-1°

Provincia-Emilia

Il dentista Bettini: "Ho rischiato di morire Gli amici mi hanno salvato la vita"

Il dentista Bettini: "Ho rischiato di morire Gli amici mi hanno salvato la vita"
Ricevi gratis le news
1

Gianluigi Negri  

Se me la raccontassero, penserei più a una favola che a qualcosa di realmente accaduto. Avendola però vissuta in prima persona, devo per forza crederci». 
C’entra la fortuna, ma c’entrano anche e soprattutto il calore e la vicinanza degli amici, nella «favola» di Giuliano Bettini.
 Lo stimato medico dentista fidentino poco prima di Natale ha rischiato di morire, da solo, nella propria abitazione, per colpa di quella che in seguito avrebbe scoperto essere un’infezione alla colonna vertebrale. 
Solo la determinazione degli amici, e la loro insistenza nel costringerlo a un ricovero «forzato», gli hanno permesso ora di rientrare a casa e di guardare avanti.
Il 7 dicembre scorso Bettini, verso l’ora di cena, si reca in bagno. Fino a quel momento stava benissimo. Aveva appena visto un film di Woody Allen: «All’improvviso vengo ''trafitto'' da attacchi di freddo, un freddo che sapeva di morte: non avevo più il controllo del corpo a causa dei tremori. Poi, dopo due o tre minuti, tutto passa. Per precauzione mi metto a letto e lì inizio ad avere un mal di schiena atroce che mi impedisce di muovermi: ho attraversato un periodo di otto giorni e otto notti in cui non mi sono alimentato, disidratandomi quasi completamente poiché riuscivo a bere solo mezzo bicchiere d’acqua al giorno».
Fino a quando un amico di vecchia data, «Ciccio» Rastelli, si è presentato da lui, accompagnato da due carabinieri, e lo ha obbligato a farsi ricoverare all’ospedale di Vaio.
 Solo in seguito, trasferitosi a Parma, al Maggiore, Bettini ha scoperto di aver contratto una spondilodiscite, infezione che, dalla colonna vertebrale, si era estesa al resto del corpo.
 In quei giorni non ha nemmeno pensato di chiamare il 118: «Mi trovavo in una sorta di limbo: non stavo né bene né male. Non sentivo neppure la necessità di alimentarmi. Senza rendermene conto, le mie capacità mentali erano compromesse: ero entrato in uno stato che in medicina si definisce ''ottundimento del sensorio''. Siccome prima mi sentivo benissimo, non ho avuto la prontezza di reagire». 
Single e senza più i genitori, Bettini durante quelle lunghe ore di «trance» a malapena riusciva a raggiungere la cucina per bere o il telefono per rispondere agli amici che lo cercavano: «Ero in uno stato di quasi obnubilamento. A pensarci adesso, quando sono arrivati i carabinieri insieme a Rastelli è sembrato più un arresto che un ricovero». 
Oggi lo racconta con un sorriso, ma Bettini sa che, per lui, questo è stato un vero miracolo di Natale: «Portandomi all’ospedale mi hanno salvato la vita». Una volta trasferito a Parma, lo hanno seguito con scrupolo e attenzione i dottori Calzetti e Pizzaferri. Al Maggiore è rimasto un mese intero senza potersi muovere, poi è stato dimesso il 14 febbraio. Sia a Vaio che a Parma gli amici gli hanno mostrato un affetto sorprendente: «A Vaio, quando non ero ancora in me, volevano addirittura organizzarmi la cena di Natale in ospedale.  A Parma, invece, tutti i giorni mi sono venuti a trovare, oltre a Rastelli, Beppe Rota, Stefano Galli e Antonella Tozzi». 
Fra pochi mesi Bettini compirà 60 anni: «Questa favola a lieto fine segna una svolta nella mia vita. A questi amici devo davvero tanto».   
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fontana Armando

    27 Aprile @ 02.06

    Signor dentista Bettini, anch'io nel giugno 2012 sono stato colpito dal tuo stesso problema. Dopo un leggero stato febrile, a cui non avevo dato peso, quasi improvvisamente ho avvertito un fortissimo mal di schiena che mi ha inchiodato a letto. Dopo tre giorni mi sono sottoposto ad una risonanza magnetica che ha rivelato una spondilodiscite a livello lombare. Trasportato d' urgenza in ospedale, sono stato ricoverato nel reparto infettivi, sotto le cure dei dottori Calzetti e Pizzaferri e della loro equipe. A seguito di ulteriori analisi mi e' stata diagnosticata una infezione (virus gordonii). La mia permanenza in ospedale e' durata un mese. Un mese senza mai potermi alzare per il male fortissimo che mi impediva qualsiasi movimento. Dopo tre settimane di antibiotici in vena, ho proseguito con quelli via orale. Nel mentre con l' aiuto di un busto e di un fisioterapista, ho iniziato un mini corso di rialibitazione. Finalmente le tanto sospirate dimissioni ospedaliere. Altri due mesi di letto a casa, continuando la terapia di antibiotici e corso di recupero muscolare con esercizi e, piccole passeggiate casalinghe con l'aiuto di andarino. A distanza di quasi un anno le cose vanno molto meglio, anche se non posso dire di aver recuperato al 100%, avverto ancora un po' di dolore che comunque non mi impedisce di fare quasi tutto. Mi sottopongo ogni quattro mesi a risonanza che ogni volta registra un piccolo miglioramento. Spero che un giorno questa mia parentesi di vita sia solo un brutto ricordo. Tanti auguri. Collecchio 27/4/2013. Fontana Armando.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

LUDOPATIA

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto di Nicola Riccò

calcio

Parma a caccia dei gol

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

FONTEVIVO

Furto di gasolio: romeno sorpreso e arrestato

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5