-2°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - Flaco Biondini

Gente di provincia - Flaco Biondini
Ricevi gratis le news
1

Stefano Rotta

«Son venuto in Italia con una chitarra, 109 dollari e 50 mila lire». Dall’Argentina del tango («sì, ma era musica per balere, io amavo i Led Zeppelin»), Juan Carlos «Flaco» Biondini approda in una tranquillissima Lerici, estate del 1974. Un ragazzo come tanti, bravissimo musicista, in cerca di una svolta per la sua vita. Gli viene presentato Francesco Guccini: lì comincia in silenzio la leggenda di Flaco. Che finirà ad accompagnare con sei corde le parole di Paolo Conte, Ligabue, Cristiano De André, Sergio Endrigo, Eugenio Finardi, Antonello Venditti, Roberto Vecchioni, Bruno Lauzi, Fabio Concato. «Non conoscevo la lingua e tantomeno l’ambiente musicale. Volevo mangiare il mondo!».
Accordi Riavvolgendo il rullino, seduti in salotto nella bella villa di Bannone, lui maglietta con scritto «Puros Cigaros Cubanos», si parte dai primi accordi di chitarra classica a Junin, cittadina non lontano da Buenos Aires, piena in quei tempi di officine ferroviarie, da poco nazionalizzate. «Mio padre mi portava all’opera, spesso», ricorda lui. Puccini con il babbo, i Beatles quando poteva. E poi Johnnie Ray, Elvis Presley, il rock. All’inizio un maestro, poi tante ore per lo più da autodidatta, formano il giovane, giovanissimo, musicista Biondini. «Non ero molto disciplinato, ai tempi del liceo», chiude la questione.
Lunga carriera E’ una persona, Biondini, tutt’altro che antipatica, giustamente impiega un po’ di tempo per sciogliersi e raccontare qualcosa sulla sua lunga carriera. L’inizio è con gruppi locali dai nomi come «Maja Negra», cover rock. «Era l’epoca dei Led Zeppelin, dopo Woodstock». Come ha conosciuto Francesco Guccini? «Ci ha presentati Deborah Kooperman». Dopo un anno di Lerici, Flaco comincia ad abitare a Parma; città che non abbandonerà più fino ad oggi, se non per trasferirsi nell’ancora più sereno circondario. «Non sapevo nemmeno dove fosse, Parma. Un giorno mi trovavo a Pontenure con mio cognato, lessi sulla ‘Libertà’ un annuncio di un corso di jazz a Parma e venni a provare. Conobbi il chitarrista Filippo Daccò, ottimo insegnante. Era anche la prima volta che prendevo un treno in Italia, per dire».
Suonare Come mai, il volo verso l’Italia? «Là sarebbe stato difficilissimo fare questo mestiere. Farlo campando, dico; per suonare, suonavo già spessissimo, nei locali. E poi la situazione politica dell’Argentina. Ebbi un brutto episodio con i militari. A cena con amici, era il periodo della guerra in Vietnam e per protesta si indossavano giubbotti militari. Venni preso senza motivo, i miei amici manco lo portavano, quel giubbotto, e per cinque giorni ci chiusero in galera senza neanche mangiare. Comunicavamo tra noi, di cella in cella, fra le sbarre. In famiglia non sapevano niente, ci davano per dispersi. Fu la goccia che fece traboccare il vaso».
Contestazione «Flaco» suona con Guccini da una vita. Insieme cantano in «Don Chisciotte». Quante serate, quanti bicchieri di rosso. «Macché comunista. Lui semmai è socialista, di idee dico, non di partito. Sa perché scrisse “L’avvelenata”? Perché ne aveva piene le scatole degli estremisti, che gli rompevano i c... ai concerti. Tutti ragazzotti di formazioni extraparlamentari a contestargli che era diventato ricco, che aveva tradito, che si diceva compagno e faceva il borghese. A volte ci interruppero per imporre un dibattito. Era il 1976. Che tensione, in quelle notti. Suonavamo nei teatri e ci contestavano il fatto di far pagare i biglietti. Alcune volte, con le note, volavano insulti, botte e vetri rotti».
Nuovo disco Dei colleghi, chi le piace? «Sono un po’ tutti finto-rock, mi sembrano più o meno sempre le stesse cose, cose che già i Beatles seconda maniera avevano superato. Ho smesso di interessarmi da anni». C’è aria di casa, in casa, non è l’habitat di una star, ma di un signore di mezza età che gioca volentieri con cagnoloni e bambini. Persona parca di parole, «Flaco». Quel che ha da dire lo dice nell’arpeggio prima delle parole «un vecchio e un bambino si preser per mano, e andarono insieme incontro alla sera». L’amicizia con Francesco va avanti, cocciuta come un treno nella Pampa. «Sono felice. Stiamo registrando un disco insieme al mulino di Pavana».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ROCCO LAGUARDIA

    25 Settembre @ 16.21

    STORIA DI UNA STORIA VERA.AUGURONI FLACO,E CHE LA NOSTRA AMICIZIA RIMANGA NEL TEMPO.GRAZIE MAESTRO.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi in centro: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa