Provincia-Emilia

Borgotaro, la minoranza critica sul bilancio: "Ferme troppe opere pubbliche"

Borgotaro, la minoranza critica sul bilancio: "Ferme troppe opere pubbliche"
0

BORGOTARO
Franco Brugnoli
Raffica di critiche, dai banchi della minoranza consiliare, ma soprattutto dal movimento «Proposta per Borgotaro», che ha formulato, in una lunga nota, aspre critiche sulle impostazioni programmatiche e di bilancio, dell’attuale amministrazione di Borgotaro, guidata dal sindaco Diego Rossi, definite «sterili e controproducenti per lo sviluppo del paese».
Queste dichiarazioni, oltrechè del consigliere comunale Alessandro Bocci, sono di Giovanna Petrolini e Jessica Mussi, rispettivamente presidente e coordinatrice di «Proposta per Borgotaro».
 «Dopo aver presentato nello scorso giugno - si legge nella nota - un bilancio di previsione, in cui le imposte comunali superavano i 3 milioni e 200 mila euro, una cifra del tutto spropositata e fuori luogo, l'amministrazione, nel corso dell’ultimo consiglio, con i soli voti della maggioranza, ha pensato bene di aumentare ulteriormente il livello di tassazione. L’incremento fiscale questa volta ha riguardato l’Imu, aumentata sia con riferimento alle aliquote della prima abitazione, che a quelle della seconda casa e delle attività produttive, che, proprio in questo periodo, attraversano momenti di incertezza e di difficoltà. Anziché chiedere altro denaro ai cittadini, era preferibile rivisitare le spese correnti, che assorbono gran parte delle uscite comunali».
Altre critiche sulla «sostanziale inazione riguardo alle opere pubbliche. La risistemazione dei giardini IV Novembre, dello stadio Bozzia, che è in parte inutilizzabile, della pista ciclabile lungo il Taro, ormai franata in più punti, la manutenzione del fondo di numerose strade frazionali, di San Rocco e del centro storico, la ristrutturazione dell’Istituto Gianelli, sembrano essere rimandate ad un tempo indefinito».
E poi, l’elenco delle cose non fatte prosegue con la Stazione Fs: «Noi avevamo chiesto all’amministrazione di stipulare convenzioni con Trenitalia, che prevedessero la possibilità di intervenire anche con specifiche voci di bilancio. Ad oggi, sembra che nulla sia mutato rispetto all’ultimo inverno e che l’amministrazione, al di là della buona volontà, non abbia conseguito alcun risultato concreto, nemmeno quello di garantire il dovuto riscaldamento delle sale d’aspetto».
Mentre si accusa poi Provincia e Regione di destinare alla nostra valle cifre irrilevanti, si tocca infine il tasto occupazionale: «A circa un anno e mezzo dall’insediamento dell’amministrazione, per i nostri giovani - si legge - trovare un’occupazione in loco, è sempre più improbabile ed il tasso di pendolarismo continua a salire».
Il primo cittadino, preso atto di queste accuse, si difende: «Proposta per Borgotaro si dimentica di dire che, tra l’approvazione del Bilancio previsionale di primavera e l’ultima variazione di Bilancio, è intercorsa la manovra correttiva del governo (la Spending Review), che ha tolto di nuovo importanti risorse ai Comuni. L’amministrazione comunale ha operato una ulteriore riduzione e razionalizzazione delle spese correnti, con un preciso obiettivo: garantire e tutelare i servizi alle famiglie, senza andare ad intervenire sulle tariffe. Così è stato, con una delibera di indirizzo che blocca le tariffe dei servizi (asilo nido, mensa scolastica, trasporto scolastico ecc.) sino alla fine dell’anno scolastico. L’Imu è stata adeguata in maniera molto equilibrata (4,4 contro un massimo possibile del 10,6), con attenzione alle prime case, ed in particolare, alle famiglie con figli, proprietarie di prima casa. Contestualmente, anche l’aliquota sulla seconda casa si è fermata al 9/1000 (contro un massimo possibile del 10,6/1000), per non appesantire ulteriormente l’effetto dell’Imu su attività produttive e seconde case».
«Ci preme rilevare, inoltre,  continua Rossi - che il Patto di Stabilità non lo abbiamo inventato noi, è una legge dello Stato, e, come tale, tra i compiti di una buona amministrazione c'è anche quello di rispettare i saldi di finanza pubblica, contribuendo al risanamento dei conti pubblici. Sulla Stazione Ferroviaria, proprio in questi giorni, anche grazie alle numerose nostre pressioni, sono stati effettuati i lavori necessari al ripristino del buon funzionamento degli impianti di riscaldamento. Così come sulla pista ciclabile, grazie alla collaborazione con il Servizio Tecnico di Bacino, sono state reperite le somme necessarie all’intervento di ripristino e consolidamento (65 mila euro circa) del tratto di pista ciclabile in destra Taro, al termine di via Montegrappa, oggetto di un pesante movimento franoso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

2commenti

ANCONA

Terremoto: sindaci regioni terremotate a Loreto

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Roberto D'Aversa

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

5commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

12commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

Anga Parma

l calendario dei giovani imprenditori agricoli

Per raccogliere fondi a favore delle aziende agricole colpite dal terremoto nel Centro Italia

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

2commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

8commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

Bis Jansrud

Sci, per l'Italia un altro podio: Fill è secondo

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti