15°

28°

Provincia-Emilia

Parco Mazzini, giardino storico da preservare

Parco Mazzini, giardino storico da preservare
Ricevi gratis le news
1

Maurizia Bonatti Bacchini
Passare davanti al complesso dell’hotel Milano, gettare uno sguardo rassegnato,  constatare che le finestre dell’edificio  lasciate aperte garantiranno un  veloce  degrado strutturale e accorgersi che sono scomparse perfino le belle statue che avevano la funzione di filtrare  il giardino dall’ingresso dell’edificio.
Come un turista che torna sui luoghi che gli avevano trasmesso emozioni, mi sono diretta al parco Mazzini per ritrovare le ultime  sculture allegoriche di quella sequenza che ornava i giardini di Salsomaggiore e che ora possono essere considerate il simbolo della rapina di charme e atmosfere a cui è sottoposta Salsomaggiore «all’insaputa» di tutti. La constatazione è desolante: le uniche sculture ornamentali rimaste tra i tanti manufatti in pietra e cemento che accentuavano le atmosfere liberty  sono in avanzatissimo stato di degrado come del resto tutto il giardino che conserva solo una esigua traccia di quell’impianto arboreo  lussureggiante, ricco di rimandi tra classicismo ed esotismo, che è stato il parco.
Già in passato mi sono rivolta alla città e ai suoi amministratori perché si preservi il giardino storico che è stato generatore della forma urbanistica e quindi fulcro della specificità di questa città termale, l’ho fatto anche con studi riconosciuti in ambito scientifico internazionale, volti a dimostrare il cuore verde di questo modello urbano e perciò un segno  identificativo della cultura termale.
Non sto a rifare la storia del grande parco che, progettato dall’architetto dei giardini reali di Torino, quando venne inaugurato nel 1917 fu dedicato a Margherita di Savoia. Nel tempo ha ceduto terreno all’edificazione e ha avuto la sua grave cesura nella costruzione dello stabilimento Zoja. Mi limito a constatare che oggi,  preso atto di quanto siano state ridotte le siepi topiarie, verso il laghetto addirittura  sostituite  con recinzioni che fanno assomigliare la zona a un pollaio, di come siano stati smantellati tratti di cordoli tufacei e perfino il chiosco-vespasiano di elegante impronta liberty,  di quanto appaia  ridimensionata l’area verde, ci si deve concentrare sulla zona del giardino all’italiana che potrebbe  recuperare l’identità estetica solo in virtù  del suo disegno ancora leggibile.
E’ scaduto il tempo per  prendere coscienza  di come questo paese  si fregia del titolo di «città termale» anche grazie alle opere di respiro monumentale realizzate nel primo Novecento. Per salvare ciò che resta del giardino all’italiana con il laghetto e la  zona orientaleggiante, per restituire dignità a questa particolare architettura  del verde urbano debitrice del gusto liberty si deve procedere secondo i principi  del restauro conservativo. Anche solo con un’azione all’anno, se mancano i mezzi finanziari per un intervento completo, e magari iniziare dal restauro delle statue allegoriche e delle  caratteristiche panchine a biscotto, dalla ricollocazione della fontana centrale, dal ripristino dei bossi  e delle figurazioni d’arte topiaria.
 Sono ormai noti all’opinione pubblica il sistema amministrativo e la prassi burocratica di procedere per grandi progetti. Probabilmente è questo il motivo per cui si sono abbandonate le azioni manutentive in attesa di  presentare costose progettazioni, convincendo la cittadinanza che di fronte al degrado si può intervenire per sostituire ciò che sembra  più difficile da recuperare.
Davvero un progetto ci vuole a Salsomaggiore, ma è un’idea, un pensiero culturale che non ha un costo iniziale, sarebbe un nuovo modo di procedere e di intendere la cultura come un grande valore, a partire dalla tutela e dalla trasmissione del patrimonio comune.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • michele

    02 Dicembre @ 12.43

    purtroppo salso di una volta non la rivivremo mai piu' c'e' solo da sperare che non si affondi piu' di quanto non si sia gia' affondati fino ad ora.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

7commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

"In infradito sul Penna: a proposito di escursionisti sprovveduti..." Foto

1commento

CALCIO

D'Aversa si racconta

OSPEDALE

Il Maggiore: «Sostituiremo al più presto le sonde rubate»

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

15commenti

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

1commento

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

dai video

Barcellona, ci sono le immagini del terrorista in fuga dopo strage

1commento

modena

Sgozzato durante una rissa a Sassuolo, inutili i soccorsi

1commento

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti