-1°

Provincia-Emilia

"Io, prigioniero nel lager tedesco e mai risarcito"

"Io, prigioniero nel lager tedesco e mai risarcito"
12

Martedì prossimo, «Giorno della memoria» riceverà dalle mani del prefetto di Parma una medaglia d'onore. Un piccolo gesto per non dimenticare l'immane tragedia dell'Olocausto che coinvolse milioni di persone, anche italiane. Ma sarà lo stesso prefetto a ricevere dalle mani del premiato una lettera di denuncia affinché faccia emergere quella che viene definita «un'ingiustizia».
Il fidentino Bruno Ramenzoni, 93 anni e qualche problema di salute, non ne aveva mai parlato con nessuno. Ora, prima che se ne perda la memoria e affinché «venga restituita dignità a noi italiani» ha deciso - nonostante il profondo dolore che ancora gli provoca evocare quella terribile esperienza - di mettere nero su bianco quello che avvenne in quei tragici mesi di prigionia in terra tedesca e soprattutto a denunciare quello che a suo dire la Germania vuole negare: l'esistenza del lager dove fu rinchiuso (e dove morirono migliaia di persone) e il fatto di aversi visto negato un risarcimento per esser stato rinchiuso e «trattato come una bestia da soma, da uccidere quando inutile al lavoro in condizioni di schiavitù» dai tedeschi.

Tutti i dettagli in un ampio servizio sulla Gazzetta di Parma in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Massimo Filippini

    30 Gennaio @ 00.59

    La Gazzetta di Paema è un giornale serio e mi domando come faccia a inserire commenti di gente che pretende di essere risarcita.dal paese dove è stato prigioniero. Se tutti i prigionieri di tutti i paesi ragionassero così ci vorrebbe il pozzo di san Patrizio e neanche basterebbe.

    Rispondi

  • stefano

    25 Gennaio @ 10.05

    C'e' da dire una cosa al riguardo. Anche mio nonno è stato catturato in Grecia e spedito in un campo di lavoro in Germania e mi diceva che era appunto solo un campo di lavoro dove è stato rinchiuso fino alla fine della guerra. Pertanto non si può pensare che ci siano risarcimento per tutti quelli che sono stati prigionieri. Nessuno ricorda mai tutti i nostri connazionali rinchiusi nei campi di lavoro russi americani e inglesi? Quanti di loro non hanno mai fatto ritorno senza che nessuno si proccupasse di chiedere qualcosa? La legge è uguale per tutti o solo per chi vince? O per chi la pensa come noi?

    Rispondi

  • Alessandro

    24 Gennaio @ 22.54

    Purtroppo è vero, non ci sono risarcimenti e mai ci saranno. Ma la cosa che deve far riflettere è che non c'è neanche il 'riconoscimento' di quanto è accaduto. Il risarcimento, come dice giustamente, ma in malo modo, il sig. Puzzi, 'svilisce' quanto di nobile e di eroico c'è stato nelle sofferenze, nelle umiliazioni e nella morte di tutti quelli che sono passati nei campi di concentramento tedeschi (o che solo si sono imbattuti nella barbara ferocia delle tanti stragi in Italia - vedi l'ultima 'sentenza' riguardo Sant'Anna di Stazzema ). Quello che deve far pensare è che, oggi, la Germania pretende di stabilire le 'regole', di mettere ancora tutti 'in fila' come tanti soldatini. E i politici italiani, supponenti ed ignoranti, invece di 'alzare la cresta', come dovrebbero, lasciano a noi, oltre che le lacrime per i nostri cari vittime della barbarie naziste e le tasse da pagare, anche l'ultimo sussulto di orgoglio per una vittoria su un campo di calcio.

    Rispondi

  • Puzzi

    24 Gennaio @ 20.00

    E' bello che si voglia mantenere il ricordo di quell'epoca con la testimonianza di chi c'era ed ha vissuto in prima persona quelle terribili esperienze. Purtroppo ciò viene svilito da una oscena richiesta di "risarcimento" che manda tutto in vacca. Come se, con quaranta denari, si potesse risarcire, e quindi perdonare, l'olocausto. I lager nazisti non potranno mai essere "risarciti". Così come nemmeno l'eccidio di centinaia di migliaia di civili a Nagasaki ed Hiroshima. Lo perdono perché a quell'età va compatito, forse l'hanno consigliato male.

    Rispondi

  • Francesco

    24 Gennaio @ 19.58

    I "nazi" erano nemici , e gli italiani hanno dovuto ucciderli, come in tutte le guerre . Gli Italiani che hanno ucciso gli altri Italiani , lo hanno fatto perchè gli altri Italiani uccidevano loro , e l' esercito di liberazione, dal quale è nata la nostra Repubblica ed al quale dobbiamo la nostra libertà, qualcosa doveva pur mangiare.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le evoluzioni al palo di Maria Aguiar

Pole dance

Evoluzioni al palo: Maria Aguiar è campionessa sudamericana Video

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

4commenti

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

lega pro

Parma: missione punti e continuità

Crociati in campo al Tardini, oggi, alle 14.30 contro il Teramo

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

3commenti

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

6commenti

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

2commenti

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Fuori Orario

Serata "I love Rock": ecco chi c'era Foto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

2commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

A volte fa più male la gentilezza

ITALIA/MONDO

Crisi di governo

Mattarella convoca Gentiloni al Quirinale. Renzi: "Torno a casa davvero"

turchia

Autobomba nel centro di Istanbul: 13 morti e decine di feriti

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

5commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti