22°

Provincia-Emilia

Quattro morti nello scontro fra bus e due auto a Reggio: conducente arrestato per omicidio colposo Feriti diversi giovani di Traversetolo

Quattro morti nello scontro fra bus e due auto a Reggio: conducente arrestato per omicidio colposo Feriti diversi giovani di Traversetolo
41

Tre donne e un uomo, tutti della Nigeria e residenti a Reggio Emilia, hanno perso la vita in un incidente stradale avvenuto all'una e trenta della scorsa notte a Codemondo (frazione di Reggio), nello scontro fra due auto e un pullman proveniente da Traversetolo. Le vittime viaggiavano su una delle vetture. Ferite in modo grave 6 persone, fra cui l'autista del pullman.
L'incidente è avvenuto in un tratto rettilineo di via Teggi, all'altezza dell'incrocio con via dell'Inferno: la Peugeot avrebbe sorpassato una Panda e si sarebbe scontrata frontalmente col pullman. Il bus e la Peugeot sono finiti fuori strada, la Panda - che a sua volta si è schianata contro l'altra auto - è rimasta sulla carreggiata. 
La ricostruzione della dinamica dell’incidente è al vaglio della polizia municipale di Reggio e dei vigili del fuoco.
La strada che collega Reggio Emilia a Cavriago è stata chiusa al traffico durante i soccorsi e gli accertamenti.

PULLMAN DA TRAVERSETOLO PER ANDARE A BALLARE A REGGIO: DIVERSI FERITI DIMESSI IN MATTINATA. Sul pullman viaggiavano 15 giovani di Traversetolo, il conducente e altre due persone: stavano raggiungendo la discoteca reggiana "Sali e Tabacchi". Fra i giovani parmensi hanno ferite gravi una 25enne e un 39enne. Lo ha riferito la polizia municipale di Reggio, interpellata da Gazzettadiparma.it, questa mattina. In seguito si è appreso però che tutti i giovani che viaggiavano sul pullman sono stati dimessi dai medici del Santa Maria Nuova.
Una decina di persone, rimaste contuse nello schianto, hanno rifiutato il trasporto in ospedale dopo essere stata medicata sul posto. 

GRAVI UNO DEI DUE NIGERIANI SOPRAVVISSUTI E UNA DONNA. In condizioni gravi sono stati giudicati uno dei nigeriani che si trovavano come passeggeri sulla Peugeot e una persona che si trovava sul pullman ma che non fa parte del gruppo di giovani di Traversetolo. In osservazione breve-intensiva il conducente del bus, in condizioni di media gravità la donna che guidava l’altra auto coinvolta, una Fiat Panda, e il nigeriano conducente della Peugeot. Al termine degli accertamenti è stato riferito che le vittime sono tre donne e un uomo (non tre uomini e una donna, come riferito in un primo momento) e che vivevano a Reggio Emilia. Le vittime sono state trasportate nell’obitorio di Coviolo, i feriti sono stati portati dalle ambulanze del 118 all’ospedale Santa Maria Nuova. 

ARRESTATO L'AUTOMOBILISTA NIGERIANO. E' stato arrestato per omicidio plurimo colposo, dalla polizia municipale di Reggio Emilia, il ventenne nigeriano alla guida della Peugeot 206 che la scorsa notte, verso l’1.30, ha provocato l’incidente che ha coinvolto un pullman di giovani parmigiani e in cui hanno perso la vita quattro giovani, anche loro nigeriani. Le vittime sono tre ragazze di 28, 26 e 23 anni e un ventenne, tutti passeggeri della Peugeot. Sull'auto viaggiava una sesta persona, una ragazza nigeriana ventenne, ora ricoverata all’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia.
In ospedale è ricoverato anche l’autista, in stato di arresto, piantonato dalla polizia municipale. Oltre all’ omicidio, il conducente è accusato di guida senza patente (aveva solo un certificato internazionale che secondo la Municipale è falsificato) e non ha voluto sottoporsi all’ alcoltest. Inoltre sull'auto, che appartiene ad una settima persona, non si poteva viaggiare in sei.
Secondo la ricostruzione della Municipale, la Peugeot avrebbe sorpassato una Fiat Panda sulla provinciale che collega Reggio a Cavriago, nei pressi di Codemondo, e alla fine del sorpasso non sarebbe rientrata sulla corsia di destra, andando a finire contro il pullman diretto verso Reggio. Il pullman trasportava una quindicina di giovani provenienti da Traversetolo e  altri paesi della val d’Enza, diretti verso il locale notturno 'Sali & Tabacchì di Reggio. A causa dello scontro il pullman, condotto dal proprietario, originario di Carrara, si è piegato nel fossato a fianco della strada. Sono rimasti feriti il conducente del pullman e altri passeggeri. Ferite anche due sorelle di 15 e 20 anni, residenti a Cavriago (Reggio Emilia), che viaggiavano sulla Panda. Dopo le medicazioni, sono rimasti in ospedale sette feriti, nessuno in pericolo di vita. La strada è rimasta chiusa fino alle 9 per permettere la rimozione dei mezzi e i rilievi della Polizia municipale reggiana.

 La testimonianza di una ragazza di Traversetolo: "Un tonfo, poi siamo finiti fuori strada"

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • cantarelli claudio

    27 Dicembre @ 17.07

    Ovvio commento:extracomunitario, senza permesso,spacciatore,senza patente, magari affidato più volte ai servizi sociali per il reinserimento. Ma che cavolo di leggi sono quelle che tutelano i vagabondi? Non bisogna prendersela con loro ma con una classe politica che in venti anni ha partorito leggi assurde che il giudici sono obbligati ad applicare. Chi doveva provvede ha fatto il comodo suo, chi doveva controllare ha piegato la testa, a casa tutti questi mascalzoni travestiti da politici!!!!!!

    Rispondi

  • filippo

    27 Dicembre @ 11.09

    non dobbiamo meravigliarci più di tanto di questo criminale autore di una strage già annunciata essendo un clandestino con patente falsa,precedenti con droga restio al controllo di alcol test e stupefacenti ,autovettura non sua e forse senza assicurazione,ma di quei balordi e incapaci che ricoprono ruoli determinanti nelle istituzioni che lasciano liberi questi relitti della società di causare delle sciagure a persone oneste e indifese, dovrebbero vergognarsi mille volte e sparire dalla circolazione e se non lo fanno loro è il momento del popolo sovrano di cambiare radicalmente queste assurdità.

    Rispondi

  • Elena

    27 Dicembre @ 09.48

    @Grace : \"sfera di cristallo\"? non serve: il 90% dei marocchini, nigeriani ecc. ecc. E\' CLANDESTINO, NON HA LA PATENTE NON HA L\'ASSICURAZIONE........ quindi basta fermali TUTTI per un controllo e mettere così in relativa sicurezza gli italiani che si sono pagati SCUOLA GUIDA, ASSICURAZIONE, BOLLO ecc.! E ora se vuole dica pure che sono razzista!

    Rispondi

  • caspao

    27 Dicembre @ 09.36

    se fossimo un paese serio le auto guidate da extracomunitari andremmo fermate molto spesso per controllare patente assicurazione ecc. ma poi ci sarebbe qualcuno che dice che siamo razzisti. allora meglio scoprirlo cosi

    Rispondi

  • sabcarrera

    27 Dicembre @ 08.15

    Perché non far pagare alla nazione di origine?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Parma 360»:uno speciale sul festival

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Uccide la moglie malata e si suicida: il dramma di Felegara Foto Video

I corpi senza vita ritrovati dai figli in camera da letto

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

2commenti

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

elezioni 2017

Salvini domani a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

omicidio

Delitto Habassi, chiuse le indagini: "C'è stata premeditazione"

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

6commenti

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

3commenti

tribunale

Abusi nelle assunzioni a Stt, tutti prosciolti tranne Costa

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

11commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

Mondo

Debbie devasta l'Australia Video

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

SOCIETA'

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

roma

Omofobia, Shalpy: "Sputi e insulti per strada: un trauma"

1commento

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon