10°

22°

Provincia-Emilia

Unioni di Comuni: la Regione divide il Parmense in 5 ambiti

Unioni di Comuni: la Regione divide il Parmense in 5 ambiti
Ricevi gratis le news
3

Chiara Cacciani
Il puzzle del Parmense è stato composto. Titolo: le Unioni di Comuni. Pezzi: cinque. Cinque come gli ambiti definiti - senza possibilità di tornare sui propri passi -  lunedì sera dalla Regione in tema di riordino territoriale. E i risvolti sono notevoli. 
A partire dal concetto cristallizzato che chi esce (o resta fuori: perchè ci sono anche casi di addii già consumati) non riceverà un euro di finanziamento da Bologna. Un incentivo   psico-finanziario a fare  economie di scala su cui dovranno riflettere dalla Bassa all'Appennino: dai battaglieri Berceto, Corniglio e Torrile ai già transfughi Medesano  e Sissa.     
 Le cinque aree - Gli ambiti ottimali sono stati individuati nelle Terre Verdiane (Sissa di nuovo inclusa), nell'Unione  Bassa Est comprensiva di Torrile, nel quintetto dell'Unione Pedemontana, negli otto Comuni della Comunità montana Est, e nella Comunità montana ovest in formazione a sedici. Con Berceto, dunque, e anche con Medesano. Di fatto sono gli ambiti dei distretti sanitari del parmense.
 Bocciature eccellenti -Poche regole (principali) ma chiare. Le Unioni di Comuni sono possibili solo all'interno di questi ambiti, ed una sola per macroarea. Questo significa, nel concreto, bocciature eccellenti. La prima a tornare nell'ombra dopo aver intravisto la luce è la proposta di delibera presentata da Langhirano per unirsi ai soli Lesignano e Calestano. Così come non potrà avere futuro l'ipotesi di alleanza tra Fornovo, Medesano e Solignano, già approvata dai rispettivi consigli comunali.

Tu esci, io non pago - La palla passa poi a quegli enti che volevano ballare da soli: Berceto, che a tema ha anche organizzato il referendum comunale; Corniglio, che ha ribadito più volte di non voler essere legato ai colleghi della Comunità Est; Torrile, che ha sempre rifiutato l'ipotesi unione. Su queste ipotesi la Regione è «sibillina»: liberi di uscire, per carità, ma rinunciando di fatto ai finanziamenti regionali. E qualcuno a questo punto potrebbe ripensarci e rinunciare a un po' di durezza e purezza.

Fusioni, missione possibile  -Non c'è invece un limite alle fusioni di Comuni all'interno delle Unioni. E questo perchè le fusioni produrrebbero risparmi ma anche più garanzia di servizi. Attualmente la fusione in fase più avanzata è quella tra Sissa e Trecasali, mentre sono state ventilate più o meno recentemente quelle tra Polesine e Zibello e tra Monchio e Palanzano.

Le matasse Sissa e Medesano Uno dei casi più curiosi è a questo punto quello di Sissa: la fusione con Trecasali è a quasi un passo dall'essere realtà, ma Sissa nel gennaio 2012 ha deciso l'uscita dalle Terre Verdiane. E ora dovrebbe rientrare. Anche Medesano aveva dato addio alla Comunità montana Ovest e progettava un futuro a tre. Ma ora le decisioni prese a Bologna potrebbero farla rientrare nella casa a 16 alloggi. Anche perchè alle Unioni di Comuni sarebbero destinate in futuro le competenze ora in capo alle Province e difficilmente un Comune- chiave come Medesano vorrà rinunciare ad avere un ruolo importante nella sua area

 Il caso Langhirano-Lesignano - Non rientrerà solo l'ipotesi di Unione Langhirano-Lesignanio-Calestano, ma bisognerà rimediare anche su un fronte già attivo: la gestione delle polizia municipale in forma associata tra Langhirano e Lesignano. Il gemellaggio tra divise è stato inaugurato due anni fa e ha ricevuto il finanziamento della Regione. Ma ora la direttiva regionale indica una gestione a associata a 8 (o a 7, in assenza di Corniglio), pena una «multa» consistente. il mancato arrivo della terza annualità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Dany Ghiro

    20 Marzo @ 19.06

    Come ha gia\' scritto qualcuno, si impone dall\"\' \"Alto\" (dove ci sono le ruberie piu\' grosse:-( un preteso risparmio alle realta\' locali, eliminando Comuni e Province, che ci sono da che Mondo e\' Mondo( i sindaci dei comuni montani conoscono i loro concittadini e le rispettive esigenze, Errani non sa neanche dov\'e\' Bedonia, figurarsi Tornolo o Sissa:-( , e lasciando le Regioni, quelle si luoghi di grossi mali affari...e le regioni sono state costituite nel 1947, mentre i Comuni ci sono dal Medio Evo e le Province dal 1859!!!\r\nQuella dei risparmi e\' una \"balla gigantesca\", che eliminino prima le Regioni! Si e no in montagna si vede il Berna;-), figurarsi Errani,... e si che ce ne sono di emergenze frane, viabilita\' ed inquinamenti!!! Ma roba da matti:un povero vecchio di Tornolo, o peggio, di S.ta Maria sul Taro,, senza patente e con pensione al minimo(se va bene:-(, dovrebbe andare a Borgotaro, per una qualsiasi pratica in Comune???

    Rispondi

  • Tommaso

    20 Marzo @ 15.51

    Viviamo di slogan e luoghi comuni. Il Movimento 5 stelle ha fatto la sua fortuna prendendo a mazzate il sistema politico indicandolo come l'unico male del paese.Posso concordare che a Roma si concentri il nucleo del marcio ,con politici, portaborse , codazzo di parassiti ( ma allora mettiamoci anche frotte di giornalisti che albergano 24 ore su 24 davanti alle sedi dei partiti e delle istituzioni ) . E cosa succede alla fine ? A memoria , è da tempo , già vent'anni fa con la Lega , che si dicono queste cose , ma tutto è rimasto immutato , mentre invece si va a toccare e fare risparmio sulle piccole realtà locali , casomai in territori montuosi dove accorpare comuni significa disagio nel vero senso della parola a danno dei cittadini , sia utenti che dipendenti del comune. Mi sembra come la perfida mossa del vecchio governo Monti appena insediato , primo provvedimento , a caldo e col consenso dell'opinione pubblica , riforma delle pensioni , tutte le altre riforme sono ancora lì da fare. Alla fine chi ci rimette sono sempre i più deboli.

    Rispondi

  • Daniele Tanzi

    20 Marzo @ 11.08

    Immagino che queste misure, forse inevitabili, vogliano dire (tra l'altro) esuberi di personale. Quindi, aumento della disoccupazione. Mala tempora currunt.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Oscar: è A ciambra il candidato italiano

cinema

E' "A ciambra" il candidato italiano agli Oscar

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter dalla pornostar

storie di ex

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter da una pornostar

Primo evento ufficiale per il principe Harry e la fidanzata

gossip reale

Primo evento ufficiale per il principe Harry e la fidanzata Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

incidente ambulanza

PARMA

Moletolo e Botteghino: due investiti in poche ore

Scontro auto-bici a Botteghino: un ferito. Davanti alla Overmach, dirigente dell'azienda investito da un'auto

Allarme

Tetti in eternit nell'ex fornace di Felegara: la paura dei cittadini

1commento

Furto

Ennesimo raid al centro diurno Fiordaliso

CROCETTA

Scontro in via Emilia Ovest

PARMA

Foto in vendita a Mercanteinfiera per aiutare Giocamico Video

Francesca Bocchia spiega i dettagli dell'iniziativa al padiglione 4 della fiera

boretto

La sorella di Bebe Brown: «Ancora troppi misteri sulla sua morte»

Sabato 7 ottobre il funerale

FIDENZA

Uova contro le vetrine dei negozi

CANTIERI

Tangenziale Sud di Fidenza: iniziati i lavori

COLORNO

Ponte inagibile e treni insufficienti

1commento

L'INTERVISTA

Tajani: «Candidarmi? No, il mio posto è a Bruxelles»

Volontariato

Assistenza pubblica, numeri da record

UPI

Giovanni Baroni è nuovo presidente
della Piccola Industria di Confindustria Emilia-Romagna

FACCIA A FACCIA

Ateneo al voto, candidati a confronto

CARABINIERI

Entrano i ladri, donna finge di dormire per paura di violenze: arrestato 32enne di Sorbolo Video

Arrestato a Reggio Emilia un albanese che abita nel paese della Bassa. I due complici sono riusciti a fuggire

4commenti

COLLECCHIO

Gli agenti fermano un camionista ubriaco e scoprono una storia di sfruttamento 

Un 48enne romeno è stato multato e gli è stata ritirata la patente. Lavora in condizioni molto dure e per pochi soldi per un'agenzia intestata a un italiano

5commenti

Tuttaparma

Portinerie e portinai di un tempo

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La piccola vittoria di una grande Merkel

di Paolo Ferrandi

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

'Ndrangheta, maxi-operazione in Lombardia: anche un sindaco fra i 27 arrestati

PIACENZA

Colpita da un ramo tagliato dal marito: muore una 70enne

SPORT

serie B

Verso la Salernitana: il Parma già al lavoro a Collecchio Video

1commento

RUGBY

Zebre nella storia: prima squadra italiana a vincere in Sudafrica Le foto

SOCIETA'

Fisco

Spesometro: una settimana di proroga

russia

Fermata una coppia di cannibali: resti umani nel frigo

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery