12°

22°

Provincia-Emilia

Borgotaro, la minoranza critica sul bilancio: "Ferme troppe opere pubbliche"

Borgotaro, la minoranza critica sul bilancio: "Ferme troppe opere pubbliche"
Ricevi gratis le news
0

BORGOTARO
Franco Brugnoli
Raffica di critiche, dai banchi della minoranza consiliare, ma soprattutto dal movimento «Proposta per Borgotaro», che ha formulato, in una lunga nota, aspre critiche sulle impostazioni programmatiche e di bilancio, dell’attuale amministrazione di Borgotaro, guidata dal sindaco Diego Rossi, definite «sterili e controproducenti per lo sviluppo del paese».
Queste dichiarazioni, oltrechè del consigliere comunale Alessandro Bocci, sono di Giovanna Petrolini e Jessica Mussi, rispettivamente presidente e coordinatrice di «Proposta per Borgotaro».
 «Dopo aver presentato nello scorso giugno - si legge nella nota - un bilancio di previsione, in cui le imposte comunali superavano i 3 milioni e 200 mila euro, una cifra del tutto spropositata e fuori luogo, l'amministrazione, nel corso dell’ultimo consiglio, con i soli voti della maggioranza, ha pensato bene di aumentare ulteriormente il livello di tassazione. L’incremento fiscale questa volta ha riguardato l’Imu, aumentata sia con riferimento alle aliquote della prima abitazione, che a quelle della seconda casa e delle attività produttive, che, proprio in questo periodo, attraversano momenti di incertezza e di difficoltà. Anziché chiedere altro denaro ai cittadini, era preferibile rivisitare le spese correnti, che assorbono gran parte delle uscite comunali».
Altre critiche sulla «sostanziale inazione riguardo alle opere pubbliche. La risistemazione dei giardini IV Novembre, dello stadio Bozzia, che è in parte inutilizzabile, della pista ciclabile lungo il Taro, ormai franata in più punti, la manutenzione del fondo di numerose strade frazionali, di San Rocco e del centro storico, la ristrutturazione dell’Istituto Gianelli, sembrano essere rimandate ad un tempo indefinito».
E poi, l’elenco delle cose non fatte prosegue con la Stazione Fs: «Noi avevamo chiesto all’amministrazione di stipulare convenzioni con Trenitalia, che prevedessero la possibilità di intervenire anche con specifiche voci di bilancio. Ad oggi, sembra che nulla sia mutato rispetto all’ultimo inverno e che l’amministrazione, al di là della buona volontà, non abbia conseguito alcun risultato concreto, nemmeno quello di garantire il dovuto riscaldamento delle sale d’aspetto».
Mentre si accusa poi Provincia e Regione di destinare alla nostra valle cifre irrilevanti, si tocca infine il tasto occupazionale: «A circa un anno e mezzo dall’insediamento dell’amministrazione, per i nostri giovani - si legge - trovare un’occupazione in loco, è sempre più improbabile ed il tasso di pendolarismo continua a salire».
Il primo cittadino, preso atto di queste accuse, si difende: «Proposta per Borgotaro si dimentica di dire che, tra l’approvazione del Bilancio previsionale di primavera e l’ultima variazione di Bilancio, è intercorsa la manovra correttiva del governo (la Spending Review), che ha tolto di nuovo importanti risorse ai Comuni. L’amministrazione comunale ha operato una ulteriore riduzione e razionalizzazione delle spese correnti, con un preciso obiettivo: garantire e tutelare i servizi alle famiglie, senza andare ad intervenire sulle tariffe. Così è stato, con una delibera di indirizzo che blocca le tariffe dei servizi (asilo nido, mensa scolastica, trasporto scolastico ecc.) sino alla fine dell’anno scolastico. L’Imu è stata adeguata in maniera molto equilibrata (4,4 contro un massimo possibile del 10,6), con attenzione alle prime case, ed in particolare, alle famiglie con figli, proprietarie di prima casa. Contestualmente, anche l’aliquota sulla seconda casa si è fermata al 9/1000 (contro un massimo possibile del 10,6/1000), per non appesantire ulteriormente l’effetto dell’Imu su attività produttive e seconde case».
«Ci preme rilevare, inoltre,  continua Rossi - che il Patto di Stabilità non lo abbiamo inventato noi, è una legge dello Stato, e, come tale, tra i compiti di una buona amministrazione c'è anche quello di rispettare i saldi di finanza pubblica, contribuendo al risanamento dei conti pubblici. Sulla Stazione Ferroviaria, proprio in questi giorni, anche grazie alle numerose nostre pressioni, sono stati effettuati i lavori necessari al ripristino del buon funzionamento degli impianti di riscaldamento. Così come sulla pista ciclabile, grazie alla collaborazione con il Servizio Tecnico di Bacino, sono state reperite le somme necessarie all’intervento di ripristino e consolidamento (65 mila euro circa) del tratto di pista ciclabile in destra Taro, al termine di via Montegrappa, oggetto di un pesante movimento franoso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

6commenti

Anteprima Gazzetta

Caso Florentina: la procura chiede l'archiviazione per Devincenzi

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

gazzareporter

Via Cavour: sul marciapiede compare Giuseppe Verdi

Foto di Alberto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

LECCE

Bimbo di due anni muore schiacciato dal televisore

SPORT

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

F1 GP USA

Libere: domina Hamilton. Vettel (terzo) gira poco

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro