-5°

Provincia-Emilia

Parco eolico al Santa Donna: la battaglia dei residenti

Parco eolico al Santa Donna: la battaglia dei residenti
3

 Erika Martorana

Non si ferma la «battaglia» dei residenti della Val Noveglia contro il progetto di realizzazione di un parco eolico senza precedenti in Italia sul passo Santa Donna. Gli abitanti, che nel maggio scorso si erano uniti dando vita ad un comitato spontaneo denominato «Santa Donna», si sono incontrati, nei giorni scorsi, a Noveglia per fare il punto della situazione. Alla riunione hanno partecipato numerosi rappresentanti del comitato, insieme al loro legale, l’avvocato Daniele Granara. 
Di fronte ad un nutrito numero di residenti e di rappresentanti di aziende agrituristiche, si è dato inizio alla discussione, dalla quale è emersa, ancora una volta, la volontà di opporsi fermamente e con tutti i mezzi messi a disposizione dalla legge, alla realizzazione di un’opera che il comitato ha definito «idrogeologicamente devastante» per il delicato equilibrio del crinale montano e per le ricadute negative sugli investimenti di chi, in quella valle e nella limitrofa Val Varaccola e Vona, nel comune di Borgotaro, ha investito in attività legate all’afflusso di turisti, attratti dalla bellezza e dall’integrità che quell'angolo di Valceno e Valtaro offrono. 
«Un simile progetto - ha commentato il presidente del comitato, Ivano Vignali - andrebbe  a svalutare pesantemente anche gli immobili, acquistati e risistemati a prezzo di duri sacrifici. Qualcuno - ha poi aggiunto - ha anche opportunamente sollevato, durante il dibattito, la questione salute che, ormai da studi internazionali, sembra compromessa per chi vive sino a tre chilometri di distanza da simili impianti industriali». 
Non è stata ancora fissata la data dell’udienza al Tar in merito al ricorso sottoscritto da più di sessanta firmatari tra cittadini e aziende, mentre risulterebbe che la ditta «Eolica Parmense Srl» stia lavorando per superare le oltre trenta osservazioni critiche fatte dall’ufficio competente della Regione che ha analizzato in dettaglio il primo progetto, che prevedeva tre pale in seguito diventate nove.
Ulteriore preoccupazione ha destato, nel corso dell’incontro, la  voce di un possibile impianto eolico aggiuntivo, che, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe limitrofo a quello del Santa Donna, e verrebbe realizzato in località Monte Piano, tra le frazioni di Osacca, nel comune di  Bardi, e Caffaraccia, in quello di Borgotaro. A tal proposito, il comitato si è riservato di indagare sulla fondatezza di questa notizia. Nell'incontro si è messo in evidenza, inoltre, come l’Amministrazione comunale di Bardi si sia schierata al fianco del comitato mentre quella di Borgotaro, presumibilmente, non demorderà da trovare una soluzione a favore della realizzazione di quello che, per il comitato, sarebbe un vero e proprio «ecomostro». 
Al termine della riunione si è discusso anche in merito alle parole del vicepresidente della Provincia, Pier Luigi Ferrari: «Ci siamo sentiti attaccati a causa delle considerazioni che Ferrari ha rivolto nei confronti dei comitati che si oppongono a questi tipi di progetti - ha ribadito Vignali -. Le sue affermazioni ci sono apparse quantomeno inopportune se non offensive. La nostra montagna - ha aggiunto - è sotto attacco da parte di cementificatori e devastatori del paesaggio montano che operano in nome di presunti benefici per la comunità». 
«Ma la comunità - ha puntualizzato - è fatta dalle persone che, nelle valli e nelle montagne, che dovrebbero ospitare gli impianti, ci vivono, ci lavorano e ci investono, facendo muovere un’economia sana, non drogata da super incentivi che noi paghiamo in bolletta e che pesano sulla stessa per il 15% del suo valore. Non capiamo - ha concluso il presidente del comitato, Ivano  Vignali - come mai alcuni amministratori e soprattutto l’Amministrazione provinciale insista nel punire queste persone continuando a sostenere questi devastanti progetti».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Paolo Morpurgo

    18 Novembre @ 12.58

    sarebbe ora che tutti capissero, tanto più in questo periodo di crisi nera, che fli impianti eolici industriali non portano benefici ma danni e spese, sul territorio e in bolletta. Fanno parte della politica spendacciona e centralistica di questo stato putrescente. L'energia devono poterla gestire i cittadini, veri utenti del paesaggio e del suolo, non i burocrati.

    Rispondi

  • stefano

    03 Novembre @ 21.55

    Le pale eoliche, dal punto di vista prettamente energetico, funzionano bene e, se poste in una zona a media ventosità, producono sufficiente energia per permettere un ammortizzamento in tempi relativamente brevi (circa 5 anni). Quella installata prima di Borgotaro probabilmente è già stata ammortizzata. I problemi delle pale eoliche sono due: - deturpano in maniera orrenda il paesaggio - fanno strage di uccelli migratori e questi sono due ottimi motivi per evitare di installarle.

    Rispondi

  • gianfranco ferrari

    03 Novembre @ 18.09

    Probabilmente le pale eoliche servono solo per far fare soldi a chi le vende ed a chi decide di installarle, un esempio per tutti, quella installata prima di Borgotaro quanto è costata? quanto produce? quanti secoli dovranno trascorrere prima di ammortizzarla? Tranquilli, nessuno risponde a queste domande!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Falsi vigili svuotano una cassaforte

A Marore

Falsi vigili svuotano una cassaforte

L'odissea di un giardiniere

«Con il mio Euro2 non posso lavorare»

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

EMERGENZA

Parma si mobilita

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

Il racconto

«Quando Roosevelt si insedio al Campidoglio»

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta