-6°

Provincia-Emilia

Una carovana di "tavole"

Una carovana di "tavole"
0

Stefano Rotta
Aria di vetro, stelle, bombardini. A Schia rimangono solo uomini veri, passata la mezzanotte, sulla neve. Uomini e tavole, in una sorta di gioco serio, dove adrenalina, natura, divertimento e umanità si fondono nel silenzio totale. Una cinquantina di «superamici», come si chiamano fra loro, una «costola dello Sci Club Cariparma», e tante capriole, voli, immagini: sono i Caio Riders. Francesco Orsi, classe 1984, fra i fondatori, ricorda i tempi mitici di quando ci si trovava in quattro gatti. Ora è una festa: luci, musica, voli per aria e voli in terra. «A 15 anni ho mollato lo sci per lo snow. Ai tempi in cui non ci lasciavano saltare, ci chiamavano tavolari», riavvolge il rullino. Nel park, sul Caio, quindi Parkaio, si esibiscono, divertendosi, piacevolmente scontrandosi, Marco Tarasconi, Niccolò Giuberti, Maicol Perego, Cesare Tarasconi, Matteo Brianzi, Nicoló Giuberti, Michelangelo Tarditi, Daniele Ficicchia, Nicola Bonini, Marco Schianchi, Luca Simonini. E tanti, tanti altri. Daniel Bocchi, fra i fondatori, sorseggiando un’ottima birra ghiacciata (non servono freezer, benvenuti in Appennino), parla con orgoglio di «struttura di livello, molto comoda per la città». Poi, molto volentieri, ricorda di quando «eravamo tre pazzi scatenati, adesso siamo una settantina». I nomi? «Alex Pellegrino, Alberto Menzani e io». Come siete partiti? «Ci rincorrevano con le pale, trattandoci come banditi, dicevano che rovinavamo le piste. C’erano anche Tiziano Bozzuffi e Walter Comelli, fra i «primordiali»». Poi lo snow è diventato una moda, non solo una moda, ma sicuramente ben più trendy di quando era una novità per pionieri. Prima sulle Alpi, ben dopo sugli Appennini. Dove questi ragazzi, i mitologici Caio Riders, sono partiti «da tre balloni di fieno», e ora costituiscono un punto di riferimento. Anche politico, per quanto riguarda la disciplina. Sì, perché Daniel Bocchi è responsabile all’interno della commissione regionale Fisi, per snowboard e free style; la sede a Bologna, là si prendono le decisioni per quanto riguarda le iniziative. Bozzuffi è invece uno degli otto consiglieri dell’organo. Confida Bocchi: «Alla prima apertura serale, nel vedere tutta quella gente mi è venuta la pelle d’oca. La passione che ci abbiamo messo, gratis, è ripagata ogni giorno dai ragazzi che ci caricano, si complimentano e ci danno consigli su come migliorare ulteriormente. Poi c'è anche qualche hater (invidia, gelosia, ignoranza), ma il bello è che non li abbiamo mai considerati e siamo sempre andati avanti con testardaggine e caparbietà, la ricetta si è rivelata vincente, noi ogni anno siamo di più e loro sono destinati ad estinguersi». Prosegue: «Abbiamo il gatto con operatore a nostra disposizione, portiamo un bel giro di gente e perciò siamo visti come una carovana festosa, a volte un po’ casinista, ma che rende anche per gli operatori di Schia: ristoranti e bar (non siamo proprio astemi...), alberghi e residence». Alberto Menzani, classe 1975, di Tizzano, raccontando i pregi della struttura, aperta a tutti, auspica arrivi «un maestro locale che tiri su una squadretta. Ci vorrebbe un po’ di formazione per i bambini, come avviene con gli sci club». Francesco Orsi, che di anni ne ha invece 28, sempre di Tizzano, racconta di gare «molto punk», ricorda l’epoca d’oro dei balloni di fieno, s’illumina spiegando come si tira avanti, «autofinanziandosi con tessere e magliette». Dentro si beve qualcosa di caldo, o di forte: fuori si salta, i ragazzi se la cavano, eccome. Numeri di sport e leggiadria. Aggiunge Orsi che sulle Alpi «sono un po’ più precisi (nel senso di chic, ndr), qui siamo ancora vecchio stile. E va bene così. Come una volta. Spirito genuino, montanaro. Quando non c’è il manto di neve, si lavora duro per movimentare la terra, creando i salti. E poi tutte le strutture per illuminare, i generatori, insomma: «un lavoro cane». Tutto per una lunga scia, anzi, Schia di successi. Una festa continua sulla neve. Continua finché il vento di mare non decide di portarsela con sé. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Il ritratto

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

VIABILITA'

Cascinapiano, i residenti: "Chieste strisce pedonali e più luci: inascoltati"

2commenti

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: un ferito grave

tribunale

Molestò operaia durante la campagna del pomodoro: condannato caporeparto

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

1commento

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

DOPPIO ENRICO VIII

Sorpresa al Regio: Spotti recita "muto", Zanellato canta

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

1commento

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

gazzareporter

Piazzale Borri, quelle dichiarazioni di (zero) amore...

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali Foto

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

1commento

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

maltempo

Tra terremoto e neve: il Centro Italia in ginocchio

mafia del brenta

Sequestrato il "tesoro" di Felice Maniero

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video