo nei live»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Confronti? No grazie. Meglio i monologhi

di Francesco Bandini

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

ORVIETO

E' morto Folco Quilici: il grande documentarista aveva 87 anni

POVIGLIO

Il veterinario fa domande, l'allevatore gli punta il forcone alla gola

2commenti

SPORT

olimpiadi invernali

Ester Ledecka oro anche nello snowboard, male gli azzurri

parma calcio

D'Aversa su Parma-Venezia: "I ragazzi hanno spinto dall'inizio alla fine" Video

SOCIETA'

Irruzione

Lo streaker più famoso colpisce (ancora) alle Olimpiadi Gallery

il disco

1973: Edoardo Bennato spicca il volo

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day