17°

32°

Provincia-Emilia

La prima radio libera d'Italia rivive alla Fiera del Borgo

La prima radio libera d'Italia rivive alla Fiera del Borgo
Ricevi gratis le news
0

Gianluigi Negri
Nell’ambito di «A riva la machina» verrà allestito lo stand «A riva la radio» con foto e pezzi storici, in collaborazione con Radio Parma. Proprio con Radio Parma,  domenica, si terranno diversi collegamenti, in diretta, tra gli studi centrali e la postazione «anni ‘70» allestita nel quartiere «La Bionda».
Era il 1° gennaio 1975. Un piccolo gruppo di «temerari», proprio in quel giorno di Capodanno, dopo le ore piccole e i festeggiamenti della sera precedente, si apprestava a scrivere la storia senza saperlo. Una storia ininterrotta, che prosegue da 37 anni: quella della prima radio «libera» italiana. In due parole: Radio Parma. Erano gli anni «ruggenti», quelli dei pionieri della radiofonia privata e quelli nei quali i palinsesti si riempivano di contenuti, lontani dall’omologazione o dalla standardizzazione di oggi.
Fondata dall’imprenditore Virginio Menozzi e diretta dal compianto Carlo Drapkind, fin dall’inizio Radio Parma si distinse per un termine che sarebbe diventato di uso comune soltanto nel millennio successivo: quote rosa. La prima voce a dare il via ufficiale alle trasmissioni fu quella di Anna Maria Bianchi: «Qui Radio Parma», esordì con il cuore in gola. E, da allora, la formula magica «in modulazione di frequenza» fu da lei pronunciata mille altre volte.
In quegli studi (che all’epoca si trovavano in via Felice Cavallotti) mossero i primi passi, tra dischi e notizie, giornalisti e speaker che avrebbero fatto strada. Tra loro, il direttore della «Gazzetta» Giuliano Molossi, che, dallo scorso 1° febbraio, è anche alla guida di Radio e Tv Parma. «Nel 1975 ero un ragazzo di vent’anni – ricorda – che studiava Giurisprudenza. Mi sono affacciato alla radio attraverso Drapkind. Già allora ero più interessato alle notizie che alla musica: mi ero inventato un programma nel quale, tra un disco e l’altro, sceglievo alcune notizie che mi avevano colpito e le commentavo in maniera scherzosa. Si chiamava ''Zoom'': un programma leggero e di intrattenimento».
 Con Anna Maria Bianchi, Claudia Magnani ed Elisabetta Zanlari, Molossi si alternava alla conduzione di «Mattutino musicale» e, la sera, dalle 22 in poi, di «Free Music 102». «Anche se mettevo i dischi – prosegue – non ero comunque un dj, ma ho mosso lì i miei primi passi da giornalista. Scrivevo le notizie per il giornale radio e le leggevo. Ogni giornale radio mi veniva pagato 2 mila lire. Ho anche assistito ai primi passi di Tv Parma. Anche lì facevo di tutto: leggevamo il tg, ma non avevamo le immagini; erano prove di telegiornale senza servizi filmati. Ho fatto persino l’operatore».
Tornando alla radio, Molossi ricorda con affetto il cronista sportivo Pino Colombi, da poco scomparso, e rievoca altri personaggi e situazioni: «Una mattina mi fece da regista Roby Bonardi (uno dei primissimi speaker, insieme a Luigi Stocchi e Luigi Furlotti, ndr): mi sentii molto onorato nell’averlo come tecnico. Poi c’era un giovane con una marcia in più: Mauro Coruzzi (che in seguito sarebbe diventato Platinette, ndr) era l’anima della radio. Noi facevamo da contorno. Ricordo quegli anni eroici con simpatia: la radio per me è stata una palestra».  Molossi collaborò con Radio Parma dal 1976 fino alla metà del 1979. Il 15 giugno 1979 si trasferì a Milano e iniziò la sua carriera a «Il Giornale» di Montanelli. Dodici anni, invece, è durato il rapporto di Coruzzi con Radio Parma: «Aprivo i programmi della giornata. Il mio maestro è stato Drapkind: mi ha insegnato il mestiere, spiegandomi come si raccoglievano le notizie».
 La sua «prima volta» in studio fu, però, da ospite: «La radio aveva appena aperto e Bonardi chiedeva ai giovani della città di presentarsi con le loro canzoni: andai, con la mia chitarra, e feci un’esibizione un po’ patetica, ma alla fine mi chiese di curare un programma di musica italiana». Chi non ha mai lasciato Radio Parma (nonostante una breve parentesi in Rai) è Claudia Magnani: «Ho debuttato nell’agosto 1976 con un giornale radio. Io e Betty Zanlari, inoltre, a quell’epoca curavamo il programma pomeridiano ''Giocate con noi'', che coinvolgeva i bambini delle elementari e delle medie ed andava in onda anche al sabato con Corrado Abbati».
Anche Francesco Monaco, caposervizio degli Spettacoli alla «Gazzetta», si «formò» in quegli studi. Oggi conduce «Stazione di Monaco», allora aveva un programma di musica rock: «Lo vivevo come un hobby più che un lavoro. E facevo anche il tecnico. Non posso non ricordare due amici scomparsi prematuramente come Felice da Parma e Pino Colombi». E galeotta fu, per lui, la radio: «Attraverso un programma di dediche conobbi quella che sarebbe diventata mia moglie».
Il più giovane di tutti a debuttare fu comunque il giornalista sportivo Gabriele Majo: «Avevo 11 anni. Andai in onda, ed ho ancora la cassetta, il 14 giugno 1975. Radio Parma si era già trasferita da via Cavallotti a via dei Farnese: ne scoprii l’esistenza leggendo la Gazzetta. Con un amico piombammo lì: c’era Drapkind che vide arrivare due bambini che lo volevano intervistare (all’epoca curavo il giornalino del mio quartiere) ed invece fu lui ad intervistare noi». 

 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

"Dai un bacio a Chiara"  Fedez e Chiara Ferragni approdano a Capri

gossip

Fedez e Chiara Ferragni (e Rovazzi) a Capri: folla in delirio Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Le parole del giovane parmigiano

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

di Mara Varoli

1commento

Lealtrenotizie

Bimba di 8 mesi inala un pezzo di peperoncino: intervento salvavita all’ospedale di Parma

Ospedale

Bimba di 8 mesi inala pezzo di peperoncino: intervento salvavita al Maggiore

La piccola, residente nel Reggiano, è stata operata da Maria Majori

omicidio di natale

Delitto di San Prospero, per Alessio Turco probabile rito abbreviato Video

baganzola

Terzo furto al Pronto Carni, in azione tre uomini dell'Est Video

parma

Schiaffi e pugni per rubare la borsetta a una 19enne: nigeriano arrestato

allarme

Il garante: "Carcere di Parma, 2 suicidi in 3 mesi"

La relazione

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

Il caso Turco

«Il suicidio? Impossibile prevederlo»

montechiarugolo

Pronti a colpire, arrivano i carabinieri: ladri in fuga nei campi

la curiosità

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

nuovi acquisti

Dezi: "Per me è importante avere la fiducia del Parma" Video

cantiere

Al via in agosto la riqualificazione di piazza della Pace

IL CASO

Colorno, «portoghesi» del bagno in piscina. Ora le denunce

IL PERSONAGGIO

Torrechiara, Alberto Angela «gira» nel castello

Lutto

La morte di Igino Lemoigne, una vita nelle assicurazioni

L'intervista

Insinna: «Vi racconto la verità sui fuori-onda»

Fidenza

Roslyn, campionessa di nuoto a 74 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Salso, l'avvenire non è dietro le spalle

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Monte Argentario

La comandante dei vigili spara al figlio 17enne ucidendolo e poi si toglie la vita

profitti

Samsung, utili record: sorpasso con Apple alle porte

SPORT

il tormentone

Oggi Cassano si svincola dal Verona. Ma è vero addio al calcio?

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

SOCIETA'

Spettacoli

Angelina Jolie rompe il silenzio su Brad Pitt Video

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

MOTORI

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita