22°

Provincia-Emilia

Reggio Emilia: 57enne di San Polo d'Enza sequestra un dirigente dell'Acer

Reggio Emilia: 57enne di San Polo d'Enza sequestra un dirigente dell'Acer
3

Tensione e paura attorno alle 8,15 a Reggio Emilia, dove un uomo armato di coltello ha raggiunto gli uffici dell’Acer (Azienda Case Emilia-Romagna) di via Costituzione e ha sequestrato il dirigente dell'area gestioneale Mauro Bonacini barricandosi in un ufficio, al piano terra. Sono intervenuti i carabinieri del Nucleo Radiomobile e del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale, coordinati dal comandate provinciale, colonnello Paolo Zito. I militari sono riusciti a disarmare l'esagitato. Il direttore non è ferito. L’epilogo poco prima delle nove. L'aggressore è stato arrestato dopo una colluttazione con i militari, che lo hanno disarmato. Si tratta di Roberto Allodi, 57enne di San Polo d'Enza. Aveva con sé un coltello di circa 30 centimetri.
La sede dell’Acer è a nemmeno 500 metri da il liceo scientifico Aldo Moro.

Il 57enne è entrato come un normale cliente e si è fatto consegnare il ticket per farsi ricevere dal direttore dell'area gestionale e risolvere alcune pendenze che pensava di avere in sospeso con l'agenzia (l’aumento del canone d’affitto a causa della mancata presentazione Isee). Una volta nell'ufficio del direttore, l'uomo non ha perso tempo e dopo qualche scambio di battute si è scagliato verso di lui, estraendo un coltello da cucina lungo 30 centimetri. Il dirigente ha cercato di fuggire ma l'aggressore lo ha bloccato e lo ha tenuto in ostaggio assieme a un impiegato dell’Acer intervenuto nel frattempo.

Sul posto sono accorsi i carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Reggio Emilia, seguiti dai colleghi del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale, mentre dalla centrale operativa il colonnello Paolo Zito ha coordinato le operazioni. I militari hanno iniziato una delicata trattativa con l’uomo, invitandolo più volte, senza esito, a posare l’arma a terra, rassicurandolo circa il buon esito del problema. Visto che l’uomo non desisteva e che anzi ha continuato a puntare il coltello agli impiegati, i militari sono riusciti ad avvicinarlo e dopo una concitata e pericolosa colluttazione lo hanno disarmato.
Portato in caserma, Allodi è stato arrestato con le accuse di sequestro di persona, resistenza a pubblico ufficiale, porto abusivo d’arma e minaccia aggravata. Il pm Valentina Salvi conduce l’inchiesta.

UN'ORA DI GRANDE PAURA. E' stata un'ora di grande paura. Allodi è arrivato alle 8: con fare tranquillo ha atteso il suo turno per parlare con il dirigente di un problema che riguarda il pagamento dell'affitto; un problema di cui, tra l'altro, sembra avesse già discusso con gli uffici in passato. Quando il dirigente si è visto puntare addosso un coltello da cucina, ha urlato e ha cercato di fuggire dall'ufficio. Ha attirato così l'attenzione degli altri impiegati, uno dei quali si è avvicinato per cercare di calmare l'aggressore.

IL PRESIDENTE ACER ESPRIME SOLIDARIETA' AL DIRETTORE E ALL'IMPIEGATO PRESI IN OSTAGGIO: "IL LAVORO DI ACER E' ORMAI UNA TRINCEA". «Esprimo tutta la solidarietà del Consiglio di Amministrazione al nostro Direttore di Area Gestionale, dott. Mauro Bonacini, al nostro signor Mario Puglia, addetto alla Gestione del Patrimonio, e a tutti i Lavoratori dell’Azienda per essere riusciti ad affrontare con lucidità e determinazione l’evento drammatico che si è verificato oggi nella sede direzionale di Acer Reggio Emilia - dichiara il presidente di Acer Reggio Emilia Marco Corradi, attraverso un comunicato -. Il lavoro degli operatori di Acer è ormai un lavoro di trincea, dove i bisogni delle persone in difficoltà, ogni giorno in aumento, si incrociano necessariamente con il rispetto dei principi di equità e trasparenza propri di chi gestisce gli alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà dei Comuni.
Il disagio sociale, profondo e diffuso, di una fascia sempre più ampia di popolazione oggi è aggravato dalla crisi che ha colpito duramente il nostro territorio e dal taglio continuo di risorse da destinare al sociale, e quindi alle persone.
Questi episodi sono l’ennesima testimonianza che è sempre più urgente costruire una rete organizzata che unisca tutte le parti sociali ed economiche per costruire nuovi percorsi di solidarietà e di welfare in grado di contenere e alleviare situazioni di disagio e di difficoltà che rischiano di mettere in crisi l’intera struttura sociale del nostro territorio».

 Poche ore dopo l'aggressione negli uffici dell'Acer, un artigiano minaccia di buttarsi dal tetto di un'azienda che, ha dichiarato, gli deve 15mila euro (leggi) 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • CRISTINA

    21 Marzo @ 12.59

    Cosa si pretende dalla gente senza soldi e lavoro ????\'non e\' che l\'inizio .....\r\n\r\nNessuno dei \"grandi politici e non \" sta facendo qualcosa per ripianare questa situazione che sta degenerando..prima o poi tocca anche a loro

    Rispondi

  • Franco Bifani

    20 Marzo @ 16.19

    L'esagitato è stato reso mansueto dai CC, quando gli hanno intimato: "Buono e ZIto!".

    Rispondi

  • francesco brundo

    20 Marzo @ 14.10

    C'è ben poco da commentare, la gente è esasperata e perde la testa, questo episodio non sarà ne il primo ne l'ultimo

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il pane: domani uno speciale di otto pagine

OGGI

Il pane: uno speciale di otto pagine

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

I corpi senza vita ritrovati dai figli in camera da letto

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

5commenti

elezioni 2017

Salvini torna a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

PARMA CALCIO

Faggiano e la B: «Ci proviamo»

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

2commenti

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

8commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

salumi da re

Norcini e salumieri a raduno a Polesine. Sfida al "panino teen-ager"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Brexit, ci siamo. E non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

roma

Omofobia, Shalpy: "Sputi e insulti per strada: un trauma"

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon