ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI TUTTE  LE SEZIONI DEL SITO

Rapid Spaceback, l'essenza di Skoda
PROVA SU STRADA

Rapid Spaceback, l'essenza di Skoda

 
Piazza Garibaldi: arrivano le panchine
parma centro

Piazza Garibaldi: arrivano le panchine

 
Chiude Cibus Tec, bilancio positivo per gli espositori
Tg Parma

Chiude Cibus Tec, bilancio positivo per gli espositori

 
Unitalsi, solidarietà quotidiana: ecco i corsi per i volontari
Tg Parma

Unitalsi, solidarietà quotidiana: ecco i corsi per i volontari

 
Teatro del Tempo, al via il 14 novembre la stagione 2014/2015
Tg Parma

Teatro del Tempo, al via il 14 novembre la stagione 2014/2015

 
La notte di «Galloween» per l'Abracadabra
solidarietà

La notte di «Galloween» per l'Abracadabra

 
"Care" tasse universitarie? L'Ateneo: "Dati errati"
Università

"Care" tasse universitarie? L'Ateneo: "Dati errati"

 
Videomessaggio di San Suu Kyi: "Grazie, studenti di Parma"
premio nobel

Videomessaggio di San Suu Kyi: "Grazie, studenti di Parma" 

 
La nostra Grande Guerra: una galleria di vite e di storie
CULTURA

La nostra Grande Guerra: una galleria di vite e di storie

 
3,2 milioni di disoccupati: mai così tanti dal 2004
lavoro

3,2 milioni di disoccupati: mai così tanti dal 2004

 
Il soccorso al capriolo ferito nella Parma
Video dei lettori

Il soccorso al capriolo ferito nella Parma

 
Brittany Maynard
USA

Brittany non ha ancora deciso se morire: la storia 

 
LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI

LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI

 
Torna il "November porc": si parte da Sissa
tg parma

Torna il "November porc": si parte da Sissa Video

 
Reggio: ragazze pestano coetanea perché non è musulmana
Reggio emilia

Ragazze pestano coetanea perché non è musulmana

 
Stonehenge
VIAGGI

Stonehenge, una magia millenaria

 
La montagna ha ricordato il cardinal Bruno Bertagna
Tg Parma

La montagna ha ricordato il cardinal Bruno Bertagna Video

 
E in passerella va il cioccolato
PARIGI

E in passerella va il cioccolato Video

 
La crisi in Emilia-Romagna: meno industria, più servizi
Unioncamere

La crisi in Emilia-Romagna: meno industria, più servizi

 
Sousa,  indó l’àni catè chilù? Mauri l’ùnnica béla notìssja
Dialetto

Sousa, indó l’àni catè chilù? Mauri l’ùnnica béla notìssja

 
Addio per sempre, Bridget Jones
comare & co.

Addio per sempre, Bridget Jones

 
Trattoria Pescacciatore

Trattoria Pescacciatore

 
#Parmaweb: e il Tg pesca nella Rete
Tv Parma

#Parmaweb: e il Tg pesca nella Rete

 
Las Karne Murta, sostegno dal palco
Venerdì prossimo

Las Karne Murta, sostegno dal palco

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 
Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!
Kauppa

Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!

 

C inema

Provincia-Emilia

Lettere alla Gazzetta- "Riaprite la Reggia di Colorno"

Lettere alla Gazzetta- "Riaprite la Reggia di Colorno"
2

Gentile direttore,
l’anno che si è appena concluso ha lasciato strascichi negativi importanti a Colorno. Non è bastato passare il 2012 infatti per risolvere il problema della Reggia ferita e inaccessibile dall’ingresso principale.
Sono passati sei mesi da una precedente lettera in cui richiedevamo alla Provincia di Parma informazioni precise sul restauro e sulla riapertura. Tutto sembrava legato al discorso dell’assicurazione, ma ci sembra che i tempi si siano protratti oltre il dovuto.
La Reggia chiusa, con una piazza Garibaldi permanentemente transennata sono un grande danno per Colorno, innanzitutto dal punto di vista economico (ebbene si, non siamo un’Associazione che si occupa del sesso degli angeli), in quanto inibisce un turismo regolare e una fruizione adeguata della Reggia.
I cittadini colornesi poi – che non sono di serie b rispetto a quelli di Collecchio o altri paesi pedemontani per intenderci – hanno un danno quotidiano dovuto al mancato attraversamento dei cortili. Soprattutto gli anziani.
Vorremmo avere dalla Provincia una risposta definitiva su tempi e modi di riapertura. Vorremmo anche avere la percezione di un Comune che si metta in gioco sulla questione: percezione che onestamente non ci giunge da nessuna delle componenti presenti in Consiglio, oltre che dall’Amministrazione.
Nel 2013, vorremmo (siamo un’Associazione di sognatori?) che la Torre delle Acque fosse rimessa in sesto, almeno a partire dal tetto che, si sa, è il punto più in sofferenza ed è quello che può «garantire» un crollo veloce, se non sistemato. Abbiamo saputo, da lettera ricevuta lo scorso agosto, che si è riunito un tavolo in Comune, presenti anche Professori universitari, per individuare una soluzione, molto simile a quella già individuata dal nostro socio e consigliere comunale Claudio Ferrari.
Ci sono voluti due anni per arrivare a un’ipotesi che era già stata indicata, ovvero quella relativa allo sfruttamento del salto d’acqua (bastava peraltro leggere i documenti storici e informarsi dai colornesi più attempati): eppure a questo tavolo proprio Italia Nostra non è stata invitata. Evidentemente l’Associazione non è gradita.
Ricordiamo però, ai brevi di memoria, che 360 firme per il restauro della Torre delle Acque e dei principali monumenti colornesi servirono ad accendere l’attenzione pubblica sulla questione e a far si che presso il Comune venisse convocato un tavolo, poi gestito, come si sta vedendo in modo piuttosto discutibile.
Questi problemi però non ci scoraggiano: non attendiamo passivamente le lente mosse istituzionali (o politiche). Ci impegniamo per garantire, anche nel 2013 un’azione associativa costante e concreta, seguendo gli esempi migliori degli ambientalisti che fondarono l’Associazione.
Sicuramente siamo un’Associazione a cui non interessa il tributo cortese degli indigeni: andiamo avanti per la nostra strada, che spesso anticipa le mosse degli indigeni stessi. Per la scarsa simpatia, pazienza, ce ne faremo una ragione.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 2
  • michele

    03 January @ 18.06

    La Reggia è aperta, ma fa molto male vedere la piazza transennata e l'ingresso principale chiuso...Andrebbe ripristinata subito, se non ci sono soldi, il comune dovrebbe lanciare delle raccolte fondi. Non c' è qualche industriale di colorno o parma disposto a fare qualcosa per uno dei sinboli più belli della nostra provincia??

    Rispondi

  • Claudia

    03 January @ 14.17

    Con la massima simpatia e stima per il preziosissimo lavoro di Italia Nostra, vorrei precisare: la reggia di Colorno, in quanto monumento e palazzo storico, è APERTA alle viste guidate, ai turisti e, sebbene non molto di frequente, agli eventi. Da un anno sentiamo dire che la Reggia è "chiusa", ma per chi ci lavora è un'autentica sofferenza. Attenzione quindi a non dare comunicazioni errate che aggravano una situazione già difficilissima e compromessa. Per tutto il resto concordo pienamente, e ancora grazie a Italia Nostra.

    Rispondi