-2°

Provincia-Emilia

L'inguaribile voglia di vivere di un medico malato di Sla

L'inguaribile voglia di vivere di un medico malato di Sla
0

 Andrea Del Bue

Un giorno qualunque, solito giretto in bici. Ma una difficoltà mai incontrata prima: fatica ad agganciare la scarpetta al pedale. Muscoli molli, stanchezza ingiustificata. Il medico interpellato brancola nel buio; poi la visita da un luminare, che emette una sentenza da tribunale, non da responso medico: «Lei ha la Sla, e io mi fermo qua». 
Con quella rima che suona a beffa e quel sospeso che non può lasciare spazio ad interpretazione; il malato è Mario Melazzini, 44 anni, rampante dottore pavese, già da cinque primario di oncologia: queste cose le capisce al volo, non c’è bisogno di sottotitoli per un film che non ha mai l’happy ending. 
Presto impara anche a memoria la statistica che inchioda: il 75% non ce la fa entro i cinque anni. Melazzini allontana la famiglia, si isola, compila le carte necessarie per il suicidio assistito, in Svizzera. Prima, però, va in montagna, per un ultimo sguardo a quelle Alpi che ha sempre scalato e amato. 
Di fronte alla natura, passa la paura: «Sono belle, anche solo a guardarle», osserva. «La vita è bella, indipendentemente da tutto», si dice. Ecco, quindi, la «riprogrammazione», come la chiama lui: «la sclerosi laterale amiotrofica è anarchia – dice -  colpisce ognuno in maniera diversa. L’importante è continuare a fare le cose che si facevano prima, anche se in maniera diversa». 
Lui ha cominciato a farne di più, fondando il «Nemo» di Milano, centro specializzato in malattie neuromuscolari, di cui è direttore scientifico, e spendendosi in tutta Italia come presidente dell’Aisla (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica). 
La sua nuova vita è raccontata nel documentario «Io sono qui» (sottotitolo: «Di inguaribile c’è solo la mia voglia di vivere»), presentato martedì sera, al teatro Crystal della parrocchia di Collecchio, dalla scrittrice Valentina Alberici e dal regista della pellicola, Emmanuel Exitu. Avrebbe dovuto essere presente anche Melazzini, per presentare l’omonimo libro autobiografico allegato, in un cofanetto, al dvd; ma ha dovuto rinunciare, perché la Sla è anarchica anche nel decidere che c’è il giorno in cui proprio non ce la fai.
Sullo schermo, sette giorni e sette notti qualunque di Melazzini che visita i suoi pazienti, afflitti dalla medesima malattia. Medico e malato: entrambi sulla carrozzina, ognuno con i suoi limiti. Parla a meraviglia Melazzini, ma si muove poco e fatica a mangiare; proprio perché la Sla è anarchica, di fronte a lui pazienti che si nutrono senza problemi, ma per i quali sillabare una frase diventa una maratona di concentrazione, energia, frustrazione. Però hanno la speranza e la voglia di capire come fare ciò che credono di non poter fare. 
La prima scena sembra portare dritti verso il pietismo, la commiserazione. C’è il dottore sdraiato sul letto, mentre «mangia»: lo può fare solo attraverso un sondino, che porta il nutrimento nello stomaco. Ciondola un crocifisso d’oro dal collo dell’assistente.
 Il dottore è un uomo di fede, il regista altrettanto («Sono cattolico, apostolico, romano», ci tiene a precisare al termine della proiezione). Invece, basta poco per cogliere l’approccio laico al lavoro, con la retorica messa alle corde e il sentimentalismo che lascia spazio ai sentimenti. E c’è tanto rock, nel ritmo, nelle canzoni: come in quella finale, che accompagna i titoli di coda e un Melazzini che nuota come può, lungo il lato corto della piscina, mentre si cronometra. C’è la grazia del testimone, non l’esuberanza dell’eroe. 
Fa ridere il documentario, quando il dottore parla dell’investimento di una carrozzina da 18 mila euro, con il sedile da rally, utilizzata pochissimo. Oppure quando un ragazzo che parla con gli occhi, grazie ad un programma di comunicazione vocale a controllo oculare, chiede il «Dior»: vuole il profumo, per uscire di casa, in occasione della festa mondiale contro la Sla.
Giù il sipario, si apre un lungo dibattito, grazie ad una platea numerosa ed interessata. «Ce ne andiamo a casa con una ricchezza maggiore», dice il parrocco don Guido Brizzi Albertelli, in chiusura. E’ la catarsi di cui è capace questo documentario. Anche non in senso cattolico, apostolico, romano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

sanguinaro

Via Emilia, tamponamento a catena: ci sono feriti (lievi) e code

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

7commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto