10°

Provincia-Emilia

Don Cavanna, quel gesto eroico che gli costò la vita

Don Cavanna, quel gesto eroico che gli costò la vita
1

Durante la recente cerimonia svoltasi in prefettura a Parma per la «Giornata della memoria», che ha visto la consegna dei riconoscimenti anche ai fidentini Bruno Ramenzoni e Arnaldo Vascelli, e all'appuntamento organizzato dal Comune di Fidenza a Casa Cremonini, è riemerso il tragico intreccio degli ultimi giorni  di vita di altri   due fidentini, il militare Gino Ramenzoni e   il cappellano militare don Domenico Cavanna.  

Il sacerdote (nato a Farini D'Olmo, in provincia di Piacenza,  nel 1906), venne ucciso mentre prestava aiuto al concittadino  e ad altri soldati feriti. Pochi conoscono il suo gesto eroico.
Era il 12 ottobre 1943 quando don  Cavanna,  appartenente alla Divisione «Arezzo» -  durante la campagna di Grecia  e subito dopo i fatti dell'8 settembre  -   si ritrovò in ritirata verso l'Italia sulla strada per  Argus Castoria, in Albania, zona in mano alle bande del maresciallo Tito, insieme ad altri militari tra i quali, appunto, il borghigiano Gino Ramenzoni che, armato, stava coprendo la fuga ai commilitoni.
Don Cavanna, uomo di grande fede e con un profondo senso per la patria e il tricolore,  teneva uniti tutti i giovani soldati con le sue parole. «L'importante è che noi tutti stiamo uniti: solo così potremo raggiungere la nostra Patria. Eleviamo, intanto, a Dio un'ultima preghiera, prima di incamminarci verso Castoria», furono le sue ultime parole, come viene riportato nell'articolo di Francesco S. Timo sul  sito internet  di memorie di guerra e prigionia  di Ettore Ponzi,  che fu amico di don Cavanna (www.ponziettore.it).
Una banda di partigiani di Tito attaccò all'improvviso  il drappello in marcia. Una scarica ferì  gravemente  Gino Ramenzoni (fratello di Bruno, internato nel lager tedesco di Munster), che cadde al suolo.
Il fidentino, che capì di essere sul punto di morte, chiamò i commilitoni e in particolare don Domenico affinchè lo raggiungesse per impartirgli l'estrema unzione.
 Il sacerdote, senza perdere tempo, scendendo da un automezzo, prestò soccorso  al ferito che riuscì a ricevere il sacramento.
 Una nuova  scarica, però, lo colpì in pieno mentre portava a termine la sua sacerdotale missione. 
Uno solo dei 22 uomini riuscì a sottrarsi alla strage e ritornò, dopo tre giorni, al posto di combattimento. 
Don Cavanna venne soccorso e trasportato all'ospedale  di Corizza, dove poco dopo morì pronunciando  parole di incitamento verso i soldati manifestando, così, fino all'ultimo, il suo attaccamento alla sua fede  e alla Patria.
«Quello della salute non è il solo pensiero che mi perseguita ora che sono tornato a casa - ricorda nelle sue memorie Bruno Ramenzoni, fratello di Gino, da poco insignito della medaglia della prefettura e tra i protagonisti dell'incontro organizzato dal Comune di Fidenza - ma l’aver saputo così improvvisamente, con due anni di ritardo, della morte di mio fratello maggiore Gino, quello che io ammiravo, perché più forte e più esperto di me. Quando fu ucciso indossava la camicia nera. Non per volontà propria, ma per decisione della famiglia che gli impose  di iscriversi come  volontario  per evitare che nostro fratello più giovane andasse in guerra. Ci fu un litigio in famiglia:  Paola, moglie di Gino, non voleva che il marito partisse ancora per la guerra. Aveva già fatto la campagna d’Africa ed avevano avuto la gioia di avere subito un figlio, Gigi».
  «Tutta la famiglia era sconvolta dal racconto sulle circostanze in cui mio fratello Gino perse la vita - racconta ancora Bruno, la cui testimonianza è stata letta in diretta radio,  durante il recente incontro,   dalla giovane attrice fidentina Gloriamarì Gorreri -. Morì in una situazione drammatica mentre cercava di tornare in patria dal confine greco-albanese. Fu circondato  quando si trovava in ritirata assieme ad altri concittadini: alcuni provarono a scappare con i camion ma lui, com’era suo dovere di mitragliere, coprì la loro fuga, una ritirata verso l’Italia. Gino fu colpito al collo e alla testa con una ferita mortale.  Era troppo  esperto per non capire che quella ferita gli avrebbe a breve tolto la vita. Gino, moribondo, con il volto insanguinato, allungò la mano verso gli amici in fuga gridando con la poca voce che ancora gli rimaneva voglio i sacramenti prima di morire:  ''non voglio morire così'', urlò. A quel punto, sulla camionetta che stava sfuggendo all’agguato, il sacerdote e concittadino don Domenico Cavanna, che stava fuggendo grazie al suo sacrificio, fece un gesto di altruismo che gli altri sul camion cercarono di impedire. Provarono ad  afferrarlo, cercarono di dissuaderlo, gli dissero che era inutile tentare di salvare Gino,  era ormai  spacciato, sarebbe stato un suicidio inutile. Ma don Cavanna saltò giù costringendo al camion a rallentare e  fece il suo dovere di sacerdote. Riuscì a confessare ed aiutare al trapasso Gino e tutti gli altri soldati feriti e moribondi. Alla fine venne a sua volta ferito mortalmente e  volutamente in segno di disprezzo verso il sua missione di sacerdote. Questo gesto eroico è rimasto non premiato e non riconosciuto fino ai nostri giorni. Nessuno, infatti, parlò mai più di questo sacerdote,  che io penso sia beato in paradiso».
Un gesto eroico, quello di don Cavanna,  che pochi fidentini conoscono. Una figura di borghigiano che meriterebbe di essere onorata affinchè resti impressa nella memoria dei concittadini. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • pattrizia 71

    10 Febbraio @ 09.02

    vigliacchi codardi!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

gossip

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Rissa con una lanciarazzi clandestina, arrestato 20enne tunisino

carabinieri

Arresto bis, dopo manco due mesi: 20enne tunisino è in via Burla

Protagonista di una rissa è stato trovato con lanciarazzi e droga. A dicembre aveva in casa 500grammi di hashish

1commento

carabinieri

Inseguimento a Vicofertile, recuperato bottino da 15mila euro Video

agenda

Weekend a Parma e in provincia: protagonista il Carnevale

polizia

Targa falsa per commettere furti: presi  Video

CRIMINALITA'

Razzia di tonno, liquori e caffè in un magazzino

2commenti

Il caso

Duc, si lavora per riaprirlo

2commenti

Collecchio

E' morto a 51 anni Massimiliano Ori

1commento

lega pro

D'Aversa: "Il Feralpi, una buona squadra: un attacco forte" Video

lega pro

A Salò sarà invasione crociata: sold-out la curva (Tutte le info)

E per chi resta a Parma, diretta su Tv Parma e live sul sito

viale mentana

Auto si ribalta e sbatte contro altre vetture: strage sfiorata Foto Video

Lutto

Franco Scarica, addio alla fisarmonica da Oscar

collecchio

Assemblea pubblica su situazione Copador, sabato 4 marzo

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

Ambiente

Attiva la nuova Ecostation di via Pertini nel parcheggio di via Traversetolo

Donatori

Elezioni Avis: Giancarlo Izzi «in pole»

1commento

AL CAMPUS

Elio e le Storie Tese in forma per l'Europa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

ITALIA/MONDO

Milano

Cade dal terrazzo del cinema, grave ragazza 14enne

FORT LAUDERDALE

"Musulmano?", figlio Mohammed Ali fermato in aeroporto

2commenti

WEEKEND

L'INDISCRETO

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

1commento

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Calciomercato

Ranieri: "Il mio sogno è morto"

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia