11°

22°

Provincia-Emilia

Centrali a biomasse nel Langhiranese? Il Comune stoppa ogni iniziativa

Centrali a biomasse nel Langhiranese? Il Comune stoppa ogni iniziativa
Ricevi gratis le news
2

(c.c.) La tempesta si è scatenata su facebook: "Il Comune di Langhirano ha dato il permesso per una centrale a biomasse a Cozzano". A placare le acqua agitate ci ha pensato - sempre su social network, nella pagina istituzionale - l'assessore all'urbanistica e all'ambiente Marco Contini: "Ho letto tantissime cose non solo inesatte ma assolutamente false - racconta -. Bisognava fare chiarezza". Ed ecco il messaggio integrale dell'assessore: "Vorrei cercare di fornire alcuni dati certi sull’argomento dell’impianto di cogenerazione di Cozzano.
Innanzitutto l’amministrazione comunale di Langhirano non ha mai approvato alcun progetto riguardante una centrale di combustione a Cozzano, questo per togliere qualsiasi dubbio in proposito. Il progetto di un impianto di colatura e cogenerazione, è stato presentato da privati in modo del tutto legittimo all’amministrazione comunale che ha iniziato, come la legge prevede, la procedura amministrativa per le verifiche di compatibilità urbanistica, paesaggistica, igienico sanitaria, e ambientale. Il che non vuol dire approvare un progetto.
Considerata la materia del tutto nuova per le nostre amministrazioni si è valutato attentamente la procedura cercando di comprendere quali i rischi di tipo ambientale e sociale questa attività potesse avere.
Non avendo il comune alcuna competenza in materia igienico sanitario e di controllo delle emissioni nocive, deve raccogliere il parere di altri enti (Ausl, Arpa) confrontandosi con questi al fine di una soluzione che tuteli l’interesse pubblico e la salute dei cittadini.
Nel frattempo all’interno della giunta e degli uffici tecnici abbiamo avuto un confronto approfondito sul tema concordando l’opportunità di sospendere questa iniziativa non solo per i possibili rischi sulla salute, ma anche per valutare le conseguenze su un territorio a vocazione agroalimentare e turistica.
Questo confronto ha portato l’amministrazione a proporre al consiglio comunale del 18 marzo una variante al Rue in cui questo tipo di attività non sono consentite all’interno del nostro territorio almeno fino a quando non sarà predisposto un piano apposito sugli impianti di produzione di energia che dimostri la sostenibilità degli interventi.
Non è mia intenzione fare polemica di alcun genere ma semplicemente raccontare i fatti per quello che sono onde evitare esagerazioni o un uso del tutto personalistico degli avvenimenti il cui scopo è evidente.
Personalmente sono dell’idea che un buon amministratore debba ragionare con la testa, a volte con il cuore ma mai con la pancia ed è quello che è stato fatto in questo caso, nei modi consentiti dalle leggi, dai regolamenti vigenti e con l’obiettivo di tutelare il nostro territorio".
 

Al di là di facebook, Contini vuole essere ancora più chiaro: "I due salumifici che hanno chiesto l'autorizzazione a realizzare questo impianto in un'area dismessa l'hanno fatto assolutamente in modo legittimo e la compatibilità urbanistica c'era. Il problema è che siamo di fronte a questioni nuove, per la nostra Amministrazione come per tutte le altre, che richiedono studio e informazioni. Con la variante al Rue proponiamo di fermare queste centrali in zone produttive e rimandiamo la discussione e la valutazione al Piano per l'energia di cui dobbiamo dotarci e che riguarda tutte le fonti energhetiche alternative. Nel frattempo abbiamo già cominciato a valutare esperienze realizzate altrove e a valutare alcuni studi."

Sulla questione langhiranese è intervenuto anche il Gcr: "Un'altra richiesta di centrale a biomassa nella food valley. Ci chiediamo, i consorzi di tutela dei famosi marchi delle nostre terre sono ciechi o sono sordi? Non sono “a tutela” dei prodotti di eccellenza del made in Italy e del made in Parma?". 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • simona

    17 Marzo @ 21.25

    Al Poggio di Sant'Ilario Baganza, comune di Felino, lo stanno già costruendo un impianto del genere....e in pieno centro abitato. Come dice l'Assessore Contini, un buon amministratore deve ragionare con la testa con il cuore e mai con la pancia.....ciò che ha fatto esattamente il nostro comune.....ma il sindaco dice che dorme sonni tranquilli...beata lei. Noi cittadini, e abitanti di questa zona, non dormiamo più per la preoccupazione; questi impianti inquinano e noi dovremo respirare a pieni polmoni!

    Rispondi

  • Uash

    16 Marzo @ 17.20

    E' evidente che la rete è il luogo delle balle. Non a caso vi proliferano grillini e GCR.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Calcio

Parma, cambia il modulo?

BEDONIA

Telecamera a caccia di meteoriti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

SCUOLA

Più di 1.100 supplenti in cattedra

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto