16°

Provincia-Emilia

Passione "funghi". L'Appennino preso d'assalto

Passione "funghi". L'Appennino preso d'assalto
0

Giorgio Camisa

Dalle prime luci dell’alba di ieri fino al tramonto una colonna di auto ha raggiunto e poi lasciato la Valtaro, in tanti hanno anche prenotato per tutto il weekend e faranno ritorno a casa nel tardo pomeriggio di oggi. Un serpentone di auto che dall’uscita dell’autostrada si perdeva lentamente tra le strade sterrate dei boschi a fatto da cornice ad una giornata di raccolta eccezionale. Da Borgotaro ad Albareto, da Bedonia a Tornolo e poi su in alto verso la Valceno, da Montevacà a Scopolo e poi a Tarsogno e Santa Maria del Taro l’esercito dei fungaioli si è inoltrato nei boschi: dalle prime stime sarebbero state 10mila le persone che hanno preso d’assalto le faggete del crinale tosco-ligure-emiliano: dal Monte Gottero, al Pelpi, dal Penna, allo Zuccone e al Ragola, fungaioli provenienti da ogni parte della penisola ma specialmente dalla nostra regione, dalla Lombardia e dalla vicina Liguria hanno invaso la macchia: un vasto territorio di splendide faggete dove si possono raccogliere dei porcini eccezionali. Le varie Comunalie e i locali autorizzati che distribuiscono i permessi dalle 5 di ieri mattina alle 13 avevano staccato circa 8.000 permessi per i non residenti: cifre da capogiro che stanno mettendo a dura prova l’apparato organizzativo. Sarebbe opportuno molta più vigilanza per far rispettare le regole basilari, ad esempio le giornate consentite dal regolamento, il raccolto, le misure, il rispetto per l’ambiente e così via. Con i tempi che corrono però questa abbondanza di micete obbiettivamente porta benessere economico: ristoranti e attività commerciali lavorano a pieno ritmo tanto come a ferragosto. Soddisfazione per tutti: «Non ci si può davvero lamentare - ci dicono i proprietari del ristorante Berzolla di Albareto, - peccato perché si concentra tutto in pochi giorni, è da mezzogiorno che cuciniamo funghi freschi, il fritto va per la maggiore ma anche gli altri piatti tipici della Valgotra non sono da meno...». La raccolta è da ritenersi eccezionale ma visto la siccità ed il leggero vento di tramontana si prevede un leggero calo delle nascite.

Il consiglio degli esperti
«Prima di mangiarli fateli controllare negli ispettorati Ausl»
La raccolta delle delizie della montagna è un motore importante, sia per il turismo che per la produzione gastronomica. Con le piogge di fine estate e l’autunno alle porte arriva la stagione di maggior fortuna dei funghi. Sono tante le specie, non tutte commestibili. Alcune di queste possono trarre in inganno e confondere anche i più esperti.  L’Ausl ha diramato regole da seguire, perché questa prelibata pietanza non si trasformi in un rischio per la salute. Non esistono metodi empirici per riconoscere i funghi commestibili, come, ad esempio, le prove dell’argento, dell’aceto, del latte. L’unico modo per essere tranquilli è quello di far controllare i funghi agli Ispettorati micologici. Le certificazioni per il consumo diretto sono rilasciate gratuitamente, mentre il servizio è a pagamento per il rilascio di certificazioni sanitarie obbligatorie per la vendita o la somministrazione, al costo di 1 euro ogni kg di prodotto controllato. I funghi sottoposti a controllo devono essere: freschi (non congelati o scongelati, non essiccati); interi (non recisi o tagliati, non spezzettati, non lavati, non raschiati o comunque privi di parti essenziali al riconoscimento); sani ed in buono stato di conservazione (non tarlati, non ammuffiti, non fermentati, non fradici, non eccessivamente maturi); puliti da terriccio, foglie o altri corpi estranei; provenienti da aree non sospette di esposizione a fonti di inquinamento chimico o microbiologico (discariche, cumuli di macerie, sponde di corsi d’acqua lurida, pascoli ove si sia verificata transumanza soprattutto di pecore, parchi e giardinetti cittadini, vicinanze di aeroporti, strade ad intenso traffico veicolare, stabilimenti industriali, forni inceneritori, cimiteri, centrali elettriche, colture trattate con antiparassitari). All’esame di commestibilità deve essere sottoposto l’intero quantitativo raccolto e nel più breve tempo possibile. I funghi giudicati non commestibili saranno immediatamente ritirati e distrutti. Prima di acquistare funghi freschi, è bene verificare sempre che la cassetta o l’involucro siano muniti di una etichetta attestante l’avvenuto controllo. Questi le sedi, gli orari: sede di Parma, via Vasari 13/a,  servizio aperto in settembre, ottobre e novembre, il lunedì e il giovedì dalle 16 alle 19 (0521.396400); sede di Borgotaro, Via Micheli  2, aperto in settembre e ottobre, il martedì e il giovedì dalle 14.30 alle 17.30; nel mese di novembre, il martedì dalle 14.30 alle 17.30 (0525.970266); sede di Langhirano, Via Roma 42/1 con accesso al servizio su appuntamento, 0521.865310 – 865319. g. c.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

L'attore posta video dopo l'infarto: "Pericolo passato"

salvato

Lopez, il video dopo l'infarto, dopo la paura: "Tutto passato"

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

nas

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

10commenti

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

9commenti

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

5commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

12commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

22commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

24commenti

foto dei lettori

Materassi, mobili, elettrodomestici abbandonati in via Nello Brambilla Foto

tg parma

Giuseppe Buttarelli ce l'ha fatta: da Colorno a Fontanellato contro la Sla Video

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno fino a venerdì

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

frosinone

Difende la fidanzata, massacrato di botte: muore 20enne 

3commenti

SOCIETA'

Tecnologia

Samsung "spegne" definitivamente il Galaxy Note 7

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017