-2°

Provincia-Emilia

Don Reverberi - In paese non ci crede nessuno: "Ha fatto del bene a tanta gente"

Don Reverberi - In paese non ci crede nessuno: "Ha fatto del bene a tanta gente"
0

SORBOLO
Pierpaolo Cavatorti
Incredulità e sconcerto in paese. La notizia per cui don Franco Reverberi sia un criminale ricercato dall’Interpol desta quello stupore di chi mai avrebbe potuto pensare ad una storia simile.
Una persona stimata don Franco, tornato come una benedizione a Sorbolo rendendosi subito prezioso per l’aiuto agli altri sacerdoti del territorio, don Ermenegildo Pesci e don Giuseppe Montali. Ancora più prezioso dopo la morte di don Franco Dioni, avvenuta la scorsa estate: da allora la celebrazione della messa nella parrocchia di Enzano e nella parrocchia di Casaltone, è stata quasi sempre appannaggio del sacerdote sorbolese, cresciuto fin da bambino in Argentina.
La notizia che vuole don Franco Reverberi implicato nelle torture contro i dissidenti al regime di Videla, sembra a tutti i sorbolesi ed in particolare alle persone a lui più vicine, uno scherzo grottesco.
Non vuole credere alla notizia Flavio Rizzi, presidente e coordinatore dei «Balòss», circolo Anspi di Coenzo, legato a don Franco da anni di collaborazione ed amicizia. Il sacerdote italo-argentino tutti gli anni veniva in Italia per ritrovare amici e parenti, occasione sempre per svolgere le proprie funzioni sacerdotali tra i «suoi» del paese.
«Sto apprendendole notizie poco alla volta - dice Rizzi - e mi sembra veramente una notizia che ha dell’incredibile. Conosco don Reverberi da moltissimi anni e con lui ho sempre avuto un rapporto ottimo. Don Franco, con la quale teniamo tutti i mercoledì incontri di preghiera, è un uomo di grande disponibilità. E’ sempre stato pronto a qualsiasi servizio pastorale. Basti pensare che da quando è qui a Sorbolo in pianta stabile, celebra messa tutti i giorni, aiutando i sacerdoti sorbolesi. E’ più di un anno e mezzo qui da noi, poiché a causa di alcuni problemi cardiaci gli è stato vivamente sconsigliato affrontare trasvolate così impegnative. Progettava - conclude il presidente Rizzi - di ritornare in Argentina la prossima primavera».
Don Franco Reverberi, classe 1937, emigrò in Sudamerica nel primo dopoguerra insieme alla famiglia.
Presi i voti sacerdotali proprio in Argentina, don Reverberi esercitava nella provincia di San Rafael, nella regione di Mendoza a più di mille chilometri da Buenos Aires.
«Don Franco era parroco in un area di quasi trecento chilometri quadrati - dice Attilio Reverberi, primo cugino con don Franco - e mi risulta abbia fatto un gran bene a molta gente. Una testimonianza del cuore di mio cugino è stata l’adozione di due ragazzi della zona, orfani di genitori e parenti. Don Franco li ha accuditi e cresciuti, ora questi ragazzi sono sposati e hanno una famiglia a loro volta e a loro Franco ha lasciato la casa in cui abitano. Sapevo - continua Attilio Reverberi - che don Franco faceva catechismo ai detenuti del carcere di San Rafael, un compito assegnatogli dal vescovo della provincia. Mi sembra veramente una cosa fuori dal mondo Franco possa aver partecipato o coperto simili atrocità».
Attilio non ricorda con certezza gli anni in cui don Franco Reverberi fosse cappellano militare, ma anche a lui sembra di ricordare che le date coincidessero con i primi anni ’80.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Pizzarotti

intervista

Pizzarotti a Radio Parma: "Pronto progetto per piazza della Pace" Diretta

2commenti

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

1commento

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

incidente

San Polo di Torrile, auto fuori strada: un ferito

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

2commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

4commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

28commenti

parma

Ladro "seriale" dei supermercati colto sul fatto e denunciato

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Ora il piccolo Edoardo sa della morte dei genitori

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto