Provincia-Emilia

La Provincia alle Poste: "Così non va"

La Provincia alle Poste: "Così non va"
11

Comunicato stampa

“La Provincia di Parma, cui è stato affidato dalla Regione il coordinamento del tavolo, a nome dei 18 comuni coinvolti, quelli cioè di Parma, Bardi, Bedonia, Medesano, Tornolo, Terenzo, Montechiarugolo, Calestano, Borgo Val di Taro, Varano Melegari, Compiano, Noceto, Neviano Arduini, Langhirano, Palanzano, Corniglio, Fornovo e Zibello, esprime una forte insoddisfazione per l’esito della trattativa portata avanti da diversi mesi a questa parte”. È durissimo il vice presidente della Provincia Pier Luigi Ferrari, che al termine di un incontro svoltosi questa mattina in piazza della Pace con gli amministratori dei comuni coinvolti esprime a nome di tutti il forte disappunto degli enti per i risultati della trattativa in corso sul piano di razionalizzazione degli uffici postali del territorio presentato da Poste Italiane. La “doccia fredda” è arrivata nei giorni scorsi, “quando Poste Italiane – spiega Ferrari - ha comunicato ai sindaci interessati e alla Provincia la decisione di procedere alla chiusura, dal 26 novembre, di 8 Uffici postali, quelli di Cozzano, Molino Anzola, Mozzano, Gravago, Vianino, Pieveottoville, Ravarano e Strela, e il contestuale avvio di un piano di razionalizzazione, con riduzione dei giorni di apertura, di altri 11 Uffici”. 
A seguito di quella decisione è stata convocata la riunione di oggi, al termine della quale “non possiamo che esprimere, tutti, Provincia e Comuni, la nostra forte insoddisfazione. Se infatti la chiusura di 8 uffici sui 21 inizialmente considerati all’interno del piano di Poste Italiane può all’apparenza rappresentare un risultato non del tutto negativo, occorre sottolineare le gravissime conseguenze in termini di depauperamento di servizi rivolti alla collettività per territori di particolare debolezza e criticità come quelli della Val Taro, della Val Ceno e della stessa Bassa. Si tratta di un duro colpo inferto alla qualità della vita dei nostri cittadini che potrebbe aggravare significativamente la situazione di crisi e portare al progressivo spopolamento delle zone più critiche come quelle montane”, dice Ferrari a nome della Provincia e di tutti i Comuni coinvolti, stigmatizzando inoltre l’atteggiamento di Poste Italiane: “Nonostante le diverse iniziative intraprese per stabilire un dialogo fattivo, nella realtà non vi sono stati margini di discussione con l’interlocutore Poste, che ha ratificato una decisione che appariva già preconfezionata fin dall’inizio. Non si spiega altrimenti l’atteggiamento di Poste, che, pur a fronte di una grande disponibilità offerta da diversi Comuni sia in termini di presa in carico diretto di alcuni costi sia in termini di disponibilità a ragionare su nuovi servizi da affidare a Poste, non ha accolto e approfondito le proposte in campo, con dati e numeri alla mano come si farebbe in qualsiasi azienda, ma ha lasciato il tutto a lettera morta”.
Su tutti pende poi la “spada di Damocle” della “verifica di economicità” annunciata da Poste Italiane fra un anno “per decidere, in modo unilaterale come per questi primi otto, la chiusura di uffici caratterizzati da mancata redditività: temiamo già ora – osserva il vice presidente della Provincia - che questa verifica potrà colpire chi si è salvato da questa prima tornata. La grave preoccupazione che Provincia e sindaci esprimono, infatti, è che se il livello di servizio fornito da Poste Italiane sarà quello attuale, con personale spesso assente e a volte non all’altezza del ruolo, computer che non funzionano, posta recapitata in ritardo, uffici obsoleti con barriere architettoniche, la redditività non potrà che peggiorare e il destino dell’ufficio è quindi già segnato in partenza”.
Di qui, al termine della riunione di oggi, una decisa presa di posizione: “La Provincia di Parma e i sindaci dei 18 comuni interessati – dice Ferrari a nome di tutti - esprimono la non accettazione delle chiusure degli 8 uffici che si dovrebbero attuare già dal prossimo 26 novembre e una forte, decisa e unitaria, volontà di continuare a mantenere questi fondamentali presidi anche di tipo sociale nei territori, ed in particolare nei territori più deboli, anche ricorrendo a un’analisi di mercato che consenta di fare valutazioni di merito, sia in termini di costi che di qualità del servizio fornito, su potenziali nuovi fornitori di servizi postali e finanziari da scegliere tra quelli presenti sul mercato”.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • simone spoggi

    24 Novembre @ 00.32

    Maurizio, cerca di capire una volta x tutte!!!! Poste italiane chiude questi uffici perche' a fine anno questi uffici danno piu' costi che ricavi!!!!! Sono questi uffici che sono in perdita, non Poste Italiane SPA. At lè capida o no?!?!?! Una qualsiasi banca o una qualsiasi azienda li avrebbe gia' chiusi da tempo questi uffici!!!!!

    Rispondi

  • lalla

    23 Novembre @ 23.43

    liberiamoci di poste spa se non vogliono lavorare che si riposino vedrai che se gli togli la terra sotto i piedi si renderanno conto che il vecchio detto ...nessuno e' indispensabile...puo valere anche x loro

    Rispondi

  • Geronimo

    23 Novembre @ 19.24

    Simo ma scusa non capisco il tuo ragionamento, dici che il bilancio è in perdita poi io ti correggo, tu ammetti lìesistenza dell'utile ma parli di perdita. Il tuo discorso può filare ma allora mettiamoci d'accordo, ci sono incentivi anche per aprire aziende nelle località montane, cosa facciamo da una parte diamo soldi per ripopolare i luoghi e dall'altra chiudiamo i servizi? Comunque è un problema perchè chiudendo questi uffici non è che quelli più vicini verranno potenziati, quindi ci saranno ancora meno servizi per il cittadino visto che oltre a spostarsi dovrà fare code grazie all'aumento di clienti nell'agenzia più vicina. Lo spreco e l'assurdità di poste italiane è il continuo rivolgersi ad agenzie interinali e comuqnue a personale temporaneo per la consegna della posta turnandoli in continuazione facendo si che il servizio sia più lento, dove abitavo prima avevo la posta intorno alle 10, iniziato il cambio dell'itinerario dei postini la posta arrivava intorno alle 15 o 16 del pomeriggio.... so di persone che ad esempio in passato hanno disdetto abbonamenti ai quotidiani tipo la gazzetta di parma, meglio prenderla in edicola, la paghi di più ma la leggi quando vuoi

    Rispondi

  • simone spoggi

    23 Novembre @ 15.58

    Maurizio, guarda che buona parte di tale utile viene poi utilizzato dallo stato x costruire infrastrutture in Italia....a parte cio' rimango dell' idea che se un azienda ha uffici o filiali che sempre ogni anno chiudono in perdita ha il sacrosanto diritto nonche' dovere di chiuderli!!!!!

    Rispondi

  • Geronimo

    23 Novembre @ 08.25

    Simo, per la cronaca ultimo bilancio di Poste Italiane è stato chiuso con un utile netto di 846 milioni di euro….

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

2commenti

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Referendum

I dati definitivi: il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

1commento

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro prima giù poi recupera - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

Salsomaggiore

Squilli di tromba al funerale di Lorenzo, ucciso da una malattia a 15 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

5commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

11commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)