12°

Provincia-Emilia

Don Cavanna, quel gesto eroico che gli costò la vita

Don Cavanna, quel gesto eroico che gli costò la vita
Ricevi gratis le news
1

Durante la recente cerimonia svoltasi in prefettura a Parma per la «Giornata della memoria», che ha visto la consegna dei riconoscimenti anche ai fidentini Bruno Ramenzoni e Arnaldo Vascelli, e all'appuntamento organizzato dal Comune di Fidenza a Casa Cremonini, è riemerso il tragico intreccio degli ultimi giorni  di vita di altri   due fidentini, il militare Gino Ramenzoni e   il cappellano militare don Domenico Cavanna.  

Il sacerdote (nato a Farini D'Olmo, in provincia di Piacenza,  nel 1906), venne ucciso mentre prestava aiuto al concittadino  e ad altri soldati feriti. Pochi conoscono il suo gesto eroico.
Era il 12 ottobre 1943 quando don  Cavanna,  appartenente alla Divisione «Arezzo» -  durante la campagna di Grecia  e subito dopo i fatti dell'8 settembre  -   si ritrovò in ritirata verso l'Italia sulla strada per  Argus Castoria, in Albania, zona in mano alle bande del maresciallo Tito, insieme ad altri militari tra i quali, appunto, il borghigiano Gino Ramenzoni che, armato, stava coprendo la fuga ai commilitoni.
Don Cavanna, uomo di grande fede e con un profondo senso per la patria e il tricolore,  teneva uniti tutti i giovani soldati con le sue parole. «L'importante è che noi tutti stiamo uniti: solo così potremo raggiungere la nostra Patria. Eleviamo, intanto, a Dio un'ultima preghiera, prima di incamminarci verso Castoria», furono le sue ultime parole, come viene riportato nell'articolo di Francesco S. Timo sul  sito internet  di memorie di guerra e prigionia  di Ettore Ponzi,  che fu amico di don Cavanna (www.ponziettore.it).
Una banda di partigiani di Tito attaccò all'improvviso  il drappello in marcia. Una scarica ferì  gravemente  Gino Ramenzoni (fratello di Bruno, internato nel lager tedesco di Munster), che cadde al suolo.
Il fidentino, che capì di essere sul punto di morte, chiamò i commilitoni e in particolare don Domenico affinchè lo raggiungesse per impartirgli l'estrema unzione.
 Il sacerdote, senza perdere tempo, scendendo da un automezzo, prestò soccorso  al ferito che riuscì a ricevere il sacramento.
 Una nuova  scarica, però, lo colpì in pieno mentre portava a termine la sua sacerdotale missione. 
Uno solo dei 22 uomini riuscì a sottrarsi alla strage e ritornò, dopo tre giorni, al posto di combattimento. 
Don Cavanna venne soccorso e trasportato all'ospedale  di Corizza, dove poco dopo morì pronunciando  parole di incitamento verso i soldati manifestando, così, fino all'ultimo, il suo attaccamento alla sua fede  e alla Patria.
«Quello della salute non è il solo pensiero che mi perseguita ora che sono tornato a casa - ricorda nelle sue memorie Bruno Ramenzoni, fratello di Gino, da poco insignito della medaglia della prefettura e tra i protagonisti dell'incontro organizzato dal Comune di Fidenza - ma l’aver saputo così improvvisamente, con due anni di ritardo, della morte di mio fratello maggiore Gino, quello che io ammiravo, perché più forte e più esperto di me. Quando fu ucciso indossava la camicia nera. Non per volontà propria, ma per decisione della famiglia che gli impose  di iscriversi come  volontario  per evitare che nostro fratello più giovane andasse in guerra. Ci fu un litigio in famiglia:  Paola, moglie di Gino, non voleva che il marito partisse ancora per la guerra. Aveva già fatto la campagna d’Africa ed avevano avuto la gioia di avere subito un figlio, Gigi».
  «Tutta la famiglia era sconvolta dal racconto sulle circostanze in cui mio fratello Gino perse la vita - racconta ancora Bruno, la cui testimonianza è stata letta in diretta radio,  durante il recente incontro,   dalla giovane attrice fidentina Gloriamarì Gorreri -. Morì in una situazione drammatica mentre cercava di tornare in patria dal confine greco-albanese. Fu circondato  quando si trovava in ritirata assieme ad altri concittadini: alcuni provarono a scappare con i camion ma lui, com’era suo dovere di mitragliere, coprì la loro fuga, una ritirata verso l’Italia. Gino fu colpito al collo e alla testa con una ferita mortale.  Era troppo  esperto per non capire che quella ferita gli avrebbe a breve tolto la vita. Gino, moribondo, con il volto insanguinato, allungò la mano verso gli amici in fuga gridando con la poca voce che ancora gli rimaneva voglio i sacramenti prima di morire:  ''non voglio morire così'', urlò. A quel punto, sulla camionetta che stava sfuggendo all’agguato, il sacerdote e concittadino don Domenico Cavanna, che stava fuggendo grazie al suo sacrificio, fece un gesto di altruismo che gli altri sul camion cercarono di impedire. Provarono ad  afferrarlo, cercarono di dissuaderlo, gli dissero che era inutile tentare di salvare Gino,  era ormai  spacciato, sarebbe stato un suicidio inutile. Ma don Cavanna saltò giù costringendo al camion a rallentare e  fece il suo dovere di sacerdote. Riuscì a confessare ed aiutare al trapasso Gino e tutti gli altri soldati feriti e moribondi. Alla fine venne a sua volta ferito mortalmente e  volutamente in segno di disprezzo verso il sua missione di sacerdote. Questo gesto eroico è rimasto non premiato e non riconosciuto fino ai nostri giorni. Nessuno, infatti, parlò mai più di questo sacerdote,  che io penso sia beato in paradiso».
Un gesto eroico, quello di don Cavanna,  che pochi fidentini conoscono. Una figura di borghigiano che meriterebbe di essere onorata affinchè resti impressa nella memoria dei concittadini. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • pattrizia 71

    10 Febbraio @ 09.02

    vigliacchi codardi!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

GAZZAFUN

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

La canzone di Libera contro la mafia dei ragazzi dell'Udu e dei pensionati Cgil

Tg Parma

Studenti e pensionati nella canzone di Libera contro la mafia

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Gli Harlem Globtrotters stregano il Palaraschi (1986)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Controlli congiunti della polizia municipale e ispettori Ausl: sequestrati alimenti in cattivo stato di conservazione in un esercizio commerciale

San Leonardo

Carne e pesce scaduti: denunciato il titolare di un negozio di alimentari

Inflitte anche multe per oltre duemila euro

1commento

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

3commenti

Parma

Sfondano la vetrina della concessionaria Boselli e rubano quattro moto nuove

Intervento della polizia in via La Spezia

2commenti

Tg Parma

Parco Ducale sempre più insicuro Video

1commento

Tg Parma

Smog, per tre giorni consecutivi Pm10 fuori norma Video

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

3commenti

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

PARMA

Inseguimento nella notte a San Pancrazio: un uomo abbandona l'auto e fugge

Dopo l'alt dei carabinieri, un africano alla guida di una Peugeot 307 è fuggito a fari spenti a tutta velocità

2commenti

Traffico

Strada chiusa per recuperare il camion incidentato

La provinciale Parma-Mezzani

LUTTO

Addio a Gianmaria Piccinini, fonico del Regio e tifoso del Parma Video

PARMA

Black Friday: sale la febbre per gli sconti Video

CALCIO

Il Parma verso Carpi con un ballottaggio per il "vice Calaiò" Video

L'intervista

Il carabiniere investito: «Voglio tornare sulla strada»

Lutto

Addio Roberta, maestra di una volta

Sicurezza

La Cittadella al buio: nessuno ci va più

4commenti

PARMA

Centro Antiviolenza, aumentano le donne che chiedono aiuto: 265 quest'anno

Sono aumentate rispetto al 2016 le vittime di violenza che si sono rivolte all'associazione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi di Berlino. Cosa sconta la Merkel

di Domenico Cacopardo

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

POLIZIA

Donna uccisa in un parco a Milano

GENOVA

Omicidio a Sestri Levante: ucciso un artigiano

SPORT

IL COMPLEANNO

I settant'anni di Nevio Scala

1commento

INTERVISTA

Rugby, Giovanbattista Venditti: "Il Sud Africa punta su fisicità e aggressività" Video

SOCIETA'

SALUTE

Quando il design aiuta le mani impacciate Gallery

Francia

Ustionato al 95%, vive per il trapianto di pelle dal gemello

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery