11°

26°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - Flaco Biondini

Gente di provincia - Flaco Biondini
1

Stefano Rotta

«Son venuto in Italia con una chitarra, 109 dollari e 50 mila lire». Dall’Argentina del tango («sì, ma era musica per balere, io amavo i Led Zeppelin»), Juan Carlos «Flaco» Biondini approda in una tranquillissima Lerici, estate del 1974. Un ragazzo come tanti, bravissimo musicista, in cerca di una svolta per la sua vita. Gli viene presentato Francesco Guccini: lì comincia in silenzio la leggenda di Flaco. Che finirà ad accompagnare con sei corde le parole di Paolo Conte, Ligabue, Cristiano De André, Sergio Endrigo, Eugenio Finardi, Antonello Venditti, Roberto Vecchioni, Bruno Lauzi, Fabio Concato. «Non conoscevo la lingua e tantomeno l’ambiente musicale. Volevo mangiare il mondo!».
Accordi Riavvolgendo il rullino, seduti in salotto nella bella villa di Bannone, lui maglietta con scritto «Puros Cigaros Cubanos», si parte dai primi accordi di chitarra classica a Junin, cittadina non lontano da Buenos Aires, piena in quei tempi di officine ferroviarie, da poco nazionalizzate. «Mio padre mi portava all’opera, spesso», ricorda lui. Puccini con il babbo, i Beatles quando poteva. E poi Johnnie Ray, Elvis Presley, il rock. All’inizio un maestro, poi tante ore per lo più da autodidatta, formano il giovane, giovanissimo, musicista Biondini. «Non ero molto disciplinato, ai tempi del liceo», chiude la questione.
Lunga carriera E’ una persona, Biondini, tutt’altro che antipatica, giustamente impiega un po’ di tempo per sciogliersi e raccontare qualcosa sulla sua lunga carriera. L’inizio è con gruppi locali dai nomi come «Maja Negra», cover rock. «Era l’epoca dei Led Zeppelin, dopo Woodstock». Come ha conosciuto Francesco Guccini? «Ci ha presentati Deborah Kooperman». Dopo un anno di Lerici, Flaco comincia ad abitare a Parma; città che non abbandonerà più fino ad oggi, se non per trasferirsi nell’ancora più sereno circondario. «Non sapevo nemmeno dove fosse, Parma. Un giorno mi trovavo a Pontenure con mio cognato, lessi sulla ‘Libertà’ un annuncio di un corso di jazz a Parma e venni a provare. Conobbi il chitarrista Filippo Daccò, ottimo insegnante. Era anche la prima volta che prendevo un treno in Italia, per dire».
Suonare Come mai, il volo verso l’Italia? «Là sarebbe stato difficilissimo fare questo mestiere. Farlo campando, dico; per suonare, suonavo già spessissimo, nei locali. E poi la situazione politica dell’Argentina. Ebbi un brutto episodio con i militari. A cena con amici, era il periodo della guerra in Vietnam e per protesta si indossavano giubbotti militari. Venni preso senza motivo, i miei amici manco lo portavano, quel giubbotto, e per cinque giorni ci chiusero in galera senza neanche mangiare. Comunicavamo tra noi, di cella in cella, fra le sbarre. In famiglia non sapevano niente, ci davano per dispersi. Fu la goccia che fece traboccare il vaso».
Contestazione «Flaco» suona con Guccini da una vita. Insieme cantano in «Don Chisciotte». Quante serate, quanti bicchieri di rosso. «Macché comunista. Lui semmai è socialista, di idee dico, non di partito. Sa perché scrisse “L’avvelenata”? Perché ne aveva piene le scatole degli estremisti, che gli rompevano i c... ai concerti. Tutti ragazzotti di formazioni extraparlamentari a contestargli che era diventato ricco, che aveva tradito, che si diceva compagno e faceva il borghese. A volte ci interruppero per imporre un dibattito. Era il 1976. Che tensione, in quelle notti. Suonavamo nei teatri e ci contestavano il fatto di far pagare i biglietti. Alcune volte, con le note, volavano insulti, botte e vetri rotti».
Nuovo disco Dei colleghi, chi le piace? «Sono un po’ tutti finto-rock, mi sembrano più o meno sempre le stesse cose, cose che già i Beatles seconda maniera avevano superato. Ho smesso di interessarmi da anni». C’è aria di casa, in casa, non è l’habitat di una star, ma di un signore di mezza età che gioca volentieri con cagnoloni e bambini. Persona parca di parole, «Flaco». Quel che ha da dire lo dice nell’arpeggio prima delle parole «un vecchio e un bambino si preser per mano, e andarono insieme incontro alla sera». L’amicizia con Francesco va avanti, cocciuta come un treno nella Pampa. «Sono felice. Stiamo registrando un disco insieme al mulino di Pavana».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ROCCO LAGUARDIA

    25 Settembre @ 16.21

    STORIA DI UNA STORIA VERA.AUGURONI FLACO,E CHE LA NOSTRA AMICIZIA RIMANGA NEL TEMPO.GRAZIE MAESTRO.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

4commenti

anteprima gazzetta

Fabi "ridisegna" l'ospedale. Ecco come cambia Video

Focus sui confronti elettorali fra i dieci candidati. Dopo molti anni due nuovi sacerdoti ordinati insieme. Inchieste sulle scuole materne di Parma. Tubercolosi, un secondo caso?

2commenti

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

12commenti

lega pro

Paolo Grossi: "Lucchese, sorteggio benigno" Video

Il Parma verso la Lucchese, guidata in panchina l'ex laziale Lopez, che ha sostituito Galderisi

2commenti

VERSO IL VOTO

Legalità, Alfieri lancia la sfida del certificato 335

E' il documento nel quale sono trascritti gli eventuali carichi pendenti

1commento

VERSO IL VOTO

Amministrative, i sondaggi nazionali sul «caso Parma». In testa Pizzarotti

9commenti

VIA COSTITUENTE

Colpiscono il gestore del supermercato con una catena: due donne arrestate per rapina

1commento

ENERGIA

Enel smetterà di cercare nuovi clienti via telefono

Novità dal 1° giugno

3commenti

TRAVERSETOLO

I ragazzini fanno i vandali, il sindaco: "Pagheranno le famiglie"

1commento

tg parma

Tubercolosi: migliora il 17enne malato ma c'è un altro caso "sospetto" al Rondani Video

2commenti

POLITICA

Il senatore Pagliari: "Dal 5 giugno arriveranno nuovi 15 vigili del fuoco a Parma"

3commenti

PARMA

Scontro auto-moto in via Colorno: un ferito

PARMA

Spacciava eroina in via Spadolini: condannato a 4 anni

Aveva 5,5 chili di cannabis: patteggia 36enne

Salsomaggiore

Lo struggente addio a Monia Lusignani

ESTATE

Torna "Musica in castello": 36 eventi in tutta la provincia

Alimentare

Parmacotto rilancia il brand sui canali digitali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

ISLANDA

Turista italiano 20enne muore in un incidente in bici

Nato

Trump prima delle foto spinge via il presidente del Montenegro Video

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

1commento

CICLISMO

Giro: a Van Garderen il tappone dolomitico

MOTORI

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima

novita'

Mazda CX-5, il Suv compatto che sfida i marchi premium