Provincia-Emilia

Fidenza: una rete per combattere la prostituzione

Fidenza: una rete per combattere la prostituzione
Ricevi gratis le news
0

 Grazie ad una convenzione stipulata tra il Comune di Fidenza, la Provincia di Parma, l’Azienda Usl e l’Associazione Centro Antiviolenza di Parma, riparte il “Progetto Emilia”, inserito nella rete “Oltre la strada” della Regione Emilia Romagna e finalizzato al contrasto del fenomeno della prostituzione e della tratta.

"PROMUOVERE LA SICUREZZA SOCIALE" - Il progetto, che interessa l’intero Distretto di Fidenza, è stato presentato stamani nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il sindaco Giuseppe Cerri, l’assessore provinciale ai Servizi sociali e Sanitari, Tiziana Mozzoni, il presidente dell’Associazione Centro Antiviolenza di Parma, Sara Ambrosoli, il direttore del Distretto socio-sanitario di Fidenza, Maria Rosa Salati. Gli obiettivi del Progetto Emilia sono: prevenire i rischi sanitari connessi alla diffusione di malattie a trasmissione sessuale, prevenire e ridurre tensioni sociali sul territorio, promuovere la sicurezza sociale, aiutare le vittime di fenomeni criminali quale la tratta di persone. Il progetto è destinato alle persone che si prostituiscono lungo la via Emilia nel tratto di strada che va da Rimale a Ponte Taro nel territorio del Distretto di Fidenza.

UN'UNITA' DI STRADA PER INFORMARE LE PROSTITUTE - La Provincia svolge funzione di coordinamento tra i diversi soggetti impegnati nel progetto. Il coordinamento è strutturato su 2 livelli: politico-istituzionale e tecnico-operativo. «Questo progetto, che riparte in forma rivisitata, crea le condizioni per prendere contatti, conoscere ed informare le prostitute attraverso un’unità mobile di strada – ha spiegato l’assessore provinciale ai Servizi sociali e Sanitari, Tiziana Mozzoni - Il progetto opera non solo nella logica della riduzione del danno, ma anche come strategia prioritaria per la costruzione di contatti e relazioni con il target, nonché per la creazione delle condizioni necessarie all’avvio di un eventuale percorso di protezione sociale. Teniamo presente che molte di queste donne non si prostituiscono per libera scelta».

LA COLLABORAZIONE CON IL CENTRO ANTIVIOLENZA E CON L'AUSL - L’unità di strada è dotata di un apposito automezzo per le uscite messo a disposizione dal Comune di Fidenza ed offre, oltre alla possibilità di un piccolo ristoro, materiale informativo e di profilassi sanitaria alle donne contattate. Al Punto di Ascolto distrettuale per le donne vittime di violenza di Fidenza, gli operatori dell’unità di strada tengono colloqui d’aiuto ed informativi e organizzano i percorsi ai servizi sanitari e sociali. «Fidenza continua il proficuo rapporto di collaborazione con il Centro Antiviolenza di Parma, con il quale abbiamo già attivato uno sportello per le donne vittime di violenza. Il Progetto Emilia ci consente di monitorare il fenomeno della prostituzione e di intervenire sulle implicazioni sociali che comporta, soprattutto per quello che riguarda la prevenzione sanitaria. E’ uno strumento che ci permette di interagire e di aiutare donne che spesso sono vittime della tratta», ha detto il sindaco Giuseppe Cerri. Uno degli aspetti più rilevanti del Progetto Emilia sono proprio la prevenzione e l’informazione sanitaria. L’Azienda Usl di Parma individua operatori sanitari presso un consultorio e un presidio ospedaliero del Distretto per le prestazioni sanitarie richieste e necessarie alla tutela della salute. «Il ruolo dell’Azienda Usl all’interno di questo progetto è quello di mettere a disposizione di queste donne una facilitazione all’accesso delle prestazioni sanitarie. La prevenzione sanitaria è fondamentale perché incide direttamente sulla salute pubblica», ha detto la direttrice del Distretto socio-sanitario di Fidenza, Maria Rosa Salati. Soggetto attuatore del progetto è l’Associazione Centro Antiviolenza di Parma, cha vanta una lunga esperienza nell’assistenza alle donne in difficoltà o vittime di violenza. «In questo modo possiamo essere un ponte tra la strada e i servizi socio-sanitari. Aiutiamo queste donne a uscire dalla tratta, forniamo loro informazioni e le guidiamo nella prevenzione sanitaria», ha spiegato il presidente dell’Associazione Centro Antiviolenza di Parma, Sara Ambrosoli.

Il Progetto Emilia è stato attivato il 17 novembre e si concluderà il 30 settembre 2009. Il Piano finanziario prevede il cofinanziamento tra diversi enti per un totale progettuale del valore di 60.110 euro. La Regione Emilia Romagna impegna 18.000 euro, il Comune di Fidenza 9.760 euro, la Provincia di Parma 20.000 euro, l’Azienda Usl 9.850 euro e l’Associazione Centro Antiviolenza 2.500 euro. La spesa comprende i costi relativi all’Unità di strada, i costi generali e di personale degli enti coinvolti, i mezzi di trasporto.
I risultati ottenuti dal Progetto Emilia nel periodo dal 1 luglio 2007 al 30 aprile 2008, attraverso l’attività delle unità mobili di strada, ha registrato: 109 contatti, 40 uscite e, mediamente, 12 accompagnamenti a quadrimestre.

Nella foto: da sx, Maria Rosa Salati, Giuseppe Cerri, Sara Ambrosoli, Marco Antonioli, Tiziana Mozzoni

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

L'Enza fuori dagli argini a Lentigione.  Evacuazione in golena a Casaltone. Colorno, chiusi ponte, piazza e scuole

PIENA

L'Enza fuori dagli argini a Lentigione. Evacuazione in golena a Casaltone. Colorno, chiusi ponte, piazza e scuole

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

IL CASO

Collecchio dichiara guerra al gioco d'azzardo

LUTTO

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

allarme maltempo

L'Enza e il Taro fanno paura: vertice notturno. Sorbolo, ponte chiuso fino a domani (Paura a Vignale: il video)

5commenti

Incidenti

Corcagnano e via Spezia: due pedoni investiti, sono in gravi condizioni Video

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

MALTEMPO

Ghiaccio (le foto) e black-out, Lucchi: "Berceto in ginocchio" Video: il Baganza fa paura

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

UNIVERSITA'

Smart Production Lab 4.0 al servizio del futuro

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

COREA DEL NORD

Pyongyang prepara la guerra batteriologica?

manhattan

Esplosione a New York: "Bombardano il mio Paese (Bangladesh) volevo vendetta" Mappa - Foto - Il momento dell'esplosione

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS