11°

Provincia-Emilia

L'erba del vicino - Stazione Mediopadana pronta entro fine anno

Ricevi gratis le news
1

Visto da Parma, è sempre un argomento un po'indigesto, dopo quello che venne giudicato uno "scippo" da OltrEnza (complice Prodi, secondo la versione dell'allora opposizione politica in città e provincia). Ma ormai la stazione Mediopadana è una realtà di Reggio, anche se il suo cammino non è stato certo facile.

Ieri a Reggio si è parlato di fine anno-inizio 2013 come entrata in funzione della nuova struttura. E si sono anche incontrati studiosi di intermodalità dei trasporti, poichè l'infrastruttura di Reggio dovrebbe proprio permettere il passaggio fra differenti mezzi di trasporto (appunto treno e mezzo privato o trasporto pubblico).

E in un periodo in cui si parla di accorpamento fra province emiliane, e di collaborazione per meglio fronteggiare la crisi, c'è chi aveva espresso la proposta di una collaborazione fra le due strutture che faticosamente Parma e Reggio stanno cercando di far "decollare": appunto la stazione Mediopadana da una parte e l'aeroporto Verdi dall'altra. Trovare un collegamento efficace fra le due infrastrutture potrebbe forse giovare ad entrambe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nicola Martini

    22 Settembre @ 18.11

    La scelta di posizionare la Stazione Mediopadana a Reggio Emilia, ancora oggi a distanza di anni, è una ferita aperta per la nostra Città. Le Amministrazioni (provinciale e comunale) di allora, a mio modesto avviso sbagliando, decisero di lasciare l'infrastruttura puntando sull'acquisizione dei fondi di compensazione (coi quali fu poi chiuso anche l'anello delle tangenziali). Le dichiarazioni di qualche tempo fa dell'A.d. di F.S. Moretti riguardo l'eventualità di non far fermare treni AV a Reggio nonostante la costruzione della stazione (struttura faraonica in quanto se non erro il costo di costruzione sfiora €90.000.000), dà l'idea dell'approccio tenuto in Italia rispetto un'infrastruttura fondamentale come la Tav. Essa è vista solamente come una sorta di "metropolitana" ad uso e consumo delle grandi città, senza considerare le realtà medie che in diverse occasioni sono parte integrante dell'ossatura economia dell'intero Paese. Chi conosce minimamente il mondo del trasporto ferroviario sa che le interconnessioni di cui sono dotate le altre città emiliane, svolgeranno una funzione specifica per il trasporto merci e non quello passeggeri (non a caso le nostre sono posizionate a Parma e Fidenza, capolinea dei tronchi della Pontremolese). Nessuna azienda ferroviaria sgancerebbe un treno AV dalla rete per servire stazioni sulla linea storica perdendo 20/30 minuti, salvo non venga obbligato dalle autorità. Infatti, nonostante in alcuni protocolli fossero previsti per le città con interconnessione almeno otto coppie di treni AV, a tutt'oggi Parma è servita solo da una coppia di Frecciargento. La visione italica della questione Tav ha fatto sì che l'infrastruttura sia di fatto sottoutilizzata. Queste linee hanno capacità ben superiori ai 200 treni al giorno ed in Italia si raggiunge a malapena la metà (ad essere ottimisti). Nelle realtà estere le linee Tav servono con stazioni in linea anche realtà medie e piccole. Personalmente mi ricollego idealmente a chi la Tav, come la conosciamo oggi, l'ha inventata: il Giappone. In questo Paese vi sono stazioni in linea anche a distanze inferiori i 20 km (alle volte). Il servizio (che è diversificato generalmente in 3 sottotipi) copre città di dimensioni decisamente più piccole di Parma (vi sono realtà da 60.000 abitanti con fermate in linea). Ovviamente per avere risultati di questo tipo si deve essere dotati di una rete adeguata e di materiale rotabile con caratteristiche specifiche, che lo renda particolarmente performante sia nelle frenate che nelle ripartenze. Un'ottica di questo tipo in Italia pare essere fantascienza. Se si costruissero fermate in linea ogni 20/40 km, nelle città da almeno 100.000 abitanti, si verrebbe a rivoluzionare il sistema di trasporto passeggeri, stroncando di fatto i voli di corto e medio raggio (sotto i 500 km) e creando un sistema concorrenziale con l'auto (con conseguente riduzione del traffico autostradale). In fin dei conti, una fermata Tav non necessità di esser monumentale come quella reggiana. Essa è costituita da quattro deviatoi con due golfi di stazionamento di 500 m l'uno, due pensiline, un fabbricato viaggiatori ed un parcheggio (spesa probabilmente al di sotto di €20.000.000). A rischio di non far pubblicare questo post in quanto la redazione della GazzettadiParma.it (generalmente) non ama il rinvio a siti esterni (che dovrebbero essere controllati) indico un paio di link. Il primo è l'orario Shinkansen della stazione Sakudaira che serve la città di Saku (100.000 abitanti), che prevede 27 coppie giornaliere di treni AV (sembra la tabella di un bus urbano) per una città delle dimensioni di Piacenza. Il secondo è l'orario del Tōkaidō-Sanyo Shinkansen, dal quale si riesce a capire la diversificazione dei servizi in base alle esigenze dell'utenza e delle reali potenzialità di una linea ad alta velocità. Sino a quando continueremo ad avere una visione (a mio modo di vedere) ristretta si continuerà ad usare per gli spostamenti brevi e medi gli aerei o le auto, mantenendo sottoutilizzata una infrastruttura che è un asset fondamentale per il Paese. A mio modesto avviso, anche a Piacenza, Parma e Modena sarebbero sostenibili, utili e necessarie fermate in linea. Basterebbe avere una visione d'insieme del sistema e non frammentaria come è adesso. http://www.shinkansen.co.jp/jikoku_hyo/en/nagano/ndh_sakudaira.html http://english.jr-central.co.jp/info/timetable/_pdf/westbound.pdf

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

GAZZAFUN

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

La canzone di Libera contro la mafia dei ragazzi dell'Udu e dei pensionati Cgil

Tg Parma

Studenti e pensionati nella canzone di Libera contro la mafia

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Gli Harlem Globtrotters stregano il Palaraschi (1986)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Il Parco Ducale «occupato» da spacciatori e alcolizzati

Il Giardino

Il Parco Ducale «occupato» da spacciatori e alcolizzati

Tribunale

Pusher tentò di uccidere un carabiniere: condannato a 7 anni

La testimonianza

«Plagiata e poi schiavizzata; vi racconto il mio incubo»

Calcio

Insigne, fratelli da primato

Borgotaro

Tre furti in tre abitazioni lo stesso giorno

Shopping

Black friday, scatta la corsa agli acquisti

Traversetolo

Tre anni di carcere al bullo che rapinava i coetanei

MUSICA

Gli Snakes cantano per beneficenza

San Leonardo

Carne e pesce scaduti: denunciato il titolare di un negozio di alimentari

Inflitte anche multe per oltre duemila euro

1commento

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

4commenti

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

3commenti

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

Parma

Sfondano la vetrina della concessionaria Boselli e rubano quattro moto nuove

Intervento della polizia in via La Spezia

2commenti

Tg Parma

Parco Ducale sempre più insicuro Video

1commento

LUTTO

Addio a Gianmaria Piccinini, fonico del Regio e tifoso del Parma Video

Tg Parma

Smog, per tre giorni consecutivi Pm10 fuori norma Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi di Berlino. Cosa sconta la Merkel

di Domenico Cacopardo

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

spagna

Italiano ucciso in una rissa a Barcellona

MILANO

Ladro ucciso: l'oste pubblica le sue ricette per pagarsi il processo

1commento

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Milan e Atalanta, pari per la Lazio: tutte qualificate

IL CASO

Violenza sessuale: 9 anni a Robinho, ex del Milan

SOCIETA'

SALUTE

Quando il design aiuta le mani impacciate Gallery

Francia

Ustionato al 95%, vive per il trapianto di pelle dal gemello

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery