-1°

14°

Provincia-Emilia

Parmesan illegale al Sial di Parigi: ritirato

Parmesan illegale al Sial di Parigi: ritirato
6

Comunicato stampa

REGGIO EMILIA -  Ad un anno esatto dal sequestro di “Parmesan” all’Anuga di Colonia, il Consorzio del Parmigiano-Reggiano ha assestato un nuovo duro colpo ad aziende responsabili di violazioni a carico del “Re dei formaggi”.
L’ente di tutela ha infatti ottenuto l’immediato ritiro dalla esposizione di “Parmesan”, prodotto da tre imprese statunitensi e da una egiziana, presente al Sial di Parigi, che insieme all’Anuga si configura come una delle più importanti e prestigiose fiere dell’agroalimentare internazionale.
“Per molti versi – sottolinea il direttore del Consorzio, Leo Bertozzi – sorprende che un’azione del genere si renda necessaria, paradossalmente, in una sede così prestigiosa per le eccellenze agroalimentari; in ogni caso il nostro tempestivo intervento ed il ricorso alle competenti autorità francesi, ed in particolare alla Direction Générale de la Concurrence, de la Consommation et de la Répression des Fraudes, (autorità competente in Francia per il rispetto sul mercato delle DOP e IGP) ha consentito di rimuovere il prodotto dall’esposizione”.

“L’azione del Consorzio e delle autorità francesi - prosegue Bertozzi – hanno così impedito che venisse presentato alla distribuzione francese ed europea un prodotto che con evidenza sfruttava denominazioni proibite, visto che non soltanto la denominazione “Parmigiano Reggiano”, ma anche denominazioni evocative quali “Parmesan”  possono essere utilizzate solo per il nostro formaggio, legato ad una zona geografica ben determinata e ad un preciso disciplinare, e non possono essere impiegate per designare altri prodotti, ingannando il consumatore”.
“Il nostro sistema di vigilanza e la collaborazione con le autorità di controllo dei diversi Paesi dell’Unione europea - conclude il direttore del Consorzio – si sono rivelati efficaci anche in questa occasione, e ci auguriamo che a breve il sistema di tutela del Parmigiano Reggiano si rafforzi ulteriormente con l’entrata in vigore di quanto stabilito dal Parlamento Europeo e dal Consiglio in materia di protezione “ex officio”, che impone ai singoli Stati membri di mettere in atto quelle azioni di controllo e sanzionatorie che oggi richiedono il nostro intervento primario”.
Nei confronti delle aziende coinvolte nell’esposizione di “Parmesan” al Sial di Parigi, intanto, il Consorzio si riserva ogni azione a tutela di un marchio alla cui filiera sono legati gli interessi di 20.000 operatori.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    27 Ottobre @ 11.20

    CARO GIANNI , io amo il Parmigiano - Reggiano quanto lei . Fin da bambino ho l' abitudine di mangiarne una scheggia come dessert , però cerchiamo di essere realisti. Lei dice "se il consumatore è informato riconoscerà l' originale e lo cercherà". Vogliamo fare una prova ? Fermiamo per strada un qualsiasi "consumatore" e facciamogli assaggiare due schegge di "grana" , in forma anonima , naturalmente. Una di Parmigiano - Reggiano , un' altra di Padano. Vediamo se le riconosce ? Certo, non parliamo di "Parmesan" canadese o di "Regianito" argentino.......perchè lì la questione non si pone........Lei qualche volta va allo Stadio Tardini, signor Gianni ? Troverà i tabelloni pubblicitari pieni di promozione del "grana padano" ......perfino in casa nostra...........

    Rispondi

  • Gianni

    26 Ottobre @ 19.40

    Per combattere queste truffe si deve convincere i consumatori che il nostro prodotto e' il migliore ,tutti i grandi hanno chi li imita ,pero' se il consumatire e' informato riconoscera' l'originale e lo cerchera' dopo di che bisogna poi puntare alla qualita' perche' quando si compra il meglio bisogna avere il meglio e non uno scarto del meglio....,la massaia in un periodo di crisicomprera' anche un formaggio da meno ma magari invece di comprare un quattrosalti in padella un buon 30 mesi e' tutta un'altra cosa....e poi tutto quello che si trova in negozio ha dei prezzi esagerati la pizza a 18 euro KG ma si vende....

    Rispondi

  • Francesco

    26 Ottobre @ 19.11

    GIANNI , è naturale ! Noi diminuiamo la produzione per tenere alti i prezzi. In un contesto in cui le famiglie non arrivano a fine mese , questo è il sistema migliore per scomparire. Inoltre , una volta il "disciplinare" per la produzione del Parmigiano - Reggiano era molto più severo e restrittivo del "disciplinare" per la produzione di altri "grana" . La produzione era addirittura stagionale , da marzo a novembre. Oggi che differenza è rimasta ? Se un grana prodotto a Colorno è uguale ad un grana prodotto a Casalmaggiore, ma costa di più , la massaia , che non arriva a fine mese, quale comprerà ?

    Rispondi

  • maria

    26 Ottobre @ 18.20

    gli Italiani sono ovunque, per turismo, per migrazione,,,, ora forse saremmo proprio noi Italiani che dovremmo segnalare questi falsi prodotti alla Coldiretti ecc. GIU' LE MANI I VERI PRODOTTI ALIMENTARI MADE IN ITALY NON SI TOCCANO

    Rispondi

  • benito

    26 Ottobre @ 17.09

    .. chi uccide per primo il parmigiano reggiano è il consorzio che invece di tutelare e valorizzare il prodotto a favore dei produttori, resta inerme .. ed il ns formaggio resta un fanalino di coda.. a vantaggio di mozzarelle con diossina ed altri formaggi "pret-a-poter".. un perpetuo ed innarestabile danno deille piccole realtà che vengono rimpiazzate da grossi ed industriali allevatori che fungono da manager ed a malapena sanno da dove esce il latte... altro che sveglia ci vuole uno scrollone a 360°..

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

in mattinata

Scippa l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

2commenti

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

Scabbia

L'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

1commento

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

1commento

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

3commenti

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

10commenti

ITALIA/MONDO

brescello

Ristoratore respinge due rapinatori armati di scacciacani

ROVIGO

Errore in un documento: niente funerale, la defunta risulta viva

SOCIETA'

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

il libro

Vita, morte e miracoli: i Pearl Jam "scritti" da due fan

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia