21°

33°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - Flaco Biondini

Gente di provincia - Flaco Biondini
Ricevi gratis le news
1

Stefano Rotta

«Son venuto in Italia con una chitarra, 109 dollari e 50 mila lire». Dall’Argentina del tango («sì, ma era musica per balere, io amavo i Led Zeppelin»), Juan Carlos «Flaco» Biondini approda in una tranquillissima Lerici, estate del 1974. Un ragazzo come tanti, bravissimo musicista, in cerca di una svolta per la sua vita. Gli viene presentato Francesco Guccini: lì comincia in silenzio la leggenda di Flaco. Che finirà ad accompagnare con sei corde le parole di Paolo Conte, Ligabue, Cristiano De André, Sergio Endrigo, Eugenio Finardi, Antonello Venditti, Roberto Vecchioni, Bruno Lauzi, Fabio Concato. «Non conoscevo la lingua e tantomeno l’ambiente musicale. Volevo mangiare il mondo!».
Accordi Riavvolgendo il rullino, seduti in salotto nella bella villa di Bannone, lui maglietta con scritto «Puros Cigaros Cubanos», si parte dai primi accordi di chitarra classica a Junin, cittadina non lontano da Buenos Aires, piena in quei tempi di officine ferroviarie, da poco nazionalizzate. «Mio padre mi portava all’opera, spesso», ricorda lui. Puccini con il babbo, i Beatles quando poteva. E poi Johnnie Ray, Elvis Presley, il rock. All’inizio un maestro, poi tante ore per lo più da autodidatta, formano il giovane, giovanissimo, musicista Biondini. «Non ero molto disciplinato, ai tempi del liceo», chiude la questione.
Lunga carriera E’ una persona, Biondini, tutt’altro che antipatica, giustamente impiega un po’ di tempo per sciogliersi e raccontare qualcosa sulla sua lunga carriera. L’inizio è con gruppi locali dai nomi come «Maja Negra», cover rock. «Era l’epoca dei Led Zeppelin, dopo Woodstock». Come ha conosciuto Francesco Guccini? «Ci ha presentati Deborah Kooperman». Dopo un anno di Lerici, Flaco comincia ad abitare a Parma; città che non abbandonerà più fino ad oggi, se non per trasferirsi nell’ancora più sereno circondario. «Non sapevo nemmeno dove fosse, Parma. Un giorno mi trovavo a Pontenure con mio cognato, lessi sulla ‘Libertà’ un annuncio di un corso di jazz a Parma e venni a provare. Conobbi il chitarrista Filippo Daccò, ottimo insegnante. Era anche la prima volta che prendevo un treno in Italia, per dire».
Suonare Come mai, il volo verso l’Italia? «Là sarebbe stato difficilissimo fare questo mestiere. Farlo campando, dico; per suonare, suonavo già spessissimo, nei locali. E poi la situazione politica dell’Argentina. Ebbi un brutto episodio con i militari. A cena con amici, era il periodo della guerra in Vietnam e per protesta si indossavano giubbotti militari. Venni preso senza motivo, i miei amici manco lo portavano, quel giubbotto, e per cinque giorni ci chiusero in galera senza neanche mangiare. Comunicavamo tra noi, di cella in cella, fra le sbarre. In famiglia non sapevano niente, ci davano per dispersi. Fu la goccia che fece traboccare il vaso».
Contestazione «Flaco» suona con Guccini da una vita. Insieme cantano in «Don Chisciotte». Quante serate, quanti bicchieri di rosso. «Macché comunista. Lui semmai è socialista, di idee dico, non di partito. Sa perché scrisse “L’avvelenata”? Perché ne aveva piene le scatole degli estremisti, che gli rompevano i c... ai concerti. Tutti ragazzotti di formazioni extraparlamentari a contestargli che era diventato ricco, che aveva tradito, che si diceva compagno e faceva il borghese. A volte ci interruppero per imporre un dibattito. Era il 1976. Che tensione, in quelle notti. Suonavamo nei teatri e ci contestavano il fatto di far pagare i biglietti. Alcune volte, con le note, volavano insulti, botte e vetri rotti».
Nuovo disco Dei colleghi, chi le piace? «Sono un po’ tutti finto-rock, mi sembrano più o meno sempre le stesse cose, cose che già i Beatles seconda maniera avevano superato. Ho smesso di interessarmi da anni». C’è aria di casa, in casa, non è l’habitat di una star, ma di un signore di mezza età che gioca volentieri con cagnoloni e bambini. Persona parca di parole, «Flaco». Quel che ha da dire lo dice nell’arpeggio prima delle parole «un vecchio e un bambino si preser per mano, e andarono insieme incontro alla sera». L’amicizia con Francesco va avanti, cocciuta come un treno nella Pampa. «Sono felice. Stiamo registrando un disco insieme al mulino di Pavana».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ROCCO LAGUARDIA

    25 Settembre @ 16.21

    STORIA DI UNA STORIA VERA.AUGURONI FLACO,E CHE LA NOSTRA AMICIZIA RIMANGA NEL TEMPO.GRAZIE MAESTRO.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

documentario

William e Harry: "Quell'ultima breve telefonata con mamma (Diana)"

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe

PISCINE

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe Foto

Ascolti; Ciao Darwin 7 in replica vince il sabato sera

Televisione

Ascolti in tv: "Ciao Darwin 7" in replica vince il sabato sera

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox: i controlli della settimana

PARMA

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

2commenti

Lealtrenotizie

Viale Vittoria, è sempre emergenza spaccio

L'INCHIESTA

Viale Vittoria, è sempre emergenza spaccio

DELITTO DI VIA SIDOLI

«Elisa voleva andare a un concerto, io ho perso la testa»

Fraore

Black out programmato. Ma nessuno lo sapeva

Incredibile

Straordinaria scoperta nel Po: trovata la mandibola di un leone

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

QUI PINZOLO

Bongiovanni: «Alleno il Parma a tavola»

Traversetolo

Escluso dai servizi scolastici chi non paga

Lutto

Alberto Greci, una vita per il museo Lombardi

SALA

E' morta la Milla, regina della torta fritta

MILANO

Sala: "Il Pd ha sbagliato a non dare credito a Pizzarotti. Forse con lui bisognava dialogare prima"

Il sindaco di Parma alla Festa dell'Unità a Milano si schiera con Gori sullìimmigrazione: "Lo Stato faccia di più"

1commento

PINZOLO

Baraye e Calaiò (triplette) protagonisti nella prima uscita stagionale: 14-0

Giorno, debutto con gol: "Pronto a dare tutto" Video - Le prossime amichevoli (guarda) 

meteo

Il caldo intenso sta per finire, arriva aria fresca

Piogge e temporali al Nord.Centro-sud,calo termico di 8-10 gradi

Bedonia

Con la moto in una scarpata al passo del Tomarlo: grave un 45enne

varano

Incidente a Scarampi: ferito un motociclista

incidenti

Auto contromano in via Capelluti, frontale: ferita una donna

1commento

via Mantova

Ignoti danno fuoco alla rete della casa cantoniera

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

1commento

AMARCORD/1

Quando c'era "Un disco per l'estate" Video

di Vanni Buttasi

ITALIA/MONDO

venezia

Donna accoltellata dall'ex marito che poi chiama i carabinieri e confessa

degrado

Venezia: e ora i turisti si tuffano (anche) dal ponte di Calatrava

SPORT

ATLETICA

Under 20, Scotti d'oro nella 4x400

baseball

Scalera, 2 home run in un giorno: Parma Clima vittorioso

SOCIETA'

Malore

Frassica in ospedale per una bevanda ghiacciata

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

1commento

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori