Provincia-Emilia

La città alla deriva. Ma i salsesi non si arrendono

La città alla deriva. Ma i salsesi non si arrendono
Ricevi gratis le news
1

Simona Gonzi 

 
Dopo poco piu’ di un anno di amministrazione Carancini, Salsomaggiore è punto a capo. La città si trova a ricominciare in una fase di alta stagione, senza un sindaco e con un commissario che la guiderà nei prossimi sei mesi. 
Assaggiando gli umori di alcuni salsesi  in merito alla situazione attuale, trapela un forte senso di incertezza e delusione, bilanciato dalla voglia di suggerire spunti di riflessione e proposte alla classe politica che avrà il compito di amministrarli.
«Mi sento dispiaciuto e preoccupato perchè sono vent’anni che Salso non riesce a trovare una progettualità, continuando a vivere di ricordi - è l’opinione di Paolo Goccia D’Oro, commerciante -. Il termalismo è in crisi ma non allarga l’orizzonte ai nuovi potenziali clienti, interessati al settore benessere. Dovrebbero nascere strutture adeguate alle richieste, accompagnate da un cambio generazionale nel settore commerciale».
Non manca qualche nota nostalgica. «Un tempo la nostra citta’ in questo periodo era piena di turisti, ora basta guardarsi intorno, un deserto. E’ necessario un nuovo modo di fare politica» sono le parole di Umberto Talignani, pensionato. Per strada si incontrano anche i dipendenti termali, come Daniela Antoniazzi: «Abbiamo la ricchezza delle nostre acque e non riusciamo a sfruttarle. Ho quarant’otto anni, dipendente delle Terme in cassa integrazione, non c’è lavoro e sono profondamente preoccupata». 
C’è chi ha dovuto fare i conti con la burocrazia, come Vito Fortunato, titolare del Caffe’ Rigoletto: «Ci siamo sentiti abbandonati da questo Sindaco. Ho cercato di proporre eventi musicali ma ho incontrato solo difficoltà con i permessi. Non mi sento comunque rassegnato». Dello stesso parere è Marco Casa, tecnico service: «E’ un paese allo sbando da un po’ di anni, che vuole sempre dormire, penalizzato con i permessi sugli orari.  Se vuoi fare qualcosa vieni bloccato dai regolamenti troppo severi in materia di impatto acustico». Anche Massimo Fanzaghi, titolare del Bar Fontana, concorda con queste opinioni: «Sono una persona ottimista ma se parlo della mia città divento pessimista. E’ un paese imbavagliato da un’amministrazione rigida, non si riesce a fare nulla, non ci sono eventi e manifestazioni. Sembra che a Salso sia vietata la musica, non ci sono i locali e i giovani vanno tutti fuori». 
Per Claudio Zanchetta, ristorante Bel Sit, anche i cittadini devono ripensarsi: «la gente è salsese, qualsiasi cosa tu voglia fare, per i salsesi non va bene. Ritengo che le Terme siano fondamentali, ma mancano i locali, bisognerebbe incentivare i piccoli imprenditori». Obbligo di rinnovamento per Pietro La Rosa, agente immobiliare: «Servono delle menti lungimiranti in grado di guardare avanti, abbandonando il vecchio fare termale. Bisogna rivedere gli orari di apertura degli stabilimenti rendendoli piu’ elastici e al passo con i tempi e ripensare a strutture come l’ex Tommasini». 
Anche Vittorio Manghi, pensionato, ricorda con malinconia Salsomaggiore di un tempo: «Vediamo la nostra città andare a rotoli mentre prima mandavano via la gente perchè gli alberghi erano pieni. Adesso i locali storici sono chiusi, le terme in difficoltà e non ci sono i divertimenti». Per Giancarlo Ricci, pensionato della riviera romagnola manca qualcosa a Salso: «Sono venuto ad abitare qui trent’otto anni fa e quando ''passava'' la mutua andava tutto bene, adesso è tardi perché manca la cultura del fare turismo. In riviera abbiamo un mare brutto ma pieno di gente, qualcosa vorrà dire». 
Per Paolo Cosenza,  negoziante «i problemi non sono collegati a questo sindaco, siamo alle prese con una crisi nazionale e termale, il nostro è un paese bellissimo ma ancorato a trent’anni fa. Bisogna indirizzare gli investimenti adeguandoli ai tempi». Nessun’escluso per la pensionata Franca Frigeri: «Come cittadina salsese sono delusa e amareggiata sia per l’iniziativa pubblica che privata, abbiamo lasciato morire la nostra città. Noi salsesi non ci vogliamo bene, non collaboriamo per il benessere collettivo, siamo lo specchio della classe dirigente». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fortunato Vito

    10 Ottobre @ 22.29

    una cosa mi piace ribadire come ho sempre sostenuto.I responsabili del commercio non hanno mai dico mai invitato ad aprire un tavolo con tutti i commercianti , per parlare dei problemi più urgenti per la città e di unire i commercianti invece di dividerli ,con appartenenze politiche diverse. il turismo e il lavoro si costruisce meglio anche con idee di persone che non contano molto nella salso in . scusate se mi sono permesso di fare questo appunto grazie di poter dire la mia almeno su internet . distinti Saluti Vito

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

8commenti

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Scintille in campo fra Scozzarella e Jallow. Cross di Lucarelli ma Fulignati "vola" fuori dalla porta e allontana il pallone

1commento

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

2commenti

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

MODENA

Ius soli, scontri alla manifestazione: arrestato 28enne antagonista di Parma

Il giovane è stato condannato a 6 mesi (pena sospesa). Due manifestanti al pronto soccorso, 6 agenti lievemente feriti

1commento

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

PARMA

Cremazione di cani e gatti: inaugurato il servizio a Pilastrello

È nato il Ponte dell’Arcobaleno

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

tg parma

Ponte chiuso fra Colorno e Casalmaggiore: protesta sulle due sponde del Po Video

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande