15°

29°

Provincia-Emilia

PiPa, PaPi o Verdiana? Saranno i territori a decidere

PiPa, PaPi o Verdiana? Saranno i territori a decidere
Ricevi gratis le news
26

Via libera dall’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna al progetto di legge di riordino delle Province (da nove a quattro più Bologna Città metropolitana) così come proposta dal Consiglio delle autonomie locali (Cal) e già fatta propria dalla Giunta regionale.
“Abbiamo cercato, nei limiti oggettivi delle norme nazionali e in attesa del pronunciamento della Corte costituzionale, di iniziare un percorso innovativo di riordino, che non si deve fermare qui”, ha sottolineato il presidente della Regione Vasco Errani nel suo intervento in aula. “L’obiettivo - ha detto - è una cooperazione per governare meglio il territorio e io auspico che si possa aprire, nella prossima legislatura, una dimensione costituente per modificare la seconda parte della Costituzione, senza alcune forma di centralismo e con una idea riformatrice che vada oltre le norme di cui stiamo discutendo oggi. Nel frattempo - ha aggiunto Errani - cerchiamo di fare al meglio e di prenderci quagli spazi che le norme ci lasciano. Qui non stiamo parlando di nuovi luoghi identitari, di nuove gerarchie, stiamo cercando di individuare la dimensione più appropriata per governare in modo efficace e innovativo alcune funzioni. In questo senso siamo all’inizio di un percorso che dal basso esprima un orientamento e costruisca una riforma del nostro sistema istituzionale”.
“Non è una discussione sull’appartenenza o meno a una comunità - aveva spiegato in mattinata la vice presidente della Regione, Simonetta Saliera - ma sulla riorganizzazione complessiva di un sistema, in cui il tema dei costi deve andare di pari passo con la garanzia dei servizi ai cittadini e della cura del territorio”.
La proposta che sarà inviata al Governo domani, come previsto dalle norme nazionali del decreto 138/2011, prevede quindi che in Emilia-Romagna siano accorpate Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini nell’unica Provincia di Romagna e la nascita, con accorpamenti anche in Emilia, delle nuove Province tra Reggio Emilia e Modena e tra Piacenza e Parma. Resterà così com’è la Provincia di Ferrara, che rientra nei parametri di popolazione e di territorio previsti dal decreto, mentre la Provincia di Bologna darà vita alla Città metropolitana di Bologna.
L’assemblea ha oggi anche approvato un emendamento presentato dalla Giunta regionale che lascia alle comunità locali il potere di decidere i nomi dei nuovi Enti nati dagli accorpamenti.

L'ARRIVO DELLA PROPOSTA IN ASSEMBLEA REGIONALE

BOLOGNA– Sono stati presentati una decina di emendamenti e due risoluzioni nel dibattito sulla riforma delle Province dell’Emilia-Romagna, cominciato oggi in Assemblea legislativa in base alla proposta della Giunta che riprende il disegno del Consiglio delle Autonomie locali: Province ridotte da 9 a 4, più la Città metropolitana di Bologna.
La proposta conferma dunque la nascita dell’unica Provincia di Romagna dall’unificazione di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini; nascono anche la 'Provincia di Reggio Emilia e Modenà che pure ne accorpa due, come quella 'di Piacenza e Parmà; resta la Provincia di Ferrara, che rientra nei parametri di popolazione e di territorio previsti dalle norme del Governo. La Provincia di Bologna verrà abolita con la nascita della Città metropolitana.

Sei emendamenti di Pdl e Lega nord confermano la battaglia per invertire l’ordine dei nomi in Emilia: Parma prima di Piacenza e Modena davanti a Reggio. Un emendamento di Andrea Pollastri (Pdl) sostiene il referendum chiesto dal Consiglio provinciale di Piacenza per la separazione dall’Emilia-Romagna con l’annessione alla Lombardia, che ha già avuto il benestare della Cassazione. Un altra proposta dei leghisti Stefano Cavalli e Roberto Corradi suggerisce di chiamare Provincia Verdiana quella di accorpamento per Parma e Piacenza.
Altri due emendamenti sono stati presentati dalla vicepresidente della Regione, Simonetta Saliera, per precisare che «la denominazione definitiva dei nuovi enti sarà stabilita dai rispettivi statuti di autonomia, sulla base della legge statale istitutiva».
Le risoluzioni sono del capogruppo leghista Mauro Manfredini e di Pollastri del Pdl: chiedono che la Giunta regionale presenti un ricorso costituzionale contro il provvedimento governativo di riordino delle Province. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • strajè

    01 Novembre @ 10.48

    Tutto dimostra di aver solo campanilismo,le future province nulla conteranno per il territorio,non avranno poteri,non avranno eletti,le loro competenze esecutive passranno alle regioni.Risultato???? Inefficenza,burocrazia di seconda faccia e mancanza di responsabilità di detti Enti che non avendola saranno completa mente inutili.Chi comanderà sarà Bologna con la solita visione distorta.

    Rispondi

  • furia paolo emilio

    01 Novembre @ 09.04

    trovo che l'accorpamento di due province cosi diverse sia come mentalità che come realtà socioeconomica e esistenti praticamente da sempre non abbia senso. tantopiù che la distanza tra le due città è enorme ,per cui chissà quali disagi e costi potrebbero esser soggetti i residenti nella città non di testa. non per essere polemico ma negli ultimi anni sono state create delle province assurde sopratutto al sud e in sardegna , abitate da 10 pecore e 12 capre , che non hanno alcuna indipendenza economica e non fanno altro che aggravare i bilanci statali. concludo dicendo che non ha senso penalizzare due realtà attive ,ma cosi diverse che sicuramente non sono un debito per lo stato

    Rispondi

  • Riccardo Cuttica

    31 Ottobre @ 16.49

    Ma Papi pipa o pipa Papi ? O Papi non pipa più ?

    Rispondi

  • Margherita

    23 Ottobre @ 15.23

    La PiPa è quella dei calzoni, il PaPi suggerisce rappori un pò equivoci con un personaggio politico recentemente defilatosi (anche se poi mica tanto), in entrambi i casi sono due obbrobri.

    Rispondi

  • FraMec

    23 Ottobre @ 14.40

    I politici (pagati da noi milioni di euro) stanno a perdere tempo (e nostri soldi) e fare riunioni, comitati e incontri per trovare un nome ad una provincia, invece di fare qualcosa di piu' utile (o forse non c'e' niente da fare?). Avrebbero fatto prima da Roma ad imporre un numero 1,2,3 ad ogni provincia e chiudere subito la storia.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Nada con A toys orchestra

musica

Nada a Parma con A toys orchestra

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

4commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

1commento

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

10commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

2commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

21commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

terremoto

Ischia, il disastro visto dall'elicottero del 115 arrivato da Bologna Video

usa

Scontro fra treni a Filadelfia, 33 feriti

SPORT

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SOCIETA'

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

Usa

Quando la "diva" Luna oscura totalmente il sole  Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti