-4°

Provincia-Emilia

Omicidio Guarino: nessuno dei vicini sentì gli spari

Omicidio Guarino: nessuno dei vicini sentì gli spari
0

Il processo per il delitto Guarino è entrato nel vivo. Davanti alla corte d'assise  hanno iniziato a sfilare i primi testimoni. Ma con un grande assente: la donna delle pulizie moldava che fu tra le prime a entrare nella casa e a vedere il cadavere. Regolarmente convocata per deporre, non si è presentata all'udienza senza produrre giustificazioni. La corte ha stabilito che   dovrà essere accompagnata coattivamente alla prossima udienza, il 12 dicembre.
Gli altri testimoni,  all'epoca dell'omicidio, erano  tutti vicini di casa del boss  Raffaele Guarino. «Lelluccio» fu ucciso a colpi di pistola la notte tra il 28 e il 29 ottobre del 2010, mentre dormiva nel proprio letto.
Per il delitto sono imputati: Mario Illuminato, che secondo la costruzione accusatoria sarebbe il regista; Massimiliano Sinatra, uomo di fiducia di Illuminato,  che sarebbe entrato con lui nell'abitazione   di Guarino per compiere il delitto, e  Graziano Acampa che  avrebbe consegnato l'arma, mai ritrovata, e controllato i movimenti di «Lelluccio».
Il delitto è stato compiuto in una casa a schiera al civico 1 di via Fenoglio. Davanti alla corte sono sfilati i residenti ai civici 1 e 3 (la casa a schiera di fronte, con i cortili  separati solo da una siepe). A tutti è stato chiesto se, la notte dell'assassinio, avessero sentito rumori di spari o di auto che si allontanavano. Nessuno  udì nulla. 
Alcuni dei testimoni hanno dichiarato di aver conosciuto solo di vista il boss e di non aver scambiato con lui che poche frasi di saluto. Hanno però ricordato che Guarino e Annunziata Visconti, abitante in una delle case a schiera del complesso,  si vedevano spesso assieme ed erano soliti scambiarsi visite nelle rispettive abitazioni. Di fronte a specifica richiesta del pubblico ministero, Roberta Licci, i vicini hanno detto di non essere a conoscenza del tipo di relazione che univa i due, ma sicuramente di buona amicizia. Una teste ha aggiunto che, circa una settimana prima del delitto,  la Visconti  aveva chiesto aiuto perché non riusciva più ad entrare nella casa di Guarino con il proprio mazzo di chiavi. Un vicino provò ad aiutarla, ma la chiave non apriva.
Il mazzo, secondo la costruzione accusatoria, sarebbe stato rubato e sostituito per poter entrare agevolmente nella casa di Guarino e ucciderlo.
Anche Mario Illuminato fu visto più volte frequentare  la Visconti (vedova di Salvatore, fratello di Mario) e  Guarino. Dall'estate del 2010 tali  visite si sarebbero rarefatte.
I vicini hanno affermato di aver notato più volte i carabinieri  controllare la casa di «Lello», ma di non conoscerne il motivo. Solo uno di essi ha dichiarato di aver conosciuto bene Guarino. «Quando è arrivato, 7-8 mesi prima, ci siamo presentati e mi aveva detto di aver avuto un passato burrascoso, ma di essere desideroso di sistemarsi - ha ricordato il testimone -. Mi chiese anche se avevo paura. Gli dissi di no e lui replicò che allora saremmo andati d'accordo». Il testimone ha ammesso di aver cercato informazioni su internet e di essere stato a conoscenza che Lello era un boss.  Il loro è stato un buon rapporto di vicinato, tanto che, assieme alla moglie, era stato invitato in un locale della città al pranzo per il venticinquesimo anniversario di matrimonio di «Lelluccio»: una festa in grande stile, con tanto di musica. Era presente anche la Visconti, ma non Illuminato.
Il testimone, che ha ricordato anche come Guarino nei giorni immediatamente precedenti la morte fosse “meno brillante del solito”, ha riconosciuto alcune fotografie scattate alla festa (una manciata di giorni prima del delitto) nelle quali si nota come Guarino avesse al polso un Rolex Daytona con quadrante bianco. L'orologio fu recuperato nella casa di Illuminato, che per questo motivo, è imputato anche del reato di ricettazione assieme a Sinatra.
 Per risalire all'ora del delitto (il medico legale sarà sentito nella prossima udienza), ai testimoni è stato chiesto di indicare l'ora di rientro e di uscita dalle rispettive abitazioni. Una di essi ha ricordato di essere stata fuori a lavare i balconi già alle 6, ma di non aver notato nulla. La donna delle pulizie fu vista arrivare   alle 7.30.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: gli indiani superano i romeni Video

I dati del primo semestre 2016: inviati 24,5 milioni nel mondo dal Parmense

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

IL FATTO DEL GIORNO

La morte di Filippo: oltre al dolore, la rabbia per i mancati interventi per la sicurezza Video

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

tg parma

A Parma dai figli, arrestato latitante siciliano che deve scontare 15 anni

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: grave un camionista

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

PADOVA

Orge in canonica con 9 donne: prete nei guai

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta