12°

Provincia-Emilia

Fidenza - Gestisce una casa famiglia: accusato di maltrattamenti. E' un ex Br

Fidenza - Gestisce una casa famiglia: accusato di maltrattamenti. E' un ex Br
9

Una comunità familiare che accoglie minori in difficoltà. Una «casa famiglia» dove bambini e adolescenti, allontanati da genitori giudicati inadeguati ad occuparsi di loro, dovrebbero ritrovare un ambiente sereno per ricostruire il loro equilibrio. Proprio in una di queste strutture, nata nel 2004 nella periferia di Fidenza, sarebbero avvenuti i fatti di cui è accusato Flavio Amico, che gestisce insieme alla moglie Margherita Fortisi la comunità legata all'associazione onlus «We are here - Noi siamo qui». Flavio Amico, nato a Caltanissetta nel '55, è imputato dei reati di maltrattamento di minori e abuso di mezzi di correzione in un processo in corso nel Tribunale di Parma sede distaccata di Fidenza. La denuncia, sporta da un educatore che all'epoca dei fatti lavorava nella struttura fidentina, si riferisce a due episodi, uno avvenuto nel 2008 e uno nel 2009, ai danni di due ragazzi allora ospiti dalla comunità gestita dai coniugi Amico. Le prossima udienza del processo, la quarta, è prevista per venerdì prossimo. Nel frattempo Flavio Amico continua a gestire la comunità familiare a Fidenza e inoltre lavora come educatore anche nella comunità educativa per minori Cà degli Angeli di Tabiano, aperta nel 2009 e recentemente trasferita all'interno di una struttura di accoglienza più ampia, Casa Viburno, nata lo scorso anno sempre per mano dell'associazione «Noi siamo qui», di cui la moglie di Amico, Emanuela Fortisi, è presidente. Ma ora si aggiunge un'altra notizia inquietante sulla figura di Flavio Amico: un passato da brigatista.

L'educatore di minori in difficoltà sarebbe infatti stato coinvolto nel sequestro Moro e per questo condannato a 18 anni di carcere per associazione sovversiva. Lo segnala in una lettera molto dettagliata (indirizzata, oltre che alla Gazzetta e al diretto interessato Flavio Amico, al Garante per l'infanzia, all'assessore regionale alle Politiche sociali, al presidente della Regione e al ministro Elsa Fornero) l'avvocato Francesco Miraglia, autore del libro sui diritti violati dell'infanzia «Mai più un bambino» e legale rappresentante dei genitori di un ragazzino ospitato nel 2010 nella comunità Cà degli Angeli di Tabiano. Nella lettera si afferma che «nel '78 Flavio Amico era stato arrestato insieme ad altri esponenti delle Brigate Rosse in via Montenevoso 8, a Milano, nella cosiddetta “prigione del popolo”. Al momento dell'arresto Amico si dichiarava “combattente comunista” e, in un'altra occasione, “prigioniero di guerra”. Risulta inoltre che per il suo coinvolgimento nel sequestro Moro Flavio Amico, appartenente alla colonna «Walter Alasia», che si autodefiniva “irriducibile”, fu condannato a 18 anni di carcere per associazione sovversiva».

«Dal '78 al '98 Flavio Amico risulta inoltre aver collezionato numerose condanne - continua la lettera - anche per reati contro la persona, e ora sta subendo un processo a Fidenza (Pr) dove figura imputato con l'accusa di maltrattamenti di minori». Dopo questa premessa, l'avvocato Miraglia si rivolge agli organi e agli enti preposti a vigilare sul buon funzionamento delle strutture di accoglienza per minori, dichiarando che «sia io che il mio assistito auspichiamo si tratti di un caso di omonimia. In caso contrario sarebbe gravissimo che un ex brigatista, oltre ad usufruire di fondi pubblici, si occupi, come educatore, di minori già provati da situazioni famigliari particolari».

Anche durante la presentazione del suo libro al Senato della Repubblica il 31 gennaio scorso, Miraglia aveva citato la singolare vicenda della comunità come caso emblematico del cattivo funzionamento degli enti controllori. La richiesta di fare chiarezza su questa complessa vicenda è approdata dunque anche sul tavolo del dottor Luigi Fadiga, Garante per l'infanzia e l'adolescenza, organo istituito nel 2011 presso la Regione Emilia Romagna con il compito di individuare e attivare tutte le competenze che riguardano i minori e che devono garantirne i diritti. Ed è quello che il dottor Fadiga si appresta a fare, come ci ha confermato al telefono, con l'apertura di un fascicolo sul caso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Tamy

    20 Febbraio @ 19.20

    Perche\' le persone si fermano al fatto che sia stato un brigatista? E tutto quello che viene dopo? Magari poi si e\' pentito, ha studiato, si e\' impegnato per diventare competente. E\' facile parlare e giudicare. \r\n\r\nPs: chi ha mai detto di voltare le spalle a questi bambini? Dare la possibilita\' di spiegare e\' reato? Sentire l\'altra campana non e\' sinonimo di archiviare il caso.

    Rispondi

  • cantarelli claudio

    15 Febbraio @ 10.59

    Il problema principale non è rappresentato dal fatto che \"il gestore\" sia o meno appartenuto alle Br, ma nel fatto che chi gli ha permesso l\' avvio della attività non abbia verificato le reali capacità dell\' individuo.\r\nAllo stesso modo i servizi sociali tanto solerti negli interventi, talora finiscono per commettere errori grossolani che ricadono sulle spalle di minori che già di loro vivono situazioni disagiate

    Rispondi

  • Navarre

    12 Febbraio @ 15.15

    La questione delle percosse è una questione in cui sia il minore che la struttura possono avere ragione o torto. Ci sarà un giudice che deciderà. E\' sulla questione del fatto che uno dei responsabili sia un ex brigatista che le cose non vanno. Per aprire una struttura di questo genere bisogna autocertificarsi come incensurati e senza la minima ombra di condanna subita in passato. So per certo queste cose perchè sono un educatore e so quello che viene richiesto per avviare strutture di questo tipo. L\'autocertificazione viene poi vagliata dalla commissione e dalla procura prima che venga dato il nullaosta. Qui lo sconcertante è che non si sia verificato prima chi erano le persone che andavano a guidare un contesto di questo tipo. Se l\'ex brigatista ha scontato la pena è sacrosanto che possa vivere libero in libero stato ma non può operare in questi campi estremamente delicati.

    Rispondi

  • internos

    11 Febbraio @ 11.16

    Quindi cari Francesca e Gustavo, di fronte a sospetti di maltrattamenti su minori dobbiamo girarci e non approfondire la questione? Archiviamo il caso pensando che si tratti solo di un meschino tentativo di estorsione da parte di genitori falliti? No, è assolutamente necessario andare fino in fondo per tutelare i bambini.\r\nE non fatene una questione ideologica.. sono convinto che se anziché un ex-br si fosse trattato di un ex-fascista vi sareste stracciate le vesti chiedendovi come mai in un paese civile si affidano bimbi a un delinquente..\r\n

    Rispondi

  • gustavo

    11 Febbraio @ 08.14

    Non posso che dare ragione a Francesca...tutto il resto è sana ipocrisia. si è detto che è un EX br, nel "78...e ha pagato per le sue scelte....mentre un'alta percentuale di deputati e senatori, nonchè presidenti ex presidenti del consiglio (Cossiga, Berlusconi....) sono sempre al loro posto impuniti...anzi premiati e legittimati, eppure loro la rivoluzione (capitalista) la fanno tutti i giorni e di morti sulle spalle ne hanno a migliaia altro che br....rispetto alle accuse di maltrattamenti è chiaro l'uso strumentale dei genitori che si vedono "allontanati" i figli perchè non in grado di esprimere una sana genitorialità e quindi rivolgono a terzi accuse analoghe per alle loro incompetenze per potersi sollevare dalle loro responsabilità.... Il guaio di tutta l'ipocrisia che emerge dalla discussione delle varie notizie giornalistiche e televisive, è che qualcuno vi ha spento le menti e ragionate di pancia...più o meno come quando andate a votare....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

«Leone di Lernia, non mollare»

E' grave

«Leone di Lernia, non mollare»

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Carnevale della Pappa

LA PEPPA

Ricette in video: Nodini dell'amore per carnevale Video

di Paola Guatelli

Lealtrenotizie

Via Venezia, pensionata scippata

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

Finto tecnico

Ancora un'anziana truffata

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

Vandalismi

Si sveglia e trova l'auto devastata

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Associazioni

Arci Golese, la casa comune di Baganzola

Estorsione

Chiede soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

5commenti

Il fatto del giorno

L'ultima verità sulla legionella

2commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

4commenti

Giustizia

Tar in via di estinzione? I ricorsi calano del 20% all'anno Video

Intervista: Sergio Conti, presidente del Tar di Parma, fa il punto nel giorno dell'apertura dell'anno giudiziario

3commenti

Marche

Due parmigiane fra le macerie per salvare le opere d'arte: "Situazione inimmaginabile"

PARMA

Si fa prestare lo scooter e scippa tre anziane: arrestato giovane indiano

Una delle vittime, cadendo, è finita al Maggiore con il bacino fratturato e oltre un mese di prognosi

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Discoteca offre 100 euro alle donne senza slip, è polemica

tv

Rai: anche per gli artisti arriva il tetto degli stipendi

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

Europa League

Harakiri Fiorentina: il Borussia vince 4-2 e passa il turno

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

SALONE

Ginevra, 126 anteprime La guida